Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
attualità

RIMINI: Gestivano hotel con la violenza, sgominato gruppo criminale | VIDEO


Infiltrazioni della criminalità della Riviera romagnola. La guardia di Finanza di Rimini ha sgominato un sodalizio criminale, originario della Calabria, che gestiva hotel sulla costa con prestanome e ricorrendo anche all’uso della violenza per non pagare affitti e stipendi.

 

Imprenditori originari della Calabria e da alcuni anni stanziali nel Riminese che dal 2018 gestivano in forma occulta cinque hotel sulla Riviera romagnola, un chiringuito a Viserba e una società che organizzava eventi a Rimini. In base alle indagini della guardia di Finanza, si tratta di un sodalizio criminale che tendeva ad affermare il proprio ruolo sul territorio attraverso la repressione violenta dei contrasti sorti con i soci.

In breve tempo si sono infiltrati nell’economia legale romagnola prendendo in gestione alcune pensioni tradizionali tra Cesenatico, San Mauro Mare, Rimini e Castrocaro Terme. Le lunghe indagini dei finanzieri hanno portato alla contestazione per alcuni del reato di estorsione con l’uso di armi. In particolare un dipendente che chiedeva lo stipendio sarebbe stato minacciato di morte con una pistola evocando l’appartenenza alla ‘ndrangheta, che però deve ancora essere dimostrata. È stato questo dipendente, oltre a un titolare di hotel a cui non veniva pagato l’affitto, a sporgere denuncia.

Accanto al sodalizio criminale è emerso un secondo livello di prestanome di origine campana e pugliese, reclutati perché parenti o conoscenti. In totale sono nove gli indagati, otto le misure cautelari eseguite. Ed è stato eseguito anche il sequestro preventivo di quote societarie pari a un milione e mezzo di euro.