Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

FULVIO ZAPPATORE


RAVENNA: Ecco il Movimento dei Sardoni, la versione over 65 delle sardine | VIDEO Attualità

RAVENNA: Ecco il Movimento dei Sardoni, la versione over 65 delle sardine | VIDEO

Si è tenuto ieri a Ravenna il battesimo dei Sardoni, movimento nato da una costola delle sardine che si rivolge alla terza età. C’è tutta una generazione di persone tra i 65 e i 90 anni che vuole essere rappresentata e che vuole partecipare attivamente alla vita di questa società. Questo il messaggio lanciato venerdì pomeriggio a Ravenna da Daniele Perini, consigliere comunale, che alle ore 17 ha tenuto a battesimo il movimento dei Sardoni. In pratica la versione over 65 delle più note Sardine. Il messaggio è lo stesso di chi, da mesi, sta occupando le piazze dell’emilia-romagna e non solo: ridare dignità alla politica e del suo linguaggio democratico, in chiave antipopuliste e anti sovranista.


BOLOGNA: Strage 2 agosto, Cavallini condannato all'ergastolo Cronaca

BOLOGNA: Strage 2 agosto, Cavallini condannato all'ergastolo

Condanna all'ergastolo per l'ex terrorista dei Nar Gilberto Cavallini, nel processo sulla Strage della stazione di Bologna del 2 agosto 1980. La sentenza è stata letta questo pomeriggio dalla Corte di Assise, dopo sei ore e mezza di camera di consiglio. Cavallini è stato dichiarato colpevole del reato di concorso in strage, per cui precedentemente erano già stati condannati in via definitiva Valerio Fioravanti, Francesca Mambro e Luigi Ciavardini. Cavallini non era in aula al momento della sentenza. Poche ore prima aveva già lasciato l'aula per tornare nel carcere di Terni, dove è detenuto in stato di semilibertà. 


RICCIONE: Anziana morta, tre giorni prima il nipote l’aveva denunciata ai Carabinieri | VIDEO Cronaca

RICCIONE: Anziana morta, tre giorni prima il nipote l’aveva denunciata ai Carabinieri | VIDEO

Continuano a emergere nuovi dettagli sul caso dell’anziana donna di Riccione, della cui morte è accusato il nipote. Pochi giorni prima l’uomo era andato dai Carabinieri per denunciare la nonna. “Pretendono che assuma dei farmaci che mi rendono debole e inattivo per estromettermi dall’eredità”. Con queste parole Alessio Berilli si era presentato ai carabinieri di Misano per denunciare i suoi familiari complici, secondo lui, di una congiura ai suoi danni. Tra i nomi fatti ai militari, c’era anche quello della nonna, Rosa Santucci, 88 anni, che, tre giorni dopo, verrà trovata morta nella sua casa di Riccione. Secondo l’accusa è stato l’uomo a uccidere l’anziana. A scatenare il tutto, una banale lite per i soldi “Le ho chiesto pochi euro – ha raccontato Berilli ai Carabinieri – e lei me li ha negati” L’uomo allora ha stretto la donna, mettendole le mani in faccia e premendole un dito contro l’occhio. L’anziana è poi caduta a terra sbattendo la testa e morendo poco dopo. Questa la dinamica dei fatti. Si cerca ora di capire se la morte sia stata causata dalla pressione che il nipote ha esercitato sull’occhio della vittima o dalla caduta a terra. Questo il motivo per cui è stata disposta l’autopsia sul cadavere. Da chiarire il movente dell’omicidio, anche se tutto sembra propendere per un raptus di follia dell’uomo, che da anni soffre di disturbi mentali. Berilli, a cui è stata diagnosticata una schizofrenia attiva, si trova ora in arresto presso l’ospedale psichiatrico di Rimini. Da circa un anno viveva in casa della nonna e, stando a quanto racconta il suo avvocato difensore, non aveva mai dato segni di aggressività. Venerdì l’udienza di convalida del fermo, nel frattempo il procuratore ha disposto una perizia psichiatrica.


CESENA: Vince 100mila euro ma non se ne accorge, si cerca il giocatore distratto | VIDEO Attualità

CESENA: Vince 100mila euro ma non se ne accorge, si cerca il giocatore distratto | VIDEO

Ha vinto 100mila euro al superenalotto ma non se n’è accorto. A Cesena si cerca il possessore del biglietto fortunato che ora rischia di buttare al vento una somma considerevole. Il codice è vincente, il giocatore al momento no. E’ di 100mila euro il premio vinto in questa ricevitoria di Cesena nell’estrazione del superenalotto dello scorso 21 dicembre. Peccato che nessuno si sia ancora presentato a incassare. Questo il motivo per cui la titolare della tabaccheria di via Madonna dello Schioppo ha messo un grande cartello fuori dalla sua vetrina per attirare l’attenzione del vincitore distratto. Il concorso di natale, denominato 100x100, non seguiva infatti le normali regole del superenalotto e quindi è possibile che chi aveva comprato il biglietto l’abbia poi gettato senza accorgersi del colpo di fortuna.


CESENA: Prende a bastonate l'anziana madre, arrestato 38enne Cronaca

CESENA: Prende a bastonate l'anziana madre, arrestato 38enne

Ha colpito l’anziana madre con un bastone procurandole ematomi e lesioni in tutto il corpo, tanto che la vittima è stata ricoverata in ospedale con 15 giorni di prognosi. Per questo motivo è finito in carcere un 38enne di Longiano, nel Cesenate, che è stato tratto in arresto dai Carabinieri a seguito di un’ordinanza di custodia cautelare. L’episodio è avvenuto il 29 dicembre scorso. Dopo la denuncia della madre, una donna di 76 anni, i Carabinieri hanno verificato numerosi episodi di violenza fisica ai danni dell’anziana e per questo hanno provveduto a mettere il figlio in manette con l’accusa di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate.


BOLOGNA: Schiacciato tra due camion in autostrada, 49enne all'ospedale | VIDEO Cronaca

BOLOGNA: Schiacciato tra due camion in autostrada, 49enne all'ospedale | VIDEO

Maxi tamponamento questa mattina sull’autostrada A13 all’altezza di Bologna dove 4 mezzi, un’automobile e tre camion, si sono scontrati mentre percorrevano lo svincolo per Arcoveggio. Ad avere la peggio è stata una Fiat 500 guidata da un uomo di 49 anni che è rimasta schiacciata tra due mezzi pesanti. Stando a una prima ricostruzione, effettuata dalla Polizia Locale, l’automobile si sarebbe infilata tra due mezzi pesanti mentre questi imboccavano l’uscita, con il conducente dell’ultimo camion che non è riuscito a frenare in tempo per evitare l’impatto. Sul posto i Vigili del Fuoco, che hanno messo in sicurezza la zona, e i soccorsi del 118 che hanno prestato le prime cure al 49enne prima di trasportarlo all’ospedale Maggiore con un codice di media gravità.


CESENA: Scritte antisemite e minacce di morte a Salvini, Ferrini scrive al Prefetto | VIDEO Attualità

CESENA: Scritte antisemite e minacce di morte a Salvini, Ferrini scrive al Prefetto | VIDEO

L’assessore del Comune di Cesena Ferrini ha scritto al Prefetto perché preoccupato per il livello di sicurezza in città. Ad allarmare sono due episodi capitati negli ultimi giorni. “Le ripugnanti scritte apparse sui muri di Cesena e le affermazioni minacciose veicolate sui social network non vanno trascurate nelle loro potenziali conseguenze”. Così l’assessore Luca Ferrini che, in una lettera indirizzata a tutte le forze dell’ordine del territorio ha voluto esternare la preoccupazione del Comune circa due fatti capitati negli ultimi giorni e che hanno contribuito ad alzare di molto la tensione in città, soprattutto in un clima, già febbricitante, di campagna elettorale. Il primo riguarda alcune scritte antisemite apparse nella zona di Torre del Moro, davanti alla sede dei Testimoni di Geova, mentre il secondo riguarda le minacce di morte fatte arrivare tramite social a Matteo Salvini che da settimane sta girando in lungo e in largo la Regione in vista delle elezioni. “Ti aspetto a Cesena con una 7.57 magnum” Così ha scritto un utente, che si firma Andrea Magnani, anche se la sua identità non è confermata. Il tweet è stato poi rimosso e a quanto risulta non ci sono indagini in corso, anche perché Salvini, che ha stigmatizzato il gesto sul web, non ha sporto nessuna denuncia alle autorità competenti. Cancellate anche le scritte sui muri della centralina di Torre del Moro, qui la speranza di individuare l’autore è affidata alle telecamere di sicurezza, che potrebbero aver ripreso quanto accaduto. “Credo sia doveroso alzare l’attenzione – ha scritto Ferrini – In uno stato di diritti il composto, libero e sereno svolgimento delle competizione tra le forze politiche deve essere preservato con il massimo impegno da parte di tutte le istituzioni. Ne va della civiltà di un popolo.”