Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

ELISABETTA ZANDOLI


EMILIA-ROMAGNA: Coronavirus, solo 225 casi positivi in più, record di guariti Attualità

EMILIA-ROMAGNA: Coronavirus, solo 225 casi positivi in più, record di guariti

In Emilia-Romagna sono 23.092 i casi di positività al Coronavirus, 225 in più rispetto a ieri: un aumento inferiore all’1% rispetto a ieri, in valori percentuali fra i più bassi mai registrati. Le nuove guarigioni sono 435, l’incremento maggiore in un giorno che si è avuto dall’inizio dell’emergenza sanitaria. I test effettuati hanno raggiunto quota 134.878, 5.348 in più rispetto a ieri.  Questi i dati relativi all’andamento dell’epidemia in regione. Calano le persone in isolamento a casa, cioè quelle con sintomi lievi, che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi: complessivamente arrivano a 9.019, 122 in meno rispetto a ieri. I pazienti in terapia intensiva sono 282: uno in meno di ieri. E diminuiscono anche quelli ricoverati negli altri reparti Covid (-99). Le persone complessivamente guarite salgono a 6.701 (+435): 2.363 “clinicamente guarite”, divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione, e 4.338 quelle dichiarate guarite a tutti gli effetti perché risultate negative in due test consecutivi. Purtroppo, si registrano 68 nuovi decessi: 32 uomini e 36 donne. Per quanto riguarda i decessi (arrivati complessivamente in Emilia-Romagna a 3.147), per la maggior parte sono in corso approfondimenti per verificare se fossero presenti patologie pregresse. I nuovi riguardano 10 residenti nella provincia di Piacenza, 8 in quella di Parma, 7 in quella di Reggio Emilia, 8 in quella di Modena, 14 in quella di Bologna (2 nell’imolese), 6 in quella di Ferrara, 3 in provincia di Ravenna, 6 nella provincia di Forlì-Cesena (3 nel territorio forlivese), 4 nella provincia di Rimini; 2 decessi di fuori regione. Questi i casi di positività sul territorio, che invece si riferiscono non alla provincia di residenza ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 3.460 a Piacenza (67 in più rispetto a ieri), 2.909 a Parma (22 in più), 4.369  a Reggio Emilia (17 in più), 3.449 a Modena (38 in più), 3.507 a Bologna (41 in più), 358 le positività registrate a Imola (2 in più), 805a Ferrara (18 in più). In Romagna sono complessivamente 4.235 (20 in più), di cui 937 a Ravenna (3 in più), 829 a Forlì (8 in più), 617 a Cesena (3 in più), 1.852 a Rimini (6 in più).  


EMILIA-ROMAGNA: Covid-19, in un giorno 307 casi in più e 56 decessi Attualità

EMILIA-ROMAGNA: Covid-19, in un giorno 307 casi in più e 56 decessi

In Emilia-Romagna sono 22.867 i casi di positività al Coronavirus, 307 in più rispetto a ieri. Aumentano le guarigioni: 281 in più di ieri. Sono 283 i pazienti in terapia intensiva, sei in meno, mentre le persone complessivamente guarite salgono a 6.266, più 281. Purtroppo, si registrano 56 nuovi decessi: 25 uomini e 31 donne. Per quanto riguarda i decessi (arrivati complessivamente in Emilia-Romagna a 3.079), per la maggior parte sono in corso approfondimenti per verificare se fossero presenti patologie pregresse. I nuovi riguardano 12 residenti nella provincia di Piacenza, 6 in quella di Parma, 12 in quella di Reggio Emilia, 8 in quella di Modena, 8 in quella di Bologna (nessun caso nell’imolese), 3 in quella di Ferrara, 1 in provincia di Ravenna,1nella provincia di Forlì-Cesena (nel cesenate), 5 nella provincia di Rimini; nessun decesso di persone di fuori regione. Questi i casi di positività sul territorio, che invece si riferiscono non alla provincia di residenza ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 3.393 a Piacenza (24 in più rispetto a ieri), 2.887 a Parma (74 in più), 4.352  a Reggio Emilia (34 in più), 3.411 a Modena (21 in più), 3.466 a Bologna (81 in più), 356 le positività registrate a Imola (1 in più), 787 a Ferrara (16 in più). In Romagna sono complessivamente 4.215 (56 in più), di cui 934 a Ravenna (8 in più), 821 a Forlì (10 in più), 614 a Cesena (10 in più), 1.846 a Rimini (28 in più).


SAN MARINO: Coronavirus, un nuovo caso positivo e una guarigione Attualità

SAN MARINO: Coronavirus, un nuovo caso positivo e una guarigione

Il consueto aggiornamento del Gruppo di coordinamento per le emergenze sanitarie di San Marino parla di 462 positività totali al coronavirus, una in più rispetto a ieri. Stabile il numero dei deceduti (39), mentre si registra una guarigione in più, che porta il totale a 61. Tra le persone positive, 16 sono ricoverate all’Ospedale di San Marino, di cui 4 in Rianimazione. Sono invece 346 le persone in isolamento positive al tampone al proprio domicilio.


EMILIA-ROMAGNA: Coronavirus, ancora 84 decessi, 507 contagiati in più | VIDEO Attualità

EMILIA-ROMAGNA: Coronavirus, ancora 84 decessi, 507 contagiati in più | VIDEO

Sono 19.635 i casi di positività al Coronavirus in Emilia-Romagna, 507 in più rispetto a ieri. E hanno raggiunto quota 91.759 i test effettuati, 5.875 in più. Questi i dati - accertati alle ore 12 di oggi, sabato 11 aprile, sulla base delle richieste istituzionali - relativi all’andamento dell’epidemia in regione. Complessivamente, 8.567 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi, che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (191 in più rispetto a ieri). 341 le persone ricoverate in terapia intensiva: otto in meno di ieri. E diminuiscono anche i pazienti ricoverati in terapia non intensiva, negli altri reparti Covid (- 66). Purtroppo, si registrano 84 nuovi decessi: 47 uomini e 37 donne. Continuano, nel frattempo, a salire le guarigioni, che raggiungono quota 3.659 (+278), delle quali 1.934 riguardano persone “clinicamente guarite”, divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione; 1.725 quelle dichiarate guarite a tutti gli effetti perché risultate negative in due test consecutivi. Per quanto riguarda i decessi, per la maggior parte sono in corso approfondimenti per verificare se fossero presenti patologie pregresse. I nuovi decessi riguardano 6 residenti nella provincia di Piacenza, 21 in quella di Parma, 20 in quella di Reggio Emilia, 12 in quella di Modena, 15 in quella di Bologna, 3 a Ferrara, 5 nella provincia di Forlì-Cesena (4 nel forlivese e 1 nel cesenate), 2 in quella di Rimini, nessun decesso si è verificato nella provincia di Ravenna, nell’imolese.  Questi i casi di positività sul territorio, che invece si riferiscono non alla provincia di residenza ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 3.063 a Piacenza (14 in più rispetto a ieri), 2.512 a Parma (39 in più), 3.765 a Reggio Emilia (135 in più), 3.011 a  Modena (81 in più), 2.738  a  Bologna (117in più), 337 a Imola (4 in più), 580 a Ferrara (14 in più). In Romagna sono complessivamente 3.629   103 in più), di cui 789 a Ravenna (13 in più), 642 a Forlì (34 in più), 521 a Cesena (30 in più), 1.677 a Rimini (26 in più). IL COMMENTO DEL COMMISSARIO VENTURI "La malattia si presenta meno grave del passato. Lo confermo. Vediamo dei quadri clinici decisamente meno gravi". Lo ha affermato Sergio Venturi, commissario in Emilia-Romagna per l'emergenza coronavirus, nella consueta diretta Facebook pomeridiana. Il numero dei decessi in regione, 84, resta ancora alto ma, ha spiegato l'ex assessore, "circa la metà sono effettivamente avvenuti ieri, gli altri vengono attribuiti a persone morte nel tempo che in un primo momento erano state classificate come 'sospette Covid'. Negli ospedali - ha aggiunto Venturi - la malattia ora ci dà molta tregua. Siamo noi con le unità speciali ad andare a cercare il virus nelle case e nella case di riposo per anziani". Il commissario ha poi citato l'esempio di Reggio Emilia: "ieri abbiamo avuto solo 5 ricoverati per Covid. Nei picchi erano 100", ha rimarcato Venturi. "A Parma poi i medici di famiglia mi dicono che i casi stanno letteralmente scemando. Non voglio però dire - ha spiegato ancora Venturi - che la prossima settimana sarà tutto finito".


EMILIA-ROMAGNA: Coronavirus, 451 casi positivi in più, 81 i decessi in regione Attualità

EMILIA-ROMAGNA: Coronavirus, 451 casi positivi in più, 81 i decessi in regione

Sono 19.128 i casi di positività al Coronavirus in Emilia-Romagna, 451 in più rispetto a ieri. E hanno raggiunto quota 85.884 i test effettuati, 4.169 in più. Questi i dati - accertati alle ore 12 di oggi, venerdì 10 aprile, sulla base delle richieste istituzionali - relativi all’andamento dell’epidemia in regione. Complessivamente, 8.376 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi, che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (338 in più rispetto a ieri). 349 le persone ricoverate in terapia intensiva: 6 in meno di ieri. E diminuiscono anche i pazienti ricoverati in terapia non intensiva, negli altri reparti Covid (-126). Purtroppo, si registrano 81 nuovi decessi: 47 uomini e 34 donne. Continuano, nel frattempo, a salire le guarigioni, che raggiungono quota 3.381 (+278), delle quali 1.861 riguardano persone “clinicamente guarite”, divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione; 1.520 quelle dichiarate guarite a tutti gli effetti perché risultate negative in due test consecutivi. Per quanto riguarda i decessi, per la maggior parte sono in corso approfondimenti per verificare se fossero presenti patologie pregresse. I nuovi decessi riguardano 14 residenti nella provincia di Piacenza, 19 in quella di Parma, 9 in quella di Reggio Emilia, 10 in quella di Modena, 13 in quella di Bologna (di cui 1 in territorio imolese), 3 a Ferrara, 8 nella provincia di Forlì-Cesena (tutti nel forlivese), 5 in quella di Rimini, nessun decesso si è verificato nella provincia di Ravenna e nel cesenate.  Questi i casi di positività sul territorio, che invece si riferiscono non alla provincia di residenza ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 3.049 a Piacenza (29 in più rispetto a ieri),  2.473 a Parma (52 in più), 3.630 a Reggio Emilia (125 in più), 2.930 a  Modena (63 in più), 2.621 a  Bologna (91 in più), 333 a Imola (7 in più), 566 a Ferrara (3 in più). In Romagna sono complessivamente 3.616 (81 in più), di cui 766 a Ravenna (25 in più), 608 a Forlì (8 in più), 491 a Cesena (10 in più), 1.651 a Rimini (38 in più).


EMILIA-ROMAGNA: Coronavirus, 409 casi positivi in più, 54 nuovi decessi Attualità

EMILIA-ROMAGNA: Coronavirus, 409 casi positivi in più, 54 nuovi decessi

18.234 casi di positività al Coronavirus in Emilia-Romagna, 409 in più rispetto a ieri. E sono 78.367 i test effettuati, 3.176 in più. Questi i dati relativi all’andamento dell’epidemia in regione. 361 persone sono ricoverate in terapia intensiva: 5 in meno rispetto a ieri.  Purtroppo, si registrano 54 nuovi decessi. Continuano, nel frattempo, a salire le guarigioni, che raggiungono quota 2.890 (293 in più rispetto a ieri). Questi i casi di positività sul territorio: 2.980 a Piacenza (27 in più rispetto a ieri),  2.395 Parma (30 in più),  3.352 Reggio Emilia (137 in più), 2.811  Modena (53 in più), 2.433  Bologna (99in più), 325 Imola (3 in più),  538 Ferrara (16 in più),  746 Ravenna (8 in più), 1.058  Forlì-Cesena (di cui  585 Forlì, 21 in più rispetto a ieri, e 473 a Cesena,3 in più),  1.596 Rimini  (12 in più).


RAVENNA: La maschera da lavoro diventa un respiratore, l'idea di un tecnico Attualità

RAVENNA: La maschera da lavoro diventa un respiratore, l'idea di un tecnico

Trasformare una comune maschera a gas in un respiratore biomedicale. L'idea è venuta ad Ottavio Giannella, tecnico antincendio ravennate, impiegato da molti anni nel settore della sicurezza. L'uomo ha ideato un raccordo in grado di collegare la maschera a ventilatori polmonari. "Offro gratuitamente la mia idea a gruppi di ricerca ed ospedali - ha spiegato - ma i collaudi e le certificazioni spettano solo agli organi preposti". I dispositivi in questione sono di facile reperimento e quindi ad oggi maggiormente disponibili sul mercato rispetto a quelli biomedicali. "Ho a che fare tutti i giorni con dispositivi di protezione individuale - spiega - e così mi è balenata l'idea di creare un adattatore per le maschere antigas con filtro a vite, compatibili con lo standard RD40. Grazie ai raccordi ideati, di due tipologie, è possibile collegare queste maschere, semi o pienofacciali, a diversi modelli di macchine respiratorie". L’idea originaria è stata sviluppata coinvolgendo un ingegnere informatico di Milano, Davide Necchi, e un tecnico informatico di Bellaria, Gianpaolo Missiroli, che si sono occupati della realizzazione del disegno e della progettazione dell’adattatore per la stampa in 3D. Tutto ciò ispirandosi anche al progetto di Isinnova, l’azienda bresciana che ha realizzato un adattatore similare per trasformare maschere subacquee in respiratori d’emergenza. "Secondo i primi responsi - prosegue Giannella - il dispositivo, seppur in attesa dei necessari test specifici, è assolutamente efficiente ed efficace. Per la sua realizzazione, però, serve il supporto e la partecipazione di altre realtà, quali ad esempio aziende produttrici di questa tipologia di maschere, stampatori 3D o strutture ospedaliere che, in situazione di necessità, vogliano approfondire e testare il brevetto. L'idea infatti non ha la pretesa, in questo momento, di considerare questa maschere dei veri e propri dispositivi medicali, ma solo una soluzione di emergenza in quelle situazioni di grave carenza di attrezzatura. L'applicazione pratica, le prove di collaudo e tutte le azioni riguardanti l'utilizzo effettivo devono essere intraprese da personale specializzato sotto la propria responsabilità". "L'auspicio è che questa idea - conclude Giannella - possa raggiungere esperti e tecnici del settore sanitario per mettere in campo questo ulteriore ausilio in un momento di grave emergenza".