Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

Salute24


EMILIA-ROMAGNA: Coronavirus, al via studio per produrre plasma iperimmune Attualità

EMILIA-ROMAGNA: Coronavirus, al via studio per produrre plasma iperimmune

Al via in Emilia-Romagna uno studio di fattibilità per la produzione di plasma iperimmune da pazienti e donatori che hanno contratto l’infezione da SARS-CoV-2 sviluppando poi gli anticorpi. "L’immunoterapia passiva - spiega l'ente regionale in una nota - effettuata con l’impiego del plasma dei pazienti guariti - definito plasma iperimmune o 'convalescent plasma' - potrebbe infatti rappresentare un approccio da tenere in considerazione nel trattamento delle infezioni da SARS-CoV-2, sulla base delle esperienze maturate in altri paesi, tra cui Cina e Stati Uniti". Il protocollo, predisposto dal centro regionale sangue e dall’agenzia sanitaria e sociale insieme all’assessorato alle politiche per la salute, arruolerà, su base volontaria, due gruppi di persone: i pazienti che hanno sviluppato l’infezione in tempi recentissimi,  precedentemente ospedalizzati o in quarantena fiduciaria a domicilio e attualmente  guariti; e i donatori  periodici  volontari di plasma, che hanno contratto l’infezione in forma asintomatica  o paucisintomatica,  individuati tra coloro che si presentano per l’aferesi - cioè la donazione mirata, solo di alcune componenti del sangue, come il plasma - periodica.


EMILIA-ROMAGNA: Coronavirus, nell'ultimo bollettino 115 nuovi casi e due morti Attualità

EMILIA-ROMAGNA: Coronavirus, nell'ultimo bollettino 115 nuovi casi e due morti

Sono 115  - di cui 50 asintomatici individuati nell'ambito delle attività di tracciamento e screening regionali - i nuovi casi di positività al Coronavirus registrati in Emilia-Romagna secondo l'ultimo bollettino dei contagi dove il numero complessivo dall'inizio dell'epidemia si attesta a quota 34.340  e dove, nelle ultime 24 ore analizzate,  sono morte due persone: una donna di 90 anni in provincia di Parma e un uomo di 87 anni in quella di Ravenna. Dei 115 nuovi casi, spiega la Regione,  74 erano già in isolamento al momento dell'esecuzione del tampone e 51 sono stati individuati nell'ambito di focolai già noti mentre sono 16 i nuovi contagi collegati a rientri dall'estero, e 5 da altre regioni. Il maggior numero va in archivio nelle province di Bologna (21), Reggio Emilia (20), Modena (17) Ravenna (13), Piacenza (11), Parma (10). Zero, invece, i casi nella provincia di Rimini. I tamponi effettuati sono stati 7.635 - per un totale di 1.085.411 - cui vanno aggiunti 2.079 test sierologici. I casi attivi, cioè il numero di malati effettivi, a oggi sono 4.529 (91 in più di quelli registrati ieri), le persone in isolamento a casa sono complessivamente 4.341 (96 in più rispetto a ieri). I pazienti in terapia intensiva rimangono 19 come ieri, e i ricoverati negli altri reparti Covid 169, 5 in meno rispetto a ieri Le persone complessivamente guarite, infine, sono 25.335, 22 in più rispetto a ieri.


BOLOGNA: Salgono i contagi, Sileri "No alla seconda ondata" | VIDEO Attualità

BOLOGNA: Salgono i contagi, Sileri "No alla seconda ondata" | VIDEO

I contagi aumenteranno, ma non ci sarà una seconda ondata, il viceministro Sileri guarda con ottimismo al futuro, la fase di convivenza con il virus andrà avanti ancora per un po’, ma questo non dovrà precluderci la normalità come tornare allo stadio per un match sportivo: su questo fronte, mentre il Codacons esprime preoccupazione per l’ordinanza del presidente Bonaccini che consente l’apertura degli stadi di Parma e Reggio Emilia per un numero massimo di 1000 tifosi, il viceministro si dice d’accordo.  



CESENA: Coronavirus, mini-focolaio da una festa tra giovanissimi Attualità

CESENA: Coronavirus, mini-focolaio da una festa tra giovanissimi

Sarebbe stata una festa privata, forse da ballo, a innescare un possibile piccolo focolaio di coronavirus a Cesena. Oggi, dopo la positività di uno studente di un liceo linguistico, è risultato contagiato un ragazzo di un altro istituto che ha portato, anche in questo caso, alla messa in quarantena di tutta la classe. Si tratta di 26 studenti che saranno a breve sottoposti al tampone. "I docenti - spiega Ausl Romagna - non sono stati considerati contatti stretti, non è previsto l'isolamento ma saranno sottoposti al test". Quanto alla classe del liceo linguistico, " gli esiti dei tamponi effettuati al personale docente, ai compagni e amici del giovane - comunica l'Ausl locale - sono tutti negativi, tranne un compagno di classe, asintomatico, già posto in quarantena, che è risultato positivo". "In realtà - dice Leonardo a TR24, uno dei ragazzi in quarantena - noi ci siamo visti sabato sera in una terrazza di un hotel a Gatteo: eravamo una decina e non si trattava di una festa da ballo. Tutti stavamo bene - prosegue - poi il giorno dopo una delle ragazze è stata male e non è andata a scuola. Eravamo all'aperto - precisa Leonardo - c'erano anche un minimo di misure di distanziamento".   In foto un'aula scolastica deserta


Notizie recenti