Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
attualità

RAVENNA: Cmc, parte il piano di salvataggio, dal tribunale via libera al concordato | VIDEO


Si vede una luce in fondo al tunnel. “Un risultato straordinario” così commenta il presidente Alfredo Fioretti. Dopo un anno e mezzo di profonda crisi che ha richiesto un processo di riorganizzazione dell’azienda, per CMC, colosso ravennate (ma anche nazionale) del cemento, pare sia arrivato il momento di uscire dal tunnel nel quale era sprofondata. Da Tribunale, come si legge stampa locale, arriva infatti il via libera al concordato.  Una crisi difficile, quella vissuta da Cmc, che vedeva la cooperativa schiacciata da un debito di circa 2 miliardi di euro. Gli advisor hanno lavorato senza fermarsi, arrivando a una soluzione lo scorso 25 marzo quando hanno riscontrato un parere favorevole di quasi l’80 per cento dei creditori. Il 4 dicembre è partita la richiesta di poter accedere al concordato preventivo con riserva. Le banche, infatti, avevano già escusso le garanzie su centinaia di milioni di euro di obbligazioni e le agenzia di rating declassato la cooperativa a “rischio di insolvenza elevato”. Il piano concordatario è stato generato alla fine del 2019 e depositato in tribunale per poter essere ispezionato dai commissari. A marzo si sono poi tenute le varie adunanze dei creditori, che hanno portato al parere favorevole al concordato, così come proposto dagli advisor. Con il via libera del Tribunale di venerdì, quindi, CMC riacquista la piena disponibilità del proprio patrimonio, e la opportunità di compiere tutti gli atti di  amministrazione, senza dover ricorrere ad autorizzazioni.