Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
attualità

FORLÌ: Tarda la fusione con fiera di Parma, sindacati “Siamo preoccupati” | VIDEO

  • Di:
  • 182 visualizzazioni

I sindacati lanciano l’allarme sul progetto di fusione tra le fiere di Forlì e Parma. “Le criticità sono aumentate – scrivono i rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil – la mancata partenza del progetto al primo luglio determina una serie di ritardi”. Ritardi che potrebbero portare a ripercussioni negative non solo per l’attività fieristica, ma anche per l’occupazione e l’indotto. Il 29 marzo era stato siglato l'accordo quadro per l’unione dei due poli. Il documento, firmato nel capoluogo mercuriale durante la terza giornata di Fieravicola, doveva portare alla creazione di una nuova società al 90% di Parma e al 10% in mano romagnola. Con l’obiettivo principale di rilanciare proprio la rassegna avicola. Ma in attesa che l’intesa si concretizzi, “Verona rischia di essere un’alternativa credibile per gli espositori”, spiegano i sindacati. Il 21 maggio in Comune a Forlì era stato sottoscritto un verbale tra amministrazione e Fiera per l’avvio del progetto di affitto di ramo d’azienda tra i due enti fieristici con la costituzione di una Operating Company a garantire l’occupazione e lo sviluppo dell’attività. “A distanza di mesi non si sa nulla - scrivono i sindacati – su come stiano procedendo i lavori”. Dopo le elezioni c’era stato un primo incontro con Zattini, poi un sollecito datato 4 luglio. “Servono risposte urgenti”, chiudono i rappresentanti. Sulle pagine del Carlino la Giunta ha risposto che a settembre deciderà il da farsi.