Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
attualità

RIMINI: Museo d'Arte Contemporanea, rinvenuta targa delle vecchie Poste | VIDEO


Sono ripresi dopo la pausa d’agosto i lavori per la realizzazione del nuovo Museo d’arte moderna e contemporanea della Città di Rimini con l’obiettivo di concludere l’intervento nel mese di dicembre prossimo.

Un intervento che intreccia la valorizzazione dei Palazzi Podestà e Arengo, la nascita del nuovo Museo Arte Moderna e Contemporanea e l’incontro con la Fondazione San Patrignano, che nei nuovi spazi espositivi metterà a disposizione del pubblico il proprio patrimonio di opere d’arte contemporanea raccolte a sostegno della propria operatività grazie a numerose donazioni di collezionisti, galleristi e artisti.

Durante i lavori è stata rinvenuta la targa in marmo di “impostazione” degli storici uffici delle Poste. Verranno mantenuti i sistemi di distribuzione verticale delle scale e dell’ascensore, che portano al piano superiore dove continuerà l’esposizione. Il piano primo del Podestà ospiterà una sala polivalente e una sala per la proiezione di filmati. Nella sala dell’Arengo un setto dividerà la sala in due ambiti: uno dal lato delle polifore per l’esposizione di sculture; l’altro, verso nord, dedicato a opere fotografiche e su tela.

L’intervento in corso è realizzato in sinergia e in contemporanea all’intervento denominato riqualificazione impiantistica dei tre Palazzi storici situati in Piazza Cavour che riguarderà il rifacimento degli impianti meccanici a servizio dei palazzi storici Podestà, Arengo e Garampi.

Sono una quarantina, per un valore complessivo stimato dalla casa d'asta Phillips pari ad 6.900.000 euro, le opere che sono in predicato per l’esposizione nei nuovi spazi del Museo d’Arte moderna e contemporanea. Tra questi “Untitled” di Agnes Martin proveniente dalla Pace Gallery di New York, “Carlina” di Julian Schnabel, “Tra Specchio e tela” di Michelangelo Pistoletto e VBSS.002 di Vanessa Beecroft. Le opere sono già state presentate alla Triennale di Milano e al Maxxi di Roma, in un "work in progress" fino all'apertura del nuovo Museo.