Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

LUDOVICO LUONGO


FORLÌ: Zingaretti suona la carica, "Vincerà Bonaccini, è presidente forte" | VIDEO Politica

FORLÌ: Zingaretti suona la carica, "Vincerà Bonaccini, è presidente forte" | VIDEO

Nicola Zingaretti suona la carica in vista delle elezioni regionali in Emilia-Romagna. Tra i vari appuntamenti, il segretario del Partito Democratico ha fatto tappa a Forlì dove si è detto fiducioso. “Matteo Salvini pensa che Lucia Borgonzoni sia inadeguata a governare l’Emilia-Romagna ed è per questo che la nasconde”. Lo afferma il segretario del Pd Nicola Zingaretti durante una conferenza stampa a Forli in vista delle elezioni regionali. “Sono venuto spessissimo e vengo a sostenere Stefano Bonaccini come è giusto fare”, afferma. “Noi il presidente forte ce lo abbiamo. È la destra che non ha una candidatura forte. L’appello che voglio fare, a pochi giorni dal voto, è chiaro: chi vuole salvare l’Emilia - Romagna dall’invasione leghista deve votare Bonaccini perché è l’unica possibilità che c’è per fare in modo che questa aggressione e questa invasione venga fermata”, aggiunge. Le sardine parti integranti del nuovo Pd? “No, sono un movimento di persone, soprattutto giovani, ragazzi e ragazze, libero, autonomo, indipendente che io penso sia un grande boccata d’ossigeno per la democrazia italiana”. Così Nicola Zingaretti conversando coi giornalisti a Forlì. “Quando le persone partecipano alla politica è sempre una bella notizia e se qualcuno vuole le persone rintanate in casa sbaglia. L’autonomia di questo movimento - aggiunge il segretario del Pd - va assolutamente rispettata. Il Partito Democratico vuole dare delle risposte ai problemi che il movimento delle sardine pone che sono quelli di una maggiore civiltà, maggiore equilibrio del confronto, la difesa di valori democratici e costituzionali. Io credo che i partiti politici non devono mettere il cappello ai movimenti, non devono tirare per la giacca o peggio pensare di annettere un movimento che per sua natura è libero. I partiti e la politica dovrebbero, invece di chiacchierare o denigrare, dare delle risposte ai problemi che pongono le piazze ed è quello che faremo noi”, conclude.


EMILIA-ROMAGNA: Berlusconi su Teleromagna, "Faremo Sgarbi assessore alla cultura" | VIDEO Politica

EMILIA-ROMAGNA: Berlusconi su Teleromagna, "Faremo Sgarbi assessore alla cultura" | VIDEO

L'intervista completa a Silvio Berlusconi è stata realizzata nella sua villa di Arcore. “Nel 2018 sono state molte le aziende che in Emilia-Romagna hanno chiuso battenti. Sono state se ben ricordo 1929. Questo è un trend negativo che continua dal 2009”. Così Silvio Berlusconi su Teleromagna in un passaggio dell’intervista che andrà in onda stasera alle 21 a Talk24. “Anche l’agricoltura, così importante per la regione, ha subìto negli ultimi anni un calo di più dell’8% e il peggio deve ancora arrivare. Adesso i governi delle sinistre hanno inventato la plastic tax sui prodotti monouso e la tassa sullo zucchero, sulle bevande zuccherate, che sono dei prodotti in cui l’Emilia - Romagna è particolarmente importante. Io credo che sia assolutamente importante e necessario che il 26 gennaio gli emiliani e i romagnoli decidano di cambiare questo governo autoreferenziale che ha tenuto anche molti di loro distanti dalle possibilità di incidere”, aggiunge. “Direi che qualunque organizzazione dopo 70 anni ha bisogno che entri aria nuova perché altrimenti coloro che sono ai posti di comando sono sempre gli stessi: familiari, parenti, amici, gli amici degli amici”. Sono le parole di Silvio Berlusconi intervistato ad Arcore da Teleromagna, in onda domani sera alle 21. “C’è bisogno di qualcuno che venga da fuori che porti novità, esperienze diverse, voglia di fare più forte”, aggiunge l’ex premier. “L’Emilia-Romagna é di certo tra le regioni più ricche in Italia ma credo che questo non sia dovuto alle ricette dell’amministrazione di sinistra ma sia dovuto ai cittadini emiliani e romagnoli che sono persone che hanno voglia di fare, che sanno pensare in grande, che si tirano su le maniche, che lavorano e a cui piace molto lavorare”.  “Questi signori al governo sono assolutamente inadatti, incapaci, senza quell’esperienza minima necessaria per governare in modo decente”. Così Silvio Berlusconi durante la nostra intervista in cui ha lanciato l'idea di Vittorio Sgarbi come assessore alla cultura se dovesse vincere Lucia Borgonzoni.


RIMINI: Lo investe con l'auto e lo uccide, 63enne muore sulla via Emilia | VIDEO Cronaca

RIMINI: Lo investe con l'auto e lo uccide, 63enne muore sulla via Emilia | VIDEO

Un 63enne originario dell'Albania è morto a Rimini nel tardo pomeriggio di oggi a seguito di un incidente stradale. E' successo attorno alle 17.40 sulla via Emilia in zona cave Pesaresi quando per cause ancora da chiarire una Mercedes classe A lo ha investito mentre si trovava a piedi sulla strada caricandolo sul cofano anteriore. Il corpo della vittima è stato scaraventato a diversi metri di distanza. Inutili i soccorsi, l'uomo era già morto. Per i rilievi è intervenuta la polizia Stradale. (foto-video Adriapress) AGGIORNAMENTI NELLE PROSSIME ORE


RAVENNA: Porti, per Borgonzoni serve "partnership in nord Adriatico" Politica

RAVENNA: Porti, per Borgonzoni serve "partnership in nord Adriatico"

"Una nuova partnership con i porti del nord Adriatico per essere più competitivi e vincere la concorrenza dei porti del Nord Europa". Lo auspica Lucia Borgonzoni, candidata del centrodestra alla presidenza dell'Emilia-Romagna, in visita questa mattina a Ravenna. "Fino ad oggi il Pd non ha colto opportunità, dimenticando di puntare anche sullo sbocco sull'Adriatico. Occorre rafforzare il ruolo di Ravenna, anche in un'ottica di sistema. Serve un potenziamento infrastrutturale, su ferro e su gomma, per garantire adeguati collegamenti al porto. La logistica della Regione - incalza l'esponente leghista - intercetta soprattutto due corridoi europei importanti, lo Scandinavo-Mediterraneo e il Baltico-Adriatico, le cui opportunità non sono state adeguatamente colte dalla Regione".


EMILIA-ROMAGNA: Bonaccini, "Salvini non sa nulla di questa regione" Politica

EMILIA-ROMAGNA: Bonaccini, "Salvini non sa nulla di questa regione"

"Il fatto che Salvini parli solo di governo o di altro, perché non conosce e non sa nulla dell'Emilia-Romagna, è la dimostrazione che si stanno usando gli emiliano-romagnoli per altri fini e non è giusto. Gli emiliano-romagnoli voteranno per chi dal 27 di gennaio nei prossimi cinque anni li guiderà in questa regione, non altro". Così Stefano Bonaccini a margine di un'iniziativa elettorale nel Bolognese. "Faremo due grandi scelte nei primi cento giorni: estendere l'asilo nido a coloro che non ce l'hanno e un grande investimento di nuovo sul tema della non autosufficienza". Ha poi annunciato il governatore. "E' vero che siamo quelli col fondo più alto ma siccome si invecchia per fortuna di più c'è bisogno che l'invecchiamento sia un'opportunità e non solo un dramma. Serve un patto con tutto il terzo settore per aumentare la dotazione dei servizi e tenerli alti con la qualità dell'accreditamento". "Ho sentito dire alla mia avversaria che toglierà l'Irap e l'Irpef in cinque anni. Assistiamo davvero al festival delle barzellette. Vorrebbe dire che il bilancio della regione Emilia-Romagna salterebbe oppure che si chiude tutta la sanità pubblica". Ha proseguito Stefano Bonaccini, presidente ricandidato dell'Emilia-Romagna, parlando a Castel San Pietro Terme, nel Bolognese in riferimento a Lucia Borgonzoni. "Che una forza politica si preoccupi di diventare sempre più aperta ad altre istanze, a portare dentro nuova linfa di partecipazione credo che sia un fatto molto positivo. Ma, davvero, sinceramente, di questo me ne occuperò eventualmente dopo il 27 gennaio e me ne vorrò occupare da nuovo presidente della regione Emilia-Romagna". Ha poi risposto a chi chiedeva un commento al rinnovamento del Partito Democratico annunciato dal segretario Zingaretti.


CESENA: In tanti al film su Craxi, il figlio, "votate Bonaccini" | VIDEO Politica

CESENA: In tanti al film su Craxi, il figlio, "votate Bonaccini" | VIDEO

Tante persone hanno assistito ieri sera a Cesena alla proiezione del film "Hammamet" che racconta gli ultimi anni di vita di Bettino Craxi.    Organizzato dai giovani del Partito Socialista, il cinema Eliseo di Cesena è stato teatro della proiezione evento del film "Hammamet" che racconta l'ultimo passaggio dell'esistenza di Bettino Craxi, storico leader socialista e a lungo presidente del Consiglio. Ospite il figlio Bobo.


CESENA: Danni ingenti dopo l'incendio alla Campomaggi Caterina Lucchi | VIDEO Cronaca

CESENA: Danni ingenti dopo l'incendio alla Campomaggi Caterina Lucchi | VIDEO

Un vasto incendio ha distrutto ieri sera la nota azienda di pelletteria Campomaggi Caterina Lucchi di Cesena. Ignote al momento le cause del rogo. Ecco le ultime.   E' desolante la situazione alla nota azienda di pelletterie Campomaggi Caterina Lucchi la mattina seguente al vasto incendio che ha quasi completamente distrutto l'impianto produttivo di Cesena, nel quartiere Borello. Le fiamme sono divampate attorno alle 19.30 di lunedì provocando un rogo visibile da chilometri di distanza. L'alta colonna di fumo e fiamme ha portato anche alla chiusura parziale della adiacente E45 mentre i vigili del fuoco sono accorsi con decine di mezzi. Il terzo blocco dello stabilimento è finito in cenere mentre il nuovo capannone si è salvato. La conta dei danni è in corso ma presumibilmente ammonterà a svariati milioni di euro. Ignote al momento le cause di quanto accaduto. L'azienda Campomaggi Caterina Lucchi è nata nel 1983 a Cesena e in pochi anni è diventata un colosso del settore pelletteria e accessori diffondendosi in tutto il mondo.