Guarda TR24 Canale 78, il network all news del territorio

FULVIO ZAPPATORE


CESENATICO: Scappa dal terremoto in Emilia con moglie incinta, da 10 anni vive in Romagna | VIDEO Attualità

CESENATICO: Scappa dal terremoto in Emilia con moglie incinta, da 10 anni vive in Romagna | VIDEO

Oggi ricorrono i 10 anni dal terribile terremoto che colpì l’Emilia, vi raccontiamo la storia di un uomo che è scappato dal sisma con la moglie incinta e che da 10 anni vive a Cesenatico. Scappare dall’epicentro del terremoto con la moglie incinta del nono mese per trovare rifugio a Cesenatico e li rifarsi una vita. Questo il racconto rocambolesco di Federico Bentivogli, classe 1978, cresciuto a Finale Emilia, il paese che più di tutti è stato colpito dalla terribile serie di scosse nel 2012. La prima, di avvertimento ma comunque forte fu intorno alla mezzanotte del 20 maggio. INTERVISTA NEL VIDEO


ROMAGNA: Clima, Raccolta firme WWF e Legambiente, “La Regione non sta rispettando gli impegni” | VIDEO Attualità

ROMAGNA: Clima, Raccolta firme WWF e Legambiente, “La Regione non sta rispettando gli impegni” | VIDEO

WWF e Legambiente hanno lanciato una raccolta firme per 4 leggi di iniziativa popolare da presentare in Regione, colpevole, a detta degli ambientalisti, di non stare rispettando il patto per il lavoro e per il clima. Una legge che tuteli la gestione pubblica dell’acqua, una sull’economia circolare della gestione dei rifiuti, una per fermare il consumo di suolo e una per mettere in primo piano l’energia rinnovabile rispetto al consumo di carburanti fossili. Sono le quattro proposte presentate dalla Rete Emergenza Climatica e Ambientale dell’Emilia-Romagna, che sta raccogliendo le firme in diverse città per poter sottoporre il testo in Regione. Ne servono 5mila. L’obiettivo è quello di richiamare la Regione agli impegni presi nel 2020 durante la stesura del patto per il lavoro e per il clima. C’erano obiettivi ambiziosi, come il passaggio alle energie rinnovabili al 100% entro il 2035 e le emissioni zero entro il 2050. Tutto è stato però un po’ accantonato anche a causa della crisi energetica. A Cesena il banchetto delle firme sarò presente tutti i mercoledì e sabato in occasione del mercato ambulante fino a fine giugno, comprese le giornate del 24 e 26 in occasione della festa del patrono. INTERVISTA NEL VIDEO


FORLI’: Fallimento Fulgor, Boccio e Chirisi condannati a tre anni | VIDEO Cronaca

FORLI’: Fallimento Fulgor, Boccio e Chirisi condannati a tre anni | VIDEO

Si è concluso a Forlì il processo di primo grado per quanto riguarda il fallimento della squadra di basket Fulgor Libertas. I due ex presidenti del team sono stati entrambi condannati. Erano entrati alla guida del club nell’estate del 2014 annunciando una grande campagna acquisti che avrebbe fatto tornare il grande basket in città, salvo poi dichiarare dichiarare fallimento pochi mesi dopo, tra lo sconcerto generale. Questa la parabola cestistica di Massimiliano Boccio e dell’ex moglie Mirela Chirisi che martedì sono stati condannati entrambi in primo grado a tre anni e tre mesi per bancarotta. Secondo l’accusa avrebbero commesso una serie di illeciti amministrativi nella tenuta dei bilanci, compresa l’emissione di fatture false. La Procura aveva chiesto per loro 4 anni e mezzo, con la pena che è stata ridotta di un anno dal giudice. In Tribunale erano presenti anche gli avvocati delle parti civili, tra cui diversi tifosi della squadra di basket che avevano denunciato i due dirigenti per truffa. Molti di loro si sono sentiti ingannati dopo aver sottoscritto l’abbonamento alla stagione completa, a seguito degli annunci di mirabolanti acquisti. Acquisti che poi non sono mai arrivati. In questo caso però non è arrivata la condanna. “Il fatto non sussiste” ha stabilito il tribunale. Ma d’altronde era stata la stessa accusa a chiedere l’assoluzione “per l’insussistenza del nesso causale degli artifici e dei raggiri, con la determinazione degli abbonamenti”. Inoltre è stata disposta una sanzione di 5150 euro alla vecchia società e un risarcimento alla curatela fallimentare di 120mila euro.


CESENA: Rettore e preside Campus, “L’Università del cibo si farà” | VIDEO Attualità

CESENA: Rettore e preside Campus, “L’Università del cibo si farà” | VIDEO

L’Università del cibo si farà e farà tappa anche a Cesena. A confermarlo è il Rettore di Unibo Giovanni Molari e il preside del Campus Cicognani. L’annuncio è arrivato qualche giorno fa dal presidente Bonaccini, dopo che la giunta regionale ha approvato una delibera che da il via al progetto: un’università del cibo che coinvolga 4 atenei dell’emilia-romagna. Ora arriva la conferma per bocca del rettore dell’Alma Mater di Bologna: il progetto si farà e farà tappa anche a Cesena. INTERVISTE NEL VIDEO


CESENA: Foro Annonario, “Obiettivo non raggiunto” Il Comune si riprende gli spazi | VIDEO Attualità

CESENA: Foro Annonario, “Obiettivo non raggiunto” Il Comune si riprende gli spazi | VIDEO

Il Consiglio Comunale di Cesena ha approvato una delibera per riprendere possesso di alcuni spazi del Foro Annonario, che verranno trasformati in uffici e sportelli di servizio per i cittadini. Non senza polemiche.   Doveva diventare il centro della vita sociale, economica e commerciale della città. Il progetto, tuttavia non è mai decollato veramente. Parliamo del Foro Annonario di Cesena che, dalla sua inaugurazione, nel 2014, naviga a vista, tra alterne fortune, con negozi che aprono e, molti, che abbassando le serrande. Per questo il Comune ha deciso di riappropriarsi di alcuni degli spazi, al piano superiore, trasformandoli in uffici e sportelli per i cittadini. Il via libera definito è arrivato giovedì in consiglio comunale, quando è stata approvata la delibera che modifica la concessione data a Foro Gest, la società che gestisce quello che una volta era il mercato coperto. La decisione, criticata dai gruppi di opposizione, è stata difesa dal sindaco Lattuca. INTERVISTA NEL VIDEO


CESENA: Si è concluso il concorso nazionale degli istituti agrari | VIDEO Attualità

CESENA: Si è concluso il concorso nazionale degli istituti agrari | VIDEO

Si è concluso venerdì il concorso nazionale degli istituti agrari, che quest’anno si è tenuto a Cesena perché la scorsa edizione è stata vinta da uno studente dell’istituto Garibaldi-Da Vinci. 48 studenti rappresentanti di 48 scuole d’Italia che si sono cimentati in una due giorni di prove teoriche e pratiche su 6 discipline diverse. E’ il concorso nazionale degli istituti agrari, che si è tenuto a Cesena il 12 e 13 maggio e che si è concluso venerdì con la cerimonia della consegna degli attestati di partecipazione. La competizione quest’anno è stata ospitata dall’istituto Garibaldi-Da Vinci grazie a un suo studente Enrico Santucci, vincitore della scorsa edizione. INTERVISTA NEL VIDEO


ROMAGNA: Le coop non trovano lavoratori, “Stipendi inadeguati” | VIDEO Attualità

ROMAGNA: Le coop non trovano lavoratori, “Stipendi inadeguati” | VIDEO

E’ un bilancio in salute quello presentato all’assemblea di bilancio di Federcoop Romagna, tenutosi venerdì a Forlimpopoli. Per il futuro c’è però un problema: le cooperative vogliono assumere, ma non si trova personale qualificato. Migliaia di figure professionali nel campo del settore agroalimentare, in quello delle infrastrutture, della salute, della logistica e delle costruzioni che le cooperative romagnole vorrebbero assumere nei prossimi mesi ma che, per il momento faticano a reperire. E’ quanto emerge dall’assemblea di bilancio di Federcoop Romagna, che si è tenuta nella suggestiva cornice della chiesa dei servi di Forlimpopoli, nella quale si è fatto il punto sui numeri dell’anno passato. Un 2021 che ha visto crescere le cooperative, che proprio per questo vorrebbero allargarsi assumendo nuovi lavoratori. INTERVISTE NEL VIDEO