Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
attualità

RIMINI: Acqua pubblica, Amir preoccupata “Caleranno gli investimenti” | VIDEO


Gli investimenti messi in campo e la preoccupazione del privato per il possibile ritorno alla gestione pubblica dell’acqua. È quanto ha voluto mettere in luce Amir, la s.p.a. proprietaria della rete idrica del territorio riminese, in una conferenza stampa indetta insieme ad Hera, ovvero il gestore di quella rete. Con il referendum del 2011 26 milioni di italiani avevano votato per la ripubblicizzazione del servizio, ma il disegno di legge che sposa quell’esito è ancora in fase di gestazione.

L’Emilia-Romagna è, insieme al Molise, l’unica regione d’Italia a non avere subito una procedura di infrazione europea sulla depurazione delle acque reflue. Amir pone l’accento sugli investimenti fatti a Rimini, 17 milioni di euro tra il 2015 e il 2022, 7 dei quali per il potenziamento del depuratore di Santa Giustina. Hera ricorda che per i riminesi le tariffe dell’acqua sono le più basse in Romagna. Una famiglia di tre persone spende a Rimini in media 315 euro all’anno contro i 350 di Forlì-Cesena. Un litro d’acqua costa dunque all’utente riminese circa 0,2 centesimi.