Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
attualità

ROMAGNA: Maltempo, parte la conta dei danni. Agricoltura e turismo in ginocchio | VIDEO


Passata la grande paura per l’ondata di piena ora è il momento di fare una prima conta dei danni. I settori più colpiti: ovviamente l’agricoltura ma anche il turismo.

Prima la siccità del mese di aprile, ora il diluvio di maggio, con la pioggia di un mese caduta tutta insieme nel giro di meno di due giorni. Sembra una primavere maledetta per quanto riguarda il settore dell’agricoltura, che sta facendo i conti con difficoltà di ogni genere. Il caso più eclatante riguarda forse Ferrara, con i dati di Confagricoltura che dicono che il 90% dei lavoratori ha subito danni ingenti, soprattutto per quanto riguarda la coltivazione delle pere. Danni per milioni di euro in tutta l’area romagnola per quanto riguarda orzo e grano, le cui spighe sono state letteralmente schiacciate a terra dalla furia del tempo. A soffrire particolarmente a Ravenna è stata la coltivazione del kiwi, di cui il territorio è uno dei maggiori produttori, pianta questa particolarmente sensibile al vento, che in questi giorni non ha dato scampo. A Cesena invece il disastro riguarda ortaggi, ciliegie e fragole che, si stima, hanno subito danni per almeno il 70% del raccolto mentre bisognerà aspettare le prossime settimane e il ritorno, si spera, del sole e del caldo, per valutare meglio le condizioni di pesche, susine e albicocche.  Non solo l’agricoltura però. A soffrire il maltempo è anche la riviera che si preparava ad accogliere i turisti ma che ha dovuto fare i conti con la cancellazione pressoché totale delle prenotazioni. Queste le immagini della spiaggia di Rimini, invasa da 2mila tonnellate di legname. Un vero e proprio naufragio per gli operatori del settore. Si parla del 70% del fatturato perso rispetto a maggio 2018.