Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
attualità

EMILIA-ROMAGNA: L'urlo delle province, "non abbiamo più soldi" | VIDEO

  • Di:
  • 538 visualizzazioni

Anche Upi Emilia-Romagna, l'Unione delle Province, ha accolto l'appello del presidente nazionale di proporre un esposto cautelativo per segnalare "la condizione ormai insostenibile riguardo la manutenzione di strade e scuole di competenza provinciale e portare pienamente a conoscenza, oltre alle Comunità, anche ai giudici della criticità estrema in cui versano le infrastrutture primarie dei territori". "La situazione finanziaria delle Province - dice l'Upi - impedisce l'approvazione dei bilanci 2017 e rende al tempo stesso non sostenibili, in forza dei tagli continui, servizi fondamentali come la manutenzione di 130.000 km di strade e oltre 5.000 scuole superiori frequentate da oltre 2,5 milioni di studenti. Il problema dei tagli del Governo alle Province è stato recentemente sollevato anche dalla stessa Corte dei conti in audizione alla Commissione bicamerale lo scorso 23 febbraio, che li ha definiti tagli irragionevoli". "Le condizioni in cui si trovano le Province non sono più sostenibili - dice Giammaria Manghi, presidente dell'Upi Emilia-Romagna e della Provincia di Reggio Emilia - la legge 56 ci ha affidato una serie di funzioni fondamentali, ma la programmazione finanziaria dello Stato non ci ha attribuito le risorse per farvi fronte e, in primis, dobbiamo risponderne ai cittadini. Ad oggi, non siamo più in grado di garantire la funzionalità dei servizi. Di questo lo Stato deve prendere atto e porre rimedio al più presto, trovando le risorse necessarie. Non vi è più la più disponibilità ad accettare ulteriori proroghe".