Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
attualità

ROMAGNA: Discoteche riaperte col 35% di capienza, Silb scontento | VIDEO


Le discoteche possono riaprire. È arrivato l’ok del Comitato tecnico scientifico, anche se sono previste forti limitazioni per quanto riguarda la capienza. Scontento il sindaco dei locali da ballo.

 

Riaprire sì ma con un terzo della capienza. Il Comitato tecnico scientifico si è espresso in risposta all’Esecutivo dando l’ok alla riapertura delle discoteche, ma con una capienza all’interno del 35% e all’esterno del 50%. Si entra solo con Green pass e la mascherina va usata in tutti gli spazi tranne che sulla pista da ballo. Il pronunciamento degli esperti potrebbe ora essere recepito dalla cabina di regia del Governo in vista di un probabile Consiglio dei ministri di giovedì prossimo. Ma i gestori dei locali non brindano affatto.

"Il 35% di capienza al chiuso è una percentuale difficile da accogliere positivamente perché per i nostri locali, che hanno già le capienze più basse d'Europa, è una capienza antieconomica, che non permette di rimanere sul mercato. Continuiamo con forza a chiedere un tavolo di confronto". Così Gianni Indino, presidente del Silb-Fipe Emilia-Romagna, i gestori delle sale da ballo, commenta il parere del Cts sulla riapertura delle discoteche. Domani, 7 ottobre, si riunirà a Roma il direttivo nazionale del Silb-Fipe, "che prenderà atto formalmente delle decisioni prese dal Cts e valuterà se ci siano le condizioni per continuare a dialogare attraverso un tavolo di confronto, oppure se sarà necessario passare alle proteste rumorose e diffuse", "ora la politica italiana può far sentire la sua voce: il periodo del bla bla bla mi auguro sia finito". Bene l'interessamento del comitato al settore, sottolinea Indino, meno per le indicazioni date. "Si pensi solamente a quanto personale serve per organizzare una serata, dai barman ai tecnici, dai dj al personale per la sicurezza - spiega - Riempiendo il locale solo al 35%, non si coprirebbero nemmeno i costi vivi. Vogliamo tornare a lavorare, ma non possiamo rimetterci. Non capiamo davvero perché, se tutti gli avventori devono essere muniti di Green Pass, non si possa avere una capienza ben più alta. A maggior ragione adesso che il governo ha deciso per l'ampliamento delle capienze per tutti i settori dello sport e dello spettacolo, all'aperto e al chiuso".