Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
attualità

EMILIA-ROMAGNA: Protocolli della Regione per parchi tematici e strutture extralberghiere | VIDEO


La data di lunedì 25 maggio è un ulteriore step nel percorso verso la ripartenza del Paese dopo il blocco totale dovuto all’emergenza Coronavirus. La Regione Emilia-Romagna ha approvato i protocolli per la corretta gestione delle attività dei parchi tematici, acquatici, giardini zoologici, luna-park e attrazioni dello spettacolo viaggiante Al fine di garantire la salute e la sicurezza dei dipendenti e degli ospiti andrà effettuato il controllo continuo dell’affluenza, del distanziamento interpersonale, dei dispositivi di protezione individuale, della pulizia e della disinfezione. Per quanto riguarda le biglietterie e gli ingressi, sarà individuato il numero giornaliero massimo di visitatori che possono essere contemporaneamente presenti, sempre per garantire il distanziamento interpersonale ed evitare gli assembramenti. Per le aree giochi si adottano le indicazioni valide per le analoghe strutture pubbliche comunali e quindi le attività di svago e di animazione sono sospese o riorganizzate e previste in piccoli gruppi. Nei parchi acquatici dovranno essere applicate specifiche misure igienico sanitarie già disciplinate per spogliatoi, toilette, solarium, piscine e piani vasca. Negli agriturismi, ostelli, B&B, case per ferie, rifugi alpini ed escursionistici, affittacamere, case e appartamenti per vacanza gli spazi interni ed esterni, gli orari di servizio e le modalità operative, dovranno essere rimodulati per garantire il distanziamento interpersonale di almeno un metro ed evitare gli assembramenti. Nei corsi di musica gli strumenti ad arco, percussioni e strumenti a tastiera devono essere posizionati a 1,5 metri di distanza. e fino all’adozione di specifici protocolli, restano sospesi i corsi per l’insegnamento con strumenti a fiato. Restano sospesi i corsi di ballo a due e i corsi di ballo per cui non è possibile escludere il contatto fisico e per cui non è possibile assicurare il mantenimento della distanza interpersonale di almeno due metri.