Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

FRANCESCA LEONI



RAVENNA: Crollo della chiusa “San Bartolo”, scagionati i tre progettisti | VIDEO Attualità

RAVENNA: Crollo della chiusa “San Bartolo”, scagionati i tre progettisti | VIDEO

A distanza di circa un anno dal crollo della chiusa “San Bartolo” sul fiume Ronco situata in via Ravegnana, tra Forlì e Ravenna, nella quale perse la vita Danilo Zavatta, tecnico della protezione civile, è arrivata l’assoluzione nel processo che riguardava presunte irregolarità nel cantiere per la costruzione della stessa chiusa. E’ quanto si legge sul corriere di Romagna. La sentenza è arrivata nel tardo pomeriggio di mercoledì, a fronte della richiesta di condanna a due mesi ai tre imputati fatta dal pubblico ministero, Scagionati quindi, Daniele Tumidei, legale rappresentante dell’azienda Gipco, Angelo Sampieri, ingegnere strutturista e progettista della centrale, e Elisa Casanova, responsabile della ditta di Bertinoro che eseguì l’intervento. Erano accusati di avere realizzato opere provvisionali nell’alveo del fiume senza la prestabilita autorizzazione del Servizio tecnico di bacino e di aver eseguito le opere in discordanza rispetto al progetto definitivo approvato. Linea comune della difesa dei tre imputati è stata quella  di sottolineare che quelle opere contestate fossero provvisionali e funzionali solo alla preparazione del cantiere per la futura centrale idroelettrica. Opere che erano già state autorizzate nel 2015, secondo la difesa, e che in quanto provvisorie non era necessario che fossero documentate con disegni e calcoli nel progetto esecutivo depositato prima di iniziare i lavori. Rimane ancora l’inchiesta coordinata dal procuratore capo di Ravenna, pertinente, invece, alla morte del  tecnico Zavatta.    


FORLI’: Non dava notizie da giorni, 58enne trovato morto in casa Cronaca

FORLI’: Non dava notizie da giorni, 58enne trovato morto in casa

Mercoledì, in tarda serata, una Volante dell’Ufficio Prevenzione Generale è intervenuta in una abitazione del quartiere Cà Ossi, per verificare le condizioni di salute di un 58enne forlivese che da qualche giorno non dava più notizia di sé. La Polizia è dovuta intervenire perché un amico, che disponeva delle chiavi, non riusciva ad entrare per l’impedimento dovuto alla concomitante presenza di chiavi nella toppa interna. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco. Una volta entrati i Vigili hanno costatato il decesso dell’uomo,  trovato nel suo letto in posizione supina. Gli accertamenti svolti dalla Polizia non hanno portato ad evidenziare elementi di immediato sospetto. La salma è stata messa a disposizione della magistratura, per l’eventuale verifica più approfondita a conforto delle prospettate cause naturali della morte


RIMINI: Stagione venatoria, raffica di controlli della Forestale, un persona denunciata | FOTO Cronaca

RIMINI: Stagione venatoria, raffica di controlli della Forestale, un persona denunciata | FOTO

A due mesi dall’inizio della stagione venatoria i dati sulla attività di controllo svolta dai reparti della specialità forestale dell’Arma dei Carabinieri in provincia di Rimini sono i seguenti:316 verifiche svolte, 206 cacciatori e 26 veicoli controllati; contestati illeciti amministrativi per un totale di € 2.161,00 di sanzioni comminate e deferita una persona all’Autorità Giudiziaria. I comuni dove sono stati riscontrati con maggior frequenza gli illeciti amministrativi sono Rimini, Morciano di Romagna e Novafeltria.    


RIMINI: Firmato il protocollo d’intesa per la tutela dei lavoratori delle opere “Parco del Mare” | FOTO Attualità

RIMINI: Firmato il protocollo d’intesa per la tutela dei lavoratori delle opere “Parco del Mare” | FOTO

Tutela dei lavoratori, sicurezza nei luoghi di lavoro, trasparenza e qualità del lavoro; questi i principali temi inseriti nel protocollo d’intesa relativo alle opere da realizzare nel grande progetto “Parco del Mare”, i cui primi cantieri partiranno a fine novembre 2019, tra Comune di Rimini e le Confederazioni sindacali. Oltre a una serie di reciproci impegni, il Protocollo afferma un concetto di fondamentale importanza, ovvero che il criterio di aggiudicazione degli appalti non sarà quello dell’offerta economicamente più vantaggiosa individuata, bensì quello del migliore rapporto qualità prezzo. Il Protocollo d’intesa è il frutto di un confronto avviato nei tavoli tecnici tra Amministrazione comunale e Organizzazioni Sindacali, in cui si sono condivise le linee guide, al fine di  garantire sullo strategico intervento di riqualificazione e rigenerazione urbana la regolarità, la sicurezza, la trasparenza e la qualità del lavoro.  Il Protocollo, già approvato dalla Giunta, richiama e si pone in continuità con i precedenti già firmati dal Comune di Rimini, in materia di a prevenzione e contrasto al lavoro nero e irregolare nel settore edile e per  lo sviluppo delle attività coordinate e congiunte per la legalità, la qualità, la regolarità e la sicurezza del lavoro e delle prestazioni negli appalti e concessioni di servizi e forniture pubblici, rispetto ai quali il Protocollo di Intesa, ispirandosi agli stessi principi.  


PREDAPPIO: Parte un colpo di fucile durante la caccia, trasportato al “Bufalini”  | FOTO Cronaca

PREDAPPIO: Parte un colpo di fucile durante la caccia, trasportato al “Bufalini” | FOTO

Un uomo di 62 anni residente a Bertinoro è rimasto gravemente ferito durante una battuta di caccia mercoledì mattina, in zona Predappio alta. Per causa ancora in corso di accertamento da parte dei Carabinieri, dal fucile è partito un colpo che lo ha colpito il 62enne all'addome. Gli amici hanno subito chiamato il 118 per chiedere aiuto. Sul posto è intervenuta l'ambulanza e la Squadra del Soccorso Alpino e Speleologico stazione Monte Falco e l'elicottero 118 di Ravenna. Gli amici hanno aiutato il 62enne a scendere un tratto di sentiero e nel frattempo l'ambulanza è riuscita ad avvicinarsi. Il personale del 118 dopo aver valutato il paziente ha confermato l'intervento dell'elicottero che ormai era già in zona. L'ambulanza con il paziente a bordo si è spostata in una zona che ha consentito l'atterraggio dell'elicottero. Il paziente è stato trasportato con l’elicottero all'ospedale Bufalini di Cesena con il codice di massima gravità.


SARSINA: Colto da un malore durante una battuta di caccia, salvato dal Soccorso Alpino | FOTO Cronaca

SARSINA: Colto da un malore durante una battuta di caccia, salvato dal Soccorso Alpino | FOTO

Un uomo di 35 anni residente a Civitella di Romagna è stato recuperato dal Soccorso Alpino dopo un malore avuto durante una battuta di caccia, mercoledì attorno alle 8, a Sarsina. Durante il percorso, improvvisamente, ha accusato un dolore al torace con una live difficoltà respiratoria. Gli amici hanno chiamato subito il 118 per chiedere aiuto. La Centrale Operativa invia immediatamente sul posto l'ambulanza, la squadra del Soccorso Alpino e Speleologico, stazione Monte Falco e l'elicottero 118 di Pavullo nel Frignano dotato di Verricello con a bordo un Tecnico di Elisoccorso del CNSAS. In zona le condizioni meteo erano in peggioramento a causa della pioggia e raffiche di vento. L’uomo è stato individuato dal personale dopo 30 minuti di camminata. Nel frattempo l'elicottero era già in zona. Il personale dell'elicottero è stato sbarcato con il verricello. Il paziente è stato visto dal medico che, dopo averlo valutato è stato imbarcato sempre con il verricello, sull'elicottero e trasportato all' ospedale Bufalini di Cesena in codice di media gravità. Le operazioni di recupero sono state particolarmente difficoltose a causa del vento.