Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
attualità

ROMA: Lutto nel giornalismo, è morto Sergio Zavoli, aveva 96 anni | VIDEO


Se ne è andato il padre del giornalismo televisivo italiano. Sergio Zavoli si è spento a Roma all’età di 96 anni dopo una vita passata a raccontare il Paese e ad inventare nuovi linguaggi per farlo. Nato a Ravenna nel 1923 e cresciuto a Rimini, è stato il padre di programmi storici come ‘La notte della Repubblica’, ‘TV7’ e ‘Controcampo’. Radiocronista, condirettore di telegiornale, direttore del Gr1, è stato autore di inchieste giornalistiche di grande rilievo, direttore del Mattino di Napoli e presidente Rai negli anni Ottanta. Notevole anche la sua produzione letteraria, con i tanti saggi scritti dagli anni Sessanta fino ai tempi più recente. Lunga anche la militanza politica con i suoi 17 anni passati in Senato, in cui entrò tra le fila dei Democratici.

Amava raccontare l’Italia, Zavoli. La sua curiosità mai doma l’aveva ben presto messa al servizio dei nuovi media di allora, come la televisione. Sentiva il peso della responsabilità del racconto giornalistico e con lui il pubblicato italiano ha maturato una maggiore consapevolezza del proprio tempo. Mente versatile, la sua passione sportiva lo portò anche a firmare nel ’58 la rubrica dedicata al ciclismo ‘Processo alla tappa’. Tra i suoi migliori amici c’era un altro illustre riminese, Federico Fellini.

“Una perdita enorme per la cultura italiana, un fortissimo dolore personale”, ha commentato la scomparsa di Zavoli il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini. “Un vuoto incolmabile nella formazione di coscienze professionali”, sono le parole del presidente del consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, Carlo Verna. “Un autentico e profondo difensore della Rai Servizio Pubblico”, sono le parole dell’esecutivo Usigrai. La tumulazione di Sergio Zavoli avverrà a Rimini.