Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
attualità

ROMAGNA: Ponte del 2 giugno, molta gente in spiaggia “Cominciata l'estate” | VIDEO


Primo weekend d’estate il ponte del 2 giugno appena trascorso. Sulle spiagge romagnole si sono affacciati clienti provenienti da tutta la regione. Tra gli imprenditori cresce la speranza nei confronti di una stagione che fino a poche settimana fa sembrava in gran parte compromessa.

 

Il ponte del 2 giugno è stato il primo weekend estivo per la Riviera romagnola, complice il bel tempo che ha portato in spiaggia tante persone, tra locali e delle province emiliane. A Rimini si è trattato del primo fine settimane con gli ombrelloni piantati secondo l’ordinanza comunale che prevede 18 mq per paletto. Per gli operatori balneari, aprire è stata una corso contro il tempo. “Primo ponte utile per noi della spiaggia – ha spiegato Massimiliano Spada del Bagno 23 -. La gente ha risposto bene, aveva voglia di mare. Sono venuti sia riminesi, ma anche gente di Bologna e Modena. Confidiamo con l’apertura delle frontiere di riuscire ad accogliere anche gli altri nel prossimo weekend”. Si dice “molto soddisfatto” anche il suo collega Tony Pavolucci del Bagno 20, che racconta un aneddoto su di un cliente emiliano: “Accompagnandolo all’ombrellone si è tolto le ciabatte, ha messo i piedi nella sabbia e mi ha detto, ‘non pensavo di poter toccare la sabbia quest’anno’. Mi è rimasto impresso”. Riaprire è stata “una corsa contro il tempo”, spiega Giulia dal Bagno 25. “Molti pensano che tiriamo su la saracinesca, ma non è così. Con tanto impegno ce l’abbiamo quasi fatta”. La stagione cominciata rende “fiduciosi e preoccupati insieme”, ammette la balneare. Da queste parti gli stabilimenti hanno rinunciato a circa un terzo degli ombrelloni per il rispetto delle distanze. Cambiano le cose anche nei bar-ristoranti su spiaggia, come racconta Marco Nicolò dal Bar Valentina. Ora, dice il ristoratore, “lavoriamo esclusivamente con le prenotazioni, abbiamo una persona in più che disinfetta tavoli e sedie, abbiamo fatto più turni a causa della riduzione dei coperti”.