Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
attualità

EMILIA-ROMAGNA: Le discoteche rimangono aperte, assembramenti nel Riminese | VIDEO


Si continuerà a ballare in Emilia-Romagna nonostante il rinvio della riapertura delle discoteche a livello nazionale. Intanto però in alcuni locali della Riviera si continuano a registrare assembramenti.

 

La movida è ancora “un potenziale pericolo”, ha detto il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, chiedendo a tutti di “stare attenti agli assembramenti”. Intanto però la nuova ordinanza regionale manterrà invariate le aperture per le discoteche e le regole per la loro fruizione.

Regole non sempre rispettate, specie in Riviera, soprattutto a tarda notte, come dimostrano queste immagini della Fase 3 dei locali da ballo in provincia di Rimini. Chi balla deve mantenere due metri di distanza dagli altri, e quando negli spazi aperti non si riesce a mantenere la distanza di un metro, è obbligatorio ricorrere alla mascherina. Ma qua tutto sembra tornato all’era pre-Covid. Sulle piste c’è la ressa e le mascherine sono forse piegate in tasca o in borsetta.

Scene simili si sono viste sin dalla riapertura delle discoteche, che in regione è avvenuta il 19 giugno. Queste le immagini postate sui social dai fruitori di un noto locale sul mare di Rimini nell’ultimo weekend di giugno. Nello scorso fine settimana scene simili si sono registrate in quest’altro locale notturno a Misano Adriatico, dove il pienone è andato avanti fino alla mattina. Alcune discoteche ora rischiano pesanti sanzioni per gli assembramenti. Per quest’altro locale sulla spiaggia di Riccione è stato presentato un esposto in procura da parte del Codacons. Il presidente di Silb Emilia-Romagna, Gianni Indino, afferma che “gli imprenditori ce la mettono tutta per adeguarsi ai protocolli” e che “non possono ricadere su di loro tutte le responsabilità”.