Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

FULVIO ZAPPATORE


CESENA: Al teatro Verdi la 12esima edizione del Gran gala dello IOR | VIDEO Attualità

CESENA: Al teatro Verdi la 12esima edizione del Gran gala dello IOR | VIDEO

Dopo un anno di pausa a causa del covid è tornato a Cesena il Gran Galà dello Ior, l’evento benefico organizzato dall’Istituto Oncologico Romagnolo. Si intitola “A testa alta” la campagna di raccolta fondi lanciata quest’anno dallo Ior e che ha visto come evento culminante la serata di giovedì sera. Il Gran Galà dell’Istituto Oncologio Romagnolo andato in scena al Teatro Verdi di Cesena. Obiettivo: raccogliere fondi per l’acquisto di tre caschi refrigeranti che vengono utilizzati durante la chemioterapia per contrastare la caduta dei capelli. 12esima edizione del Gran Galà che si è tenuta di nuovo in presenza dopo lo stop forzato dello scorso anno. INTERVISTA NEL VIDEO


CESENA: Prima fermati dalla Polizia, poi premiati, “Est” trionfa anche in Russia | VIDEO Attualità

CESENA: Prima fermati dalla Polizia, poi premiati, “Est” trionfa anche in Russia | VIDEO

Continua l’incetta di premi per il film “Est, dittatura last minute”, prodotto dal cesenate Maurizio Paganelli. La pellicola ha trionfato anche in Russia. A «Est — Dittatura last minute» di Antonio Pisu, per la sua grande umanità e sincerità, per aver restituito il variegato ritratto di un’epoca, per lo spirito di solidarietà che traspare dal film. Con questa motivazione il Riff, il Russia-Italia film festival, ha deciso di assegnare il primo premio alla pellicola che racconta la storia vera di tre giovani cesenati che si recano in Romania nel 1989, appena in tempo per assistere alla caduta del regime dei Ceausescu. Il produttore del film, il cesenate Maurizio Paganelli, si è recato in Russia per partecipare al festival e ha saputo della vittoria solo dopo il suo ritorno in Italia. In mezzo c’è stato anche il tempo per un piccolo problema con la solerte polizia Russa. Paganelli e il suo compagno di viaggio Andrea Riceputi hanno pensato di immortalare la trasferta fotografandosi nella piazza Rossa di Mosca con la locandina del film, ma sono stati immediatamente bloccati dagli agenti. Nella piazza è infatti severamente vietato scattare fotografie. La faccenda con la polizia si è risolta in fretta ma ha avuto una certa risonanza. INTERVISTA NEL VIDEO


E-R: Elezione Quirinale, Bonaccini, “Offro il mio voto a un sindaco della mia regione” | VIDEO Politica

E-R: Elezione Quirinale, Bonaccini, “Offro il mio voto a un sindaco della mia regione” | VIDEO

Mancano ormai poche settimane all’elezione del nuovo Presidente della Repubblica. Anche l’Emilia-Romagna con i suoi deputati, senatori e delegati, giocherà un ruolo importante per nominare il nuovo capo dello Stato. Ne abbiamo parlato con il presidente Bonaccini. Ci sarà anche un po’ di Emilia-Romagna nell’elezione del prossimo presidente della Repubblica che si svolgerà nel mese di gennaio. La data non è ancora stata fissata ma la tempistica è chiara, visto che il mandato di Sergio Mattarella scade il 3 febbraio. Nei primi giorni dell’anno il presidente della Camera Roberto Fico convocherà il parlamento in seduta comune. Tra gli aventi diritto, non ci saranno solo deputati e senatori, ma anche 3 rappresentati per ogni regione: due di maggioranza e uno di opposizione. Alla scorsa votazione ha partecipato anche il presidente dell’Emilia-Romagna Stefano Bonaccini. INTERVISTA NEL VIDEO


ROMAGNA: Contagi covid, impennata di Rimini, si rischia la “zona gialla” Attualità

ROMAGNA: Contagi covid, impennata di Rimini, si rischia la “zona gialla”

Continuano ad aumentare i casi di covid in Romagna così come i ricoveri in ospedale. Facciamo il punto con il bollettino settimanale diffuso dall’Ausl. “Il quadro epidemiologico conferma una costante ed ampia diffusione del virus, anche nella settimana presa in esame. Ma al contempo sappiamo che una risposta efficace c’è ed è la terza dose”. Così il direttore sanitario di Ausl Romagna Mattia Altini che, commentando i numeri del covid degli ultimi 7 giorni, delinea quali sono le due dinamiche che stanno influenzando la curva epidemiologica nel territorio. Da una parte, un sensibile aumento dei contagi, dall’altra il numero di ospedalizzazioni che viene tenuto a bada dai vaccini. Guardando al grafico che mette a confronto la settimana appena trascorsa con la stessa dell’anno 2020, salta agli occhi come l’aumento dei contagi non cambi di molto, mentre restano decisamente più bassi i ricoveri e i decessi. “Tutti i dati confermano che c’è un’enorme differenza fra vaccinai e non vaccinati in termini di possibilità di contrarre la malattia, ma soprattutto in materia di ospedalizzazioni e morti”spiega Altini. Nonostante questo preoccupa la curva dei positivi in costante aumento, che avvicina la regione alla tanto temuta “zona gialla”. 3401 i nuovi positivi in Romagna con un deciso balzo della provincia di Rimini, che ne ha registrati 1187. 176 sono invece i ricoverati nei reparti covid, di cui 16 in terapia intensiva. 20 i decessi. Altro dato da tenere d’occhio è la diffusione del virus nelle scuole. Al momento ci sono 169 classi in quarantena con Rimini ancora una volta maglia nera (55 classi), immediatamente seguita da Forlì. “E’ bene sottolineare l’importanza che il servizio sanitario in questo momento non vada in affanno – conclude Altini – per evitarlo occorre continuare a convincere le persone che non hanno ancora fatto la prima dose a vaccinarsi”


ROMAGNA: Balneari annunciano ricorso contro la riassegnazione delle spiagge | VIDEO Attualità

ROMAGNA: Balneari annunciano ricorso contro la riassegnazione delle spiagge | VIDEO

Il sindacato dei balneari si è riunito oggi a Milano Marittima per discutere della riassegnazione delle spiagge. Presente anche il segretario nazionale Antonio Capacchione che ha annunciato il ricorso contro la sentenza del consiglio di stato.  Da una parte il ricorso in cassazione, dall’altra la discussione col governo per la legge delega. Viaggia su un doppio binario l’iniziativa dei proprietari degli stabilimenti balneari della Romagna che si sono riuniti a Milano Marittima per stabilire la linea difensiva contro la decisione del Consiglio di Stato, che ha messo all’asta le spiagge a fine 2023. Tanti gli operatori del settore che temono di perdere il lavoro di una vita e tanti i volti preoccupati, come spiegato dal padrone di casa, il presidente del sindacato balneari di Cervia Gino Guidi. INTERVISTA NEL VIDEO


ROMAGNA: Aumentano ancora le bollette, Adoc, “Eliminare oneri di sistema” | VIDEO Attualità

ROMAGNA: Aumentano ancora le bollette, Adoc, “Eliminare oneri di sistema” | VIDEO

Parliamo del caro bollette, ieri il governo si è detto pronto a mettere a bilancio nuovi fondi per ridurre gli ulteriori aumenti di gas e luce previsti nei prossimi mesi. Ne abbiamo parlato con il presidente di Adoc, associazione che si occupa della tutela dei consumatori. "Per limitare i rincari nel breve periodo e aiutare in particolare le famiglie più povere, abbiamo stanziato 1,2 miliardi di euro a giugno e oltre 3 miliardi a settembre. Interveniamo in legge di bilancio e siamo pronti a continuare a farlo, con particolare attenzione per le fasce più deboli." Così il Presidente del Consiglio Mario Draghi che nel suo intervento al convegno “Lavoro ed energia per la transizione sostenibile” ha annunciato nuovi aiuti per andare a calmierare i costi delle bollette. E’ di pochi giorni fa, infatti, l’allarme di Arera che annuncia un nuovo rincaro per inizio anno, soprattutto per quanto riguarda luce e gas. Si parla di circa un miliardo di euro che il governo potrebbe mettere a disposizione, anche se il premier nel suo discorso non ha fornito delle cifre precise. Il convegno, organizzato da Confcommercio assieme ai sindacati ha visto la collaborazione anche di Adoc, associazione che si occupa della tutela dei consumatori. Secondo il presidente Roberto Tascini l’intervento del governo non è sufficiente. INTERVISTA NEL VIDEO


RAVENNA: De Pascale pronto a disporre la mascherina obbligatoria all'aperto Cronaca

RAVENNA: De Pascale pronto a disporre la mascherina obbligatoria all'aperto

Al dibattito sull’obbligo della mascherina all’aperto si aggiunge anche il sindaco di Ravenna Michele de Pascale che condivide la richiesta fatta al governo dal presidente di Anci Decaro. Aggiungendo però che “Se il Governo o la Regione non dovessero prendere tale provvedimento valuterei seriamente di farlo io per quanto riguarda il mio Comune”.  Il primo cittadino di Ravenna, presidente dell’unione delle province italiane, sta lavorando in questi giorni con Decaro per convincere il governo ad adottare l’obbligo delle mascherine a livello nazionale “In una città capoluogo di provincia come Ravenna – continua De Pascale – dove le persone che la frequentano sono anche di città diverse, è importante avere una serie di regole uguali per tutti”.