Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
attualità

EMILIA-ROMAGNA: La Regione fa sua l’iniziativa riminese sul sostegno al microcredito | VIDEO


Persone economicamente vulnerabili, considerate rischiose dalle banche che per questo non concedono loro prestiti. Individui per i quali, per esempio, una spesa medica improvvisa può risultare inaffrontabile. L’idea di assisterle con piccoli prestiti è nata dalla Cgil di Rimini, è stata abbracciata da altre associazioni del territorio ed è sbarcata nella Commissione Politiche Sociali della Regione Emilia-Romagna, la quale ha approvato un disegno di legge per il sostegno al microcredito di emergenza. 350mila euro sono già stati accantonati per il 2019. I prestiti personali possono arrivare fino a 10mila euro. Tra i firmatari del progetto, anche Banca Popolare Etica, Associazione Palloncino Rosso, Associazione Primo Miglio, Federconsumatori Rimini, Sargo-Rete di Mutuo Credito.

Il disegno di legge è stato approvato il 16 luglio con i voti della maggioranza e l’astensione del centrodestra e del Movimento 5 Stelle. “Si tratta di un sostegno con una valore sociale importante, finalizzato all’acquisto di beni e servizi primari, che intendiamo trasfromare in un capitolo finanziato annualmente”, spiega Emma Petitti, Assessora al Bilancio della Regione Emilia-Romagna. La gestione e il funzionamento del Fondo saranno affidati dalla Giunta ad uno o più gestori, scelti con procedura ad evidenza pubblica.

“I progetti di supporto al microcredito – affermano i firmatari - sono oggi di primaria importanza in quanto rappresentano la risposta all’attenta analisi delle situazioni di fragilità che permangono nell’economia del territorio riminese. Resta sul terreno un senso di fragilità e di instabilità che va recuperato su un piano che non sia esclusivamente caritatevole e assistenziale, ma con progetti di sostegno concreto e di accompagnamento verso il superamento delle difficoltà e la ritrovata autonomia. Questo è, a grandi linee, anche ciò che si propone MiFido ed è anche il motivo che ha convinto NidiL CGIL e tutti gli altri firmatari a sostenere questa nuova iniziativa”.