Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

FRANCESCA LEONI


FORLI’: San Lorenzo in Noceto, ancora preoccupazione per i rifiuti tossici | VIDEO Attualità

FORLI’: San Lorenzo in Noceto, ancora preoccupazione per i rifiuti tossici | VIDEO

E’ ancora lì, nessuno ha mosso niente. Stiamo parlando della “discarica” situata a San Lorenzo in Noceto, una frazione tra Predappio e Forlì. Dopo il fallimento dell’azienda Ecotecnica, lo scorso luglio, tonnellate di rifiuti speciali sono rimasti abbandonati e senza una precisa destinazione. Dai controlli effettuati, i rifiuti presenti nel sito sarebbero circa mille tonnellate di cui un quinto di tipo pericoloso Ad agosto dello scorso anno il vicesindaco di Forlì, Lubiano Montaguti, aveva firmato un’ordinanza che imponeva di mettere in sicurezza l’area della Ecotecnica . Già allora erano state riscontrate, in seguito al sopralluogo del Dipartimento di Sanità Pubblica, problematiche che potevano  avere un effetto igienico sanitario sia sulla frazione circostante e potenzialmente su un territorio più ampio.  Come si legge sulla stampa locale, il consigliere regionale della Lega  Massimiliano Pompignoli, ha fatto notare come l’area sia tuttora un ‘deposito incontrollato di rifiuti’ che avrebbero dovuto essere rimossi. Le preoccupazioni da parte dei residenti della zona erano già state manifestate lo scorso anno durante alcune assemblee pubbliche organizzate dal comitato di quartiere. Ora la zona della discarica è stata limitata da una recinzione. Sempre sulla stampa locale si legge che la giunta comunale di Forlì  ha stanziato 300 mila euro per lo smaltimento dei rifiuti, cui se ne aggiungono altri 130 mila, che derivano dalla fidejussione che aveva fatto l’impresa, ma, vista la dimensione dei lavori, è necessaria una gara. Intanto la speranza dei circa 1100 cittadini di San Lorenzo in Noceto è che l’area venga al più presto bonificata e che non subentrino altre attività analoghe.      


CESENA: MiDiArt organizza un'iniziativa dedicata ai giochi di una volta | FOTO Attualità

CESENA: MiDiArt organizza un'iniziativa dedicata ai giochi di una volta | FOTO

MiDiArt, dedica un evento alla memoria dei giochi di una volta, quando giocare era importante per stare insieme agli altri. Riscoprire il piacere dei giochi di un tempo quali i giochi liberi ricchi di movimento e creatività come il gioco della settimana, un due tre stella, il gioco della fune, il gioco della sedia, strega comanda colori, nascondino, acqua, fuoco e fuochino e tanto altro nell'evento gratuito di inizio anno al parco MiDiverto a Cesena in via Quinto Bucci 74, lunedì 28 gennaio dalle 15e30 alle 18e30 con merenda offerta. E’ sufficiente avere la tessera socio. per informazioni e prenotazioni contatta lo staff al 328 0843464.


FORLI’: Pazienti trapiantati, vinto il bando Bric da un gruppo di ricerca romagnolo | VIDEO Attualità

FORLI’: Pazienti trapiantati, vinto il bando Bric da un gruppo di ricerca romagnolo | VIDEO

Un finanziamento nel’ambito del Bando di Ricerca Inail Bric 2018 è stato ottenuto da un gruppo di ricerca  formato dall’Unità Operativa di Nefrologia e Dialisi di Forlì-Cesena e dalla medicina dello sport di Ravenna in collaborazione con Il Centro Trapianti di Modena. Il progetto, che verrà supportato fino a 524mila euro in due anni, è dedicato allo sviluppo di una rete clinica multidisciplinare per facilitare lo stile di vita attivo e il reinserimento dei pazienti trapiantati nel lavoro e nella società.


FORLI’-CESENA: Sequestro di canapa light, la difesa fa ricorso in Cassazione | VIDEO Cronaca

FORLI’-CESENA: Sequestro di canapa light, la difesa fa ricorso in Cassazione | VIDEO

Avevano chiesto il dissequestro della merce e ora, dopo diniego del  Riesame, che ha appunto confermato il sequestro, si presenteranno davanti alla Cassazione. Continua la lotta degli avvocati della difesa di 5 delle 16 aziende che commerciano Cannabis light, coinvolte  nelle scorse settimane nel blitz della Squadra Mobile di Forlì. In tutto è stata sequestrata merce per circa 1 milione di euro all’intero di negozi  sparsi tra Forlì, Cesena, Cesenatico e Savignano sul Rubicone. Le difese si baseranno sulla legge che ha  legalizzato la coltivazione della  varietà di canapa che contiene un livello fino 0,6 di thc.  Attualmente, l’ordinamento italiano permette la coltivazione,  per la successiva vendita, di prodotto a base di canapa light, a tal punto che, se il contadino che la coltiva dovesse produrre, per sbaglio,  piante con un Thc superiore allo 0,6 si vedrebbe sequestrare tutto ma non avrebbe alcun tipo di ulteriore procedimento legale. Quindi, per gli avvocati della difesa, la vendita dei prodotti derivati dalla canapa light, che sono comunque a norma di legge, non andrebbe penalizzata, in quanto chi vende pone sul banco prodotti certificati e non può essere, quindi, neanche  ritenuto responsabile dell’uso che ne viene fatto dai consumatori. Rimangono comunque alcuni buchi neri a livello legislativo, che secondo i titolari dei canapa store devono essere chiariti per con incappare ancora in una situazione simile. Si ricorda che, il sequestro ha riguardato solo le inflorescenze e non la merce lavorata a base di canapa light. Ed è su quel tipo specifico di merce, venduta in diversi negozi, in tutt’Italia, che rimangono ancora tanti dubbi.        




FORLÌ: Rapina in una filiale di Intesa San Paolo, è caccia ai responsabili  | VIDEO Cronaca

FORLÌ: Rapina in una filiale di Intesa San Paolo, è caccia ai responsabili | VIDEO

Ancora banche nel mirino. Rapina giovedì mattina alla filiale della Banca Intesa San Paolo in zona Ospedaletto a Forlì. Secondo una prima ricostruzione dei Carabinieri, intervenuti sul posto, i malviventi hanno tagliato le sbarre delle finestre durante la notte, una volta dentro hanno aspettato l'ingresso dei dipendenti e sono entrati in azione. In due, armati di pistola, hanno fatto irruzione, mentre un complice ha fatto da palo all’esterno. Gl’impiegati della filiale sono stati tenuti in ostaggio, mentre i rapinatori in pochi minuti hanno preso i soldi. Ancora in via di quantificazione l’ammontare rubato. I tre uomini sono scappati a piedi in verso via Ravegnana, dove sono poi saliti su una  "Renault Modus" grigia, trovata poi abbandonata nei pressi del centro commerciale. I carabinieri stanno perlustrando la zona anche  con l'impiego dell'elicottero.