Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
attualità

ROMAGNA: Progetto di maxi-trivelle al confine con Marche, “Daremo battaglia” | VIDEO


Nell’Adriatico si potrà proseguire alla trivellazione dei fondali marini per la ricerca di idrocarburi. Dopo la sconfitta del quesito referendario che si opponeva a tale pratica, e dopo la presentazione dei ricorsi da parte di vari enti tra cui le regioni Puglia e Abruzzo, il Consiglio di Stato ha infine dato il via libera alla creazione di nuove piattaforme in mare. E questo riguarda anche la costa romagnola. L’area di ricerca del gas coinvolgerà oltre 30mila metri quadrati.

Un progetto che ha di recente fatto discutere è quello denominato “Bianca Luisella” e che coinvolge il tratto di acque tra le Marche e la Romagna. Si tratta di una maxi piattaforma con otto nuovi pozzi che dovrebbe a breve comparire all’orizzonte del tratto sud della costa riminese. L’amministrazione comunale di Cattolica, che vi si troverebbe di fronte, negli ultimi tempi si è mossa autonomamente per presentare ricorso al Tar e chiedere l’annullamento del progetto approvato dal Ministero dell’Ambiente. Il sindaco Gennari afferma di non avere intenzione di retrocedere e chiede agli altri sindaci della zona, che nelle scorse settimane lo hanno schivato, di unirsi alla sua battaglia.