Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
ROMAGNA: Contagi covid, impennata di Rimini, si rischia la “zona gialla”
attualità

ROMAGNA: Contagi covid, impennata di Rimini, si rischia la “zona gialla”


Continuano ad aumentare i casi di covid in Romagna così come i ricoveri in ospedale. Facciamo il punto con il bollettino settimanale diffuso dall’Ausl.

“Il quadro epidemiologico conferma una costante ed ampia diffusione del virus, anche nella settimana presa in esame. Ma al contempo sappiamo che una risposta efficace c’è ed è la terza dose”. Così il direttore sanitario di Ausl Romagna Mattia Altini che, commentando i numeri del covid degli ultimi 7 giorni, delinea quali sono le due dinamiche che stanno influenzando la curva epidemiologica nel territorio. Da una parte, un sensibile aumento dei contagi, dall’altra il numero di ospedalizzazioni che viene tenuto a bada dai vaccini. Guardando al grafico che mette a confronto la settimana appena trascorsa con la stessa dell’anno 2020, salta agli occhi come l’aumento dei contagi non cambi di molto, mentre restano decisamente più bassi i ricoveri e i decessi. “Tutti i dati confermano che c’è un’enorme differenza fra vaccinai e non vaccinati in termini di possibilità di contrarre la malattia, ma soprattutto in materia di ospedalizzazioni e morti”spiega Altini. Nonostante questo preoccupa la curva dei positivi in costante aumento, che avvicina la regione alla tanto temuta “zona gialla”. 3401 i nuovi positivi in Romagna con un deciso balzo della provincia di Rimini, che ne ha registrati 1187. 176 sono invece i ricoverati nei reparti covid, di cui 16 in terapia intensiva. 20 i decessi. Altro dato da tenere d’occhio è la diffusione del virus nelle scuole. Al momento ci sono 169 classi in quarantena con Rimini ancora una volta maglia nera (55 classi), immediatamente seguita da Forlì. “E’ bene sottolineare l’importanza che il servizio sanitario in questo momento non vada in affanno – conclude Altini – per evitarlo occorre continuare a convincere le persone che non hanno ancora fatto la prima dose a vaccinarsi”