Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

ELISABETTA ZANDOLI


COLOMBIA: Tentata rapina in casa, 39enne cesenate ucciso a Medellin Cronaca

COLOMBIA: Tentata rapina in casa, 39enne cesenate ucciso a Medellin

Un 39enne originario di Cesena, Luca Andreoli, è stato ucciso a Medellin, a quanto pare nel corso di una rapina. Andreoli si era trasferito in Colombia da alcuni anni per motivi di lavoro. L'omicidio è stato commesso all'alba di venerdì. Andreoli lavorava da tempo in una raffineria d'oro, aveva studiato a Cesena poi all'università di Bologna. E' stato ucciso durante una rapina nella propria abitazione a una trentina di chilometri da Medellin. Secondo una prima ricostruzione un gruppo di banditi è entrato nella villetta, forse pensando che non ci fosse nessuno in casa. Andreoli è stato colpito da un proiettile e subito le sue condizioni si sono rilevate disperate: è morto poche ore dopo all'ospedale. Ferita non in modo grave la moglie colombiana che era con lui.


RIMINI: Crolla la facciata di un palazzo del 1700 a Coriano, chiusa una strada | VIDEO Attualità

RIMINI: Crolla la facciata di un palazzo del 1700 a Coriano, chiusa una strada | VIDEO

Un crollo improvviso, sabato sera, ha sfigurato un edificio del 1700 nel Comune di Coriano. La parte anteriore di Palazzo Tomasetti è andata completamente distrutta, fortunatamente all’interno non c’era nessuno. Per mettere in sicurezza l’area è stata chiusa via Montescudo, all’altezza della frazione di Cavallino. Erano passate da poco le 21 quando i vigili del fuoco sono arrivati in forze sul posto con sei operatori e due mezzi. La prima operazione era tesa a escludere la presenza di persone tra le macerie: i vigili sono intervenuti con una termocamera per ispezionare l’area. Nel giro di poco sono arrivati anche carabinieri e polizia Municipale. Il sindaco Domenica Spinelli, insieme a parte della giunta, ha svolto un sopralluogo domenica mattina per verificare lo stato di pericolo della zona. “Abbiamo chiesto alla Provincia di intervenire prontamente per scongiurare pericoli alla circolazione”, spiega la prima cittadina, che aggiunge “lunedì subito lavoro di concerto con uffici ed enti per la riapertura al traffico in sicurezza”.


EMILIA-ROMAGNA: 107 nuovi positivi al Covid19, l'età media è 36 anni Attualità

EMILIA-ROMAGNA: 107 nuovi positivi al Covid19, l'età media è 36 anni

Sono 107 i nuovi casi di coronavirus in Emilia-Romagna rispetto a ieri, di cui 58 asintomatici. Il numero di tamponi effettuati supera gli 11.600. Prosegue l’attività di controllo e prevenzione: dei 107 nuovi casi, più della metà (62) erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone e 36 sono stati individuati nell’ambito di focolai già noti. Sono 27 i nuovi contagi collegati a rientri dall’estero, per i quali la Regione ha previsto due tamponi naso-faringei durante l’isolamento fiduciario se in arrivo da Paesi extra Schengen e un tampone se di rientro da Grecia, Spagna, Croazia e Malta. Il numero di casi di rientro da altre regioni è 28. L’età media dei nuovi positivi di oggi è 36 anni. Su 58 nuovi asintomatici, 27 sono stati individuati attraverso gli screening e i test introdotti dalla Regione, 26 grazie all’attività di contact tracing, 4 casi sono emersi dai test pre-ricovero e di un caso non è ancora nota l’indagine epidemiologica. Per quanto riguarda la situazione sul territorio, il maggior numero di casi si registrano nelle province di Modena (28), Bologna (19) e Ravenna (15). In provincia di Modena, su 28 casi, 13 sono di rientro dall’estero (di cui 5 dall'Albania, 3 dalla Romania, 4 dall’Ucraina, 1 dalla Spagna), 5 sono di ritorno dalla Sardegna; 1 caso è stato diagnosticato dopo il ritorno dalle vacanze in Riviera romagnola; 6 da tracciamento seguito a casi già noti, di cui 3 riconducibili a focolai familiari; 1 positivo è emerso grazie agli screening pre-ricovero; 2 casi sono stati classificati come sporadici. In provincia di Bologna, su 19 nuovi casi, 9 sono di rientro da altre regioni (6 dalla Sardegna, 1 dal Trentino Alto Adige, 1 dall’Abruzzo e 1 dalla Sicilia), 1 di rientro dall’estero (Spagna), 1 dalla vacanze in Riviera romagnola, 2 sono riconducibili al focolaio già noto della discoteca di Cervia; 1 caso è stato individuato grazie agli esami pre-ricovero e 5 sono stati classificati come sporadici. In provincia di Ravenna, su 15 nuovi casi, 3 sono rientri dall'estero (di cui 1 dall'Albania, 1 dalla Moldavia, 1 dal Perù); 4 sono di rientro dalla Sardegna; 8 sono stati individuati in quanto contatti con casi già noti, di cui 6 riconducibili a focolai familiari. Questi i nuovi casi di positività sul territorio: 4.824 a Piacenza (+8, di cui 3 sintomatici), 3.979 a Parma (+7, di cui 3 sintomatici), 5.394 a Reggio Emilia (+5, tutti sintomatici), 4.447 a Modena (+28, di cui 10 sintomatici), 5.718 a Bologna (+19, di cui 11 sintomatici), 506 casi a Imola (+5, di cui 1 sintomatico), 1.233 a Ferrara (+2, nessun sintomatico), 1.462 a Ravenna (+15, di cui 7 sintomatici), 1.147 a Forlì (+8, di cui 3 sintomatici), 982 a Cesena (+7, di cui 5 sintomatici) e 2.436 a Rimini (+3, di cui 1 sintomatico).


EMILIA-ROMAGNA: Costruzioni in calo, per Unioncamere 'Caduta senza precedenti' | VIDEO Economia

EMILIA-ROMAGNA: Costruzioni in calo, per Unioncamere 'Caduta senza precedenti' | VIDEO

L’impatto dell’emergenza sanitaria sull’economia è stato devastante. Se prima si trattava di previsioni più o meno allarmistiche, ora ci sono i dati dei mesi relativi al lockdown a testimoniare l’andamento: nel secondo trimestre del 2020 il Pil italiano è calato del 12,8% rispetto al trimestre precedente, perdendo oltre il 17 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Un tonfo a cui non si assisteva dal 1995. Il Ministro dell’Economia Gualtieri invita però all’ottimismo, spiegando che ci si attende un forte rimbalzo a partire dall’estate. Non fa eccezione al trend discendente il settore, già provato da anni di crisi, delle costruzioni. In Emilia-Romagna, secondo il consueto report diffuso da Camere di Commercio e Unioncamere, prosegue una caduta definita ‘senza precedenti’. Tra aprile e giugno il volume d’affari del comparto ha subìto un tonfo del 10,2% rispetto allo stesso periodo del 2019. Una caduta analoga a quella record (-10,5%) registrata tra gennaio e marzo. A pagare il conto più salato sono le medie imprese, quelle da 10 a 49 dipendenti, che accusano una perdita dell’11,7%. Soffrono anche le piccole, mentre l’impatto del coronavirus è stato meno importante sulle aziende con più di 50 dipendenti.  


EMILIA-ROMAGNA: 80 nuovi casi di coronavirus, 46 sono asintomatici Attualità

EMILIA-ROMAGNA: 80 nuovi casi di coronavirus, 46 sono asintomatici

Sono 80 i nuovi casi di coronavirus in Emilia-Romagna registrati da ieri, di cui 46 asintomatici. Oltre la metà dei positivi era già in isolamento e 35 sono stati individuati nell’ambito di focolai già noti. 29 sono collegati a vacanze o rientri dall’estero. Per quanto riguarda la situazione sul territorio, le province che presentano il maggior numero di casi sono Bologna (12 nuovi positivi), Ferrara (11) e Reggio Emilia (10). A Reggio sono stati trovati positivi anche tre giovani rientrati dalla Riviera romagnola. I tamponi effettuati ieri sono 9.423. Non si registra nessun decesso in tutto il territorio dell’Emilia-Romagna. Questi i nuovi casi in Romagna: Ravenna +5, Forlì +7, Cesena +3 e Rimini +3.


EMILIA-ROMAGNA: Crescono ancora i casi di coronavirus, +82 in 24 ore Attualità

EMILIA-ROMAGNA: Crescono ancora i casi di coronavirus, +82 in 24 ore

Ancora in crescita, in Emilia-Romagna, i casi di positività al coronavirus: sono 82 i nuovi positivi (di cui 44 asintomatici) scovati con oltre 10mila tamponi. L'indice di trasmissione (Rt) a 14 giorni è di 0,45, sotto la media nazionale che è allo 0,83. Non si è registrato nessun decesso. Degli 82 nuovi casi, 52 erano già in isolamento al momento dell'esecuzione del tampone e 31 sono stati individuati nell'ambito di focolai già noti. Sono 32, invece, quelli collegati a vacanze o rientri dall'estero. Le province che presentano il maggior numero di casi sono Reggio Emilia con 19, Piacenza e Ravenna con 12 casi ciascuna. Restano 8 i pazienti in terapia intensiva. Invariato anche il numero di quelli ricoverati negli altri reparti Covid: 77. Questi i nuovi casi di positività sul territorio, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 4.723 a Piacenza (+12, di cui 4 sintomatici), 3.864 a Parma (+9, di cui 4 sintomatici), 5.267 a Reggio Emilia (+19, di cui 12 sintomatici), 4.268 a Modena (+7 , di cui 2 sintomatici), 5.493 a Bologna (+9, di cui 6 sintomatici), 447 casi a Imola (invariato), 1.147  a Ferrara (+5, di cui 1 sintomatico), 1.251 a Ravenna (+12, di cui 6 sintomatici), 1.011 a Forlì (+2, di cui 1 sintomatico), 869 a Cesena (invariato) e 2.368 a Rimini (+7, di cui 2 sintomatici). 


BOLOGNA: L’aeroporto Marconi primo scalo “anti-Covid” in Italia Attualità

BOLOGNA: L’aeroporto Marconi primo scalo “anti-Covid” in Italia

L'Aeroporto Marconi di Bologna ha ottenuto dall'Airport council international World e dall'Aci Europe il certificato 'Airport health accreditation'. Si tratta, fa sapere il Marconi, del primo scalo in Italia, e tra i primi al mondo, a veder riconosciute le misure e procedure sanitarie messe in campo a seguito della pandemia da Covid-19. L'accreditamento riguarda la pulizia e disinfezione dello scalo, le distanze fisiche, la protezione del personale, le comunicazioni e le strutture per i passeggeri.