Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

ANDREA ZANZI


CALCIO: Ravenna, tre punti d'oro dalla sfida con la Correggese - VIDEO Sport

CALCIO: Ravenna, tre punti d'oro dalla sfida con la Correggese - VIDEO

Il cuore, il carattere, la fame di vittoria, la capacità di saper soffrire spingono il Ravenna oltre l’ostacolo di una coriacea Correggese, e i giallorossi tornano a conquistare con pieno merito i tre punti al Benelli dopo quasi tre mesi di attesa, guastando il ritorno da ex di mister Benuzzi. Sono Innocenti, al suo primo gol nel 2016, e Petrascu, con due assaggi di classe, a mettere la firma su un successo che può costituire un importante punto di svolta nella stagione dei giallorossi alla vigilia del lungo e decisivo ciclo di sfide per la salvezza. Dopo una lunga fase di studio, con poche iniziative da entrambe le parti, il match si accende al 35’ quando Zuccolini centra la parte alta della traversa su angolo di Ponsat. Va meglio al 43’ a capitan Innocenti, la cui torsione di testa sul corner corto di Ambrogetti plana alle spalle di Chiriac. Undicesimo centro per Innocenti e digiuno interrotto dopo 574’. Subito dopo Ambrogetti va via sullo stretto ad un paio di avversari ma viene rintuzzato in angolo al momento di battere a rete. Dagli spogliatoi esce una Correggese feroce; al 2’ Bovi collauda i riflessi di Magnani, che alza oltre la traversa; Camarà al 4’ manda sul fondo da buona posizione sul bel traversone di Franceschini ma fa capire che il gol è maturo e infatti, un giro di lancette dopo, Landi risolve una mischia in area con un rasoterra a fil di palo alla sinistra di Magnani. Il portiere del Ravenna è bravo al 16’ ad anticipare Camarà, pronto all’inzuccata vincente. Al 28’ l’episodio chiave della gara: su un erroraccio del Ravenna, la Correggese riparte in situazione di 4 contro uno, Landi serve Camarà che appoggia a Bernasconi a centro-area. Il pallone supera tutti ed è destinato in fondo alla rete; Radoi, in salvataggio disperato, lo allontana. Dentro o fuori? L’arbitro prima accorda il gol, poi si consulta col guardalinee, rimasto fermo, e cambia la decisione. Si resta sull’1-1, e il pericolo corso scuote i giallorossi, che ripartono all’attacco e al 32’ Petrascu e Innocenti si inventano la splendida triangolazione che manda al tiro l’attaccante romeno: una conclusione di rara potenza e bellezza che si infila sotto l'incrocio dei pali alla destra di Chiriac. Per Petrascu è il terzo centro in questo campionato, il primo sotto la curva Mero. Il finale è un arrembaggio della Correggese: Magnani sventa al 36’ il pericoloso tiro-cross di Selvaggio e si oppone in uscita a Bernasconi al 42’. Camarà si fa espellere per doppia ammonizione al 48’, e sull’ultima punizione della partita, Bernasconi segna, di testa, ma quando l’assistente ha già alzato la bandierina a segnalare il fuorigioco per un fuorigioco che sembra non esserci. Il Ravenna torna a vincere e dopo nove giornate scala di una posizione la classifica, scavalcando l’Union Arzignano. “Abbiamo disputato una grande partita sotto tutti i punti di vista - commenta Mauro Mosconi, in panchina al posto del fratello Andrea, squalificato – soprattutto nel primo tempo, sfruttando anche il vento a favore, poi nel secondo tempo siamo ricaduti in quegli errori già fatti in precedenza e abbiamo incassato subito la rete, rischiando anche di prendere la seconda; qui sono venuti fuori tutto il temperamento che ci contraddistingue e la voglia di vincere che avevamo e siamo riusciti a segnare il secondo gol, portando a casa tre punti importantissimi per la classifica e per il morale della squadra”. Il tabellino di Ravenna-Correggese 2-1 RAVENNA (4-3-3):  Magnani; Maini, Mandorlini, Antoniacci, Caidi; Guagneli, Del Mastio, Righini (18’ st Radoi); Ambrogetti (27’ st Petrascu), Innocenti, Battiloro (37’ st Atzori). A disp.: Iglio, Destani, Magri, Minardi, De Vecchis. All.: M. Mosconi (A. Mosconi squalif.). CORREGGESE (4-3-3): Chiriac; Selvaggio, Bertozzini, Zuccolini, Varini (46’ st Pipoli); Davoli, Landi, Bovi (24’ st Bacher); Franceschini (21’ st Bernasconi), Ponsat, Camarà. A disp.: Cotticelli, Guerra, Pappaianni Lenzi, Bellei, Barilli, Berni. All.: Benuzzi. ARBITRO: Rasia di Bassano del Grappa. RETI: 43’ pt Innocenti, 5’ st Landi, 32’ st Petrascu. NOTE: Espulso al 48’ st Camarà per doppia ammonizione. Ammoniti: Caidi, Selvaggio, Franceschini, Bernasconi. Angoli: 5-5. Recupero: 0’ e 6’.


BASKET: Unieuro, che trionfo: la Coppa Italia di serie B è tua! - VIDEO Sport

BASKET: Unieuro, che trionfo: la Coppa Italia di serie B è tua! - VIDEO

Si è conclusa con una strepitosa vittoria la marcia trionfale dell'Unieuro Forlì alla conquista della Coppa Italia di serie B. Nella finale di Rimini la squadra di Garelli ha avuto ragione di Roma con un sonante 78-64. Biancorossi avanti per tutta la durata del match e capaci di toccare anche 20 punti di vantaggio a pochi secondi dalla sirena dell'intervallo, prima di disputare un secondo tempo in assoluto controllo e sprigionare la propria gioia al termine del match. Per Forlì si tratta della seconda Coppa Italia di serie B dopo quella ottenuta dalla Fulgor nel 2003, la prima dalla ricostruzione avviata nella passata stagione.


CALCIO: Santarcangelo, un punto d'oro nella tana della Lupa - VIDEO Sport

CALCIO: Santarcangelo, un punto d'oro nella tana della Lupa - VIDEO

Un punto prezioso al termine di una partita tutt'altro che brillante: il Santarcangelo rientra dalla trasferta in casa della Lupa Roma soddisfatto per avere mosso la classifica al cospetto di una squadra, quella capitolina, segnalata in ottime condizioni di forma. In effetti sono stati i padroni di casa a tenere il pallino del gioco in mano per quasi tutto il match, senza mai trovare però l'occasione giusta per pungere un Nardi comunque sempre attentissimo. Gialloblu che così hanno parzialmente riscattato la sconfitta patita sabato scorso per mano dell'Ancona e si sono portati a quota 29 punti in classifica, a +1 su di un Rimini che scenderà in campo questo pomeriggio, alle ore 15, per affrontare la Carrarese. Per l’occasione Acori sarà costretto a rinunciare a Bifulco e Lasicki, impegnati nelle rispettive nazionali giovanili, oltre allo squalificato Esposito e l'infortunato Puccio. Conferma in vista per il tridente già apprezzato a Prato con Di Molfetta e Albertini ad agire sulle fasce alle spalle di Polidori.


BASKET: A2, Andrea Costa e OraSì serrano le fila per la volata play-off - VIDEO Sport

BASKET: A2, Andrea Costa e OraSì serrano le fila per la volata play-off - VIDEO

Il tempo stringe, le giornate sono sempre di meno: quattro per la precisione, tante quanto ne mancano da qui alla fine della regular season per definire la griglia play-off nel campionato di serie A2. Una realtà ormai data per acquisita in casa Andrea Costa, con gli imolesi comunque attesi da una sfida dal forte profumo di post season: domani al PalaRuggi sbarcherà la corazzata Mantova, capolista del girone assieme a Treviso e devastante soprattutto nei suoi viaggi in trasferta, con quel ruolino di marcia da otto vittorie sulle 13 partite giocate fuori casa a testimoniare la forza del roster di coach Martelossi. Ben più agevole si presenta invece il compito toccato in sorte all'Orasì Ravenna che ospiterà  la derelitta Matera: i lucani hanno salutato ormai da tempo la serie A2 e non dovrebbero costituire un ostacolo insormontabile per Deloach e compagni, che comunque avranno le loro belle gatte da pelare di qui in avanti. Il trittico Roseto, Mantova e Treviso è di quelli che te li raccomando, indi per cui i giallorossi non potranno permettersi distrazioni domani nella sfida del Pala de Andrè.


CICLISMO: Zanardi e l'oro di Londra, "Felicità e tristezza allo stesso momento" - VIDEO Sport

CICLISMO: Zanardi e l'oro di Londra, "Felicità e tristezza allo stesso momento" - VIDEO

Si è aperto ieri, con una serata suggestiva e di grandi emozioni, il week end della 20esima Granfondo Selle Italia ‘Via del Sale’,  nella splendida cornice dei Magazzini del Sale di Cervia. L’ospite d’onore Alex Zanardi ha commosso ed emozionato tutti i partecipanti alla serata raccontando la storia della sua rinascita, dopo il dramma vissuto per l'incidente, e come è riuscito attraverso la sua associazione BIMBINGAMBA Onlus, per ridare il sorriso a tanti bambini che provengono da ogni parte del mondo, che hanno perso uno o più arti  e  non avrebbero  le possibilità economiche per avere una protesi.  “Sarebbe bello poter raccontare tutte le emozioni particolari vissute incontrando ogni singolo bambino”  dice Alex, raccontando di come riesca a dare sostegno a questi bambini per affrontare il difficile percorso che li ‘accomuna’ alla sua storia. Alex Zanardi è testimonial ideale di questa edizione della Via del Sale, anzitutto perché la Condivisione è proprio il  tema scelto per il ventennale; in secondo luogo perché la storia della sua rinascita ha avuto inizio proprio dall’ hand bike. Alex ha ricordato la sfida alla sua prima maratona di New York, nel 2007, da cui tutto è cominciato: “Sono sempre andato in bici prima dell’incidente, ma non avevo mai sviluppato questa passione. Vincendo quel titolo, l'oro alla Paralimpiadi di Londra 2012, credo di aver portato a casa un tributo di affetto e di ammirazione, che non avrei avuto vincendo il Grampremio di Monza di Formula 1!”.


BASKET: Come cambiano le gerarchie della serie B dopo l'ultimo turno - VIDEO Sport

BASKET: Come cambiano le gerarchie della serie B dopo l'ultimo turno - VIDEO

Adesso sì che si fa dura per l'Unieuro Forlì, che paga a caro prezzo l'ennesimo scivolone di un girone di ritorno sin qui caratterizzato da qualche svarione di troppo per gli uomini di Garelli: l'ultimo è arrivato nel match casalingo contro l'Etrusca San Miniato, un beffardo 85-86 maturato dopo un match vissuto punto a punto per i biancorossi. Forlivesi sempre in vetta del campionato ma ora in coabitazione con Piacenza, quasi infallibile in questo girone di ritorno: l'unica squadra capace di mantenere il passo degli emiliani è stata l'NTS Rimini, implacabile dominatrice anche del derby contro la Dulca Santarcangelo: finisce 90-77 al PalaFlaminio ed ora i ragazzi di Bernardi sono sempre più vicini all'obiettivo play-off. Tutto l'opposto il discorso riguardante la Raggisolaris che è sempre più inguaiata: faentini ancora una volta a secco nella sfida col Bottegone, corsaro a Faenza per 74-73 ed ora la classifica piange sul serio.


CALCIO: Gomis, cento di queste presenze... ma con la maglia del Cesena! - VIDEO Sport

CALCIO: Gomis, cento di queste presenze... ma con la maglia del Cesena! - VIDEO

Più che una difesa, un bunker quello del Cesena: sono numeri importanti quelli vantati dai bianconeri specie nel catino dell'Orogel Stadium, dove fino ad ora hanno incassato la miseria di 9 reti sulle 17 partite sino ad ora disputate di fronte al pubblico amico, un dato che la dice lunga sulle difficoltà che le malcapitate squadre avversarie hanno incontrato al "Manuzzi" e che spiega bene anche l'ottimo rendimento interno sin qui tenuto dagli uomini di Drago che a Cesena hanno incamerato 40 dei 54 punti sinora conquistati. Uno dei fattori che sicuramente hanno reso quasi imperforabile la porta bianconera si chiama Alfred Gomis: l'estremo difensore ex Crotone ha infatti stupito tutti per la maturità e la sicurezza dimostrata tra i pali, ha accusato pochissimi passaggi a vuoto ed è destinato a diventare l'autentico oggetto del desiderio nella prossima sessione di mercato. Tra l'altro, proprio nel match di lunedì il portierone di proprietà del Torino ha festeggiato le sue prime 100 presenze sui campi di serie B, come lui stesso ha evidenziato sul suo profilo Facebook: "Casualità vuole che la mia prima partita la giocai con la maglia del Crotone proprio contro il Cesena, squadra che mi sta regalando emozioni uniche in questa annata" le parole da lui usate per celebrare questa ricorrenza. Fatto 100 ora si farà anche 101, anche se non è detto che ciò accada sabato contro il Vicenza: Gomis è infatti rimasto vittima di un attacco influenzale, lui come il vice Agliardi, Improta e Ciano, ma farà di tutto per recuperare e presentarsi puntuale all'appuntamento con gli amati pali dell'Orogel Stadium.