Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

LUDOVICO LUONGO


EMILIA-ROMAGNA: Covid, 2.448 nuovi casi e 34 decessi, tutti i dati Attualità

EMILIA-ROMAGNA: Covid, 2.448 nuovi casi e 34 decessi, tutti i dati

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 316.967 casi di positività, 2.448 in più rispetto a ieri, su un totale di 17.110 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 14,3%, come sempre nei festivi non indicativa della tendenza generale a causa del minor numero di tamponi fatti. Continua intanto la campagna vaccinale anti-Covid, che in questa fase riguarda il personale della sanità e delle Cra, compresi i degenti delle residenze per anziani, in maggioranza già immunizzati, gli ultraottantenni in assistenza domiciliare e i loro coniugi, se di 80 o più anni, e le persone dagli 85 anni in su; proseguono le prenotazioni per gli anziani dagli 80 agli 84 anni, per il personale scolastico e universitario e le forze dell’ordine. Riprese dopo l’autorizzazione di Aifa di venerdì le prenotazioni e le somministrazioni vaccinali per le persone dai 75 ai 79 anni, dopo il via libera dell’Agenzia europea dei medicinai (Ema) sul vaccino AstraZeneca. I cittadini di questa fascia di età che avevano l’appuntamento per essere vaccinati oggi e nei giorni della prossima settimana potranno presentarsi regolarmente ai punti vaccinali indicati. Chi aveva avuto l’appuntamento sospeso riceverà la comunicazione di una nuova data. Il conteggio progressivo delle somministrazioni effettuate si può seguire in tempo reale sul portale della Regione Emilia-Romagna dedicato all’argomento: https://salute.regione.emilia-romagna.it/vaccino-anti-covid, che indica anche quante sono le seconde dosi somministrate. Alle ore 13 sono state somministrate complessivamente 675.619dosi; sul totale, 234.565 sono seconde dosi, e cioè le persone che hanno completato il ciclo vaccinale. Prosegue l’attività di controllo e prevenzione: dei nuovi contagiati, 1.152 sono asintomatici individuati nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Complessivamente, tra i nuovi positivi 691 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone, 951 sono stati individuati all’interno di focolai già noti. L’età media dei nuovi positivi di oggi è 43,3 anni. Sui 1.152 asintomatici, 695 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing, 56 attraverso i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 50 con gli screening sierologici, 8 tramite i test pre-ricovero. Per 343 casi è ancora in corso l’indagine epidemiologica. La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 580 nuovi casi, poi Modena (368); seguono Reggio Emilia (337) e Ravenna (214). Poi Rimini (190), Parma (184), Ferrara (164), Cesena (140), Forlì (137), Imola (98). Infine Piacenza, con 36 nuovi casi. Questi i dati - accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste istituzionali - relativi all’andamento dell’epidemia in regione. Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 15.426tamponi molecolari, per un totale di 3.827.532. A questi si aggiungono anche 19 test sierologicie 1.684 tamponi rapidi. Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite, sono 1.382 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 231.279. I casi attivi, cioè i malati effettivi, a oggi sono 74.464 (+1.032 rispetto a ieri). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 70.502 (+989), il 95,8% del totale dei casi attivi. Purtroppo, si registrano 34 nuovi decessi: 2 in provincia di Piacenza (due uomini di 69 e 84 anni); 1 nella provincia di Parma (una donna di 61 anni); 4 nella provincia di Reggio Emilia (due donne di 81 e 83 anni e 2 uomini di 84 e 90 anni); 6 nella provincia di Modena (due donne di 91 e 93 anni e quattro uomini di 68, 83, 88 e 91 anni); 9 nella provincia di Bologna (3 donne, rispettivamente di: 59, 61 e 74 anni e 6 uomini: 74, due di 79, 84, 85 e 91 anni); 3 in provincia di Ravenna (tre donne di 79, 81 e 86 anni); 2 nel riminese (una donna di 90 anni e un uomo di 66); 5 a Forlì (tre donne di 67, 81 e 83 anni) e 2 a Cesena (una donna di 60 anni e un uomo di 57). Nessun decesso nel ferrarese. In totale, dall’inizio dell’epidemia i decessi in regione sono stati 11.424. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 396 (-5 rispetto a ieri), 3.566 quelli negli altri reparti Covid (+48). Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 9 a Piacenza (-1), 25 a Parma (+2), 32 a Reggio Emilia (numero invariato rispetto a ieri), 83 a Modena (+1), 119 a Bologna (invariato), 32 a Imola (-1), 34 a Ferrara (invariato), 19 a Ravenna (invariato), 9 a Forlì (invariato), 7 a Cesena (-2) e 27 a Rimini (invariato). Questi i casi di positività sul territorio dall’inizio dell’epidemia, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 21.245 a Piacenza (+36 rispetto a ieri, di cui 25 sintomatici), 21.403 a Parma (+184, di cui 78 sintomatici), 38.667 a Reggio Emilia (+337, di cui 181 sintomatici), 54.598 a Modena (+368, di cui 239 sintomatici), 68.513 a Bologna (+580, di cui 266 sintomatici), 11.145 casi a Imola (+98, di cui 45 sintomatici), 18.432 a Ferrara (+164, di cui 46 sintomatici), 24.575 a Ravenna (+214, di cui 131 sintomatici), 12.576 a Forlì (+137, di cui 101 sintomatici), 15.619 a Cesena (+140, di cui 100 sintomatici) e 30.194 a Rimini (+190, di cui 84 sintomatici). Rispetto a quanto comunicato nei giorni scorsi, sono stati eliminati 6 casi, positivi a test antigenico ma non confermati dal tampone molecolare. Un altro caso comunicato nei giorni precedenti è stato inoltre eliminato, in quanto giudicato non caso Covid-19.


BOLOGNA: Maestro 78enne stupra la studentessa di 13, arrestato Cronaca

BOLOGNA: Maestro 78enne stupra la studentessa di 13, arrestato

Un insegnante in pensione di 78 anni è stato arrestato dalla polizia di Bologna con l'accusa di aver stuprato una ragazzina di 13 anni a cui dava ripetizioni. Secondo quanto emerso, l'anziano, residente in zona San Donato nel capoluogo emiliano, seguiva l'adolescente dal 2019. Secondo il racconto della vittima, l'uomo nel tempo è passato da palpeggiamenti fino all'espletamento di atti sessuali completi. A distanza di oltre un anno dai presunti abusi, la giovane si è così confidata col padre e con un'insegnante a cui è seguita la denuncia. Il provvedimento di custodia cautelare è stato emesso dal gip bolognese Gianluca Petragnani Gelosi ed eseguito dalla Squadra mobile della polizia felsinea diretta dal procuratore Massimiliano Rossi. Il 78enne, che si trova ai domiciliari, dovrà rispondere di violenza sessuale aggravata.


ROMAGNA: Baby parking in nero, blitz Gdf tra Cervia e Cesenatico Cronaca

ROMAGNA: Baby parking in nero, blitz Gdf tra Cervia e Cesenatico

Trentatré lavoratori in nero e 200mila euro di redditi non dichiarati. E' l'accusa che la Guardia di Finanza muove contro una nota società romagnola che fornisce a strutture ricettive e stabilimenti balneari tra Cervia e Cesenatico, personale per servizi di assistenza clienti e baby parking. Secondo quanto emerso, la titolare della società impiegava giovanissimi, spesso minorenni, inquadrandoli con contratti di lavoro in realtà fittizi e non dichiarati. I finanziari hanno accertato che il personale veniva utilizzato nella stagione estiva e nel periodo natalizio in 91 varie realtà della riviera. All'azienda è stata elevata una maxi-sanzione di 300mila euro a cui seguiranno accertamenti dell'Agenzia delle entrate. (foto archivio)


ROMAGNA: Persone sorde, nasce app chiamate con interpreti Lis Attualità

ROMAGNA: Persone sorde, nasce app chiamate con interpreti Lis

In Italia, d'ora in poi, anche le persone sorde potranno effettuare delle telefonate avvalendosi in tempo reale di un interprete nella lingua dei segni. E' quanto nasce a Ravenna grazie all'iniziativa della cooperativa 'Service & Work' che presenta 'Tellis', una app gratuita per smartphone, tablet e pc: alla persona non udente basterà comporre il numero della persona desiderata e tramite videochiamata l'interprete LIS tradurrà i segni in voce e viceversa oppure tramite labiolettura per i sordi oralisti. "Gli interpreti Lis vengono selezionati tra professionisti altamente qualificati e sono messi a disposizione dalla cooperativa 'Service & Work' che da anni lavora in questo genere di servizi", spiegano Matilde Pirazzini e Celeste Pirazzini, collaboratrici della cooperativa e membri del gruppo di lavoro per il progetto Tellis, all’interno del quale è presente anche Andrea Leotardi, tecnico informatico. "Gli utenti di Tellis - spiega Marian Manea, presidente della cooperativa - possono usufruire di un video-interprete su appuntamento oppure senza appuntamento negli orari di apertura del servizio: telefonando o recandosi di persona presso sportelli di enti pubblici e privati. Per garantire una sempre maggiore realizzazione delle potenzialità di Tellis - aggiunge - stiamo valutando di creare sinergie con diverse istituzioni affinché il servizio diventi stabile e a completa disposizione in primis per i cittadini sordi - conclude il presidente - che potranno così avere pari opportunità comunicative e relazionali con le persone udenti, conducendo una vita qualitativamente migliore e indipendente". In foto lo staff della Service & Work (da sinistra Celeste Pirazzini, Matilde Pirazzini e il presidente Marian Manea).


SAN MARINO: Covid, 46 nuovi positivi e un decesso Attualità

SAN MARINO: Covid, 46 nuovi positivi e un decesso

Nella Repubblica di San Marino, nelle ultime 24 ore, si sono registrati 46 nuovi casi di positività al Covid e il decesso di una uomo di 78 anni. Lo comunica l'Istituto di sicurezza sociale sammarinese. Gli attualmente contagiati, considerati i 21 guariti, ammontano a 423. All'ospedale di Stato sono ricoverate 27 persone delle quali nove si trovano nel reparto di terapia intensiva. Nel frattempo sul Titano proseguono le vaccinazioni: alle mezzanotte di ieri sono state somministrate 2.700 prime dosi.


RIMINI: Covid, folla "ordinata" sul lungomare prima del rosso | FOTO Attualità

RIMINI: Covid, folla "ordinata" sul lungomare prima del rosso | FOTO

Nell'ultimo giorno prima di entrare in zona rossa, in Romagna, complice un bel sole e le temperature gradevoli, lungomari e centri storici sono stati invasi da tantissime persone seppur senza assembramenti rilevanti e in forma ordinata. Le restrizioni imposte dall'arancione scuro (valide fino a stasera per tutte le province eccetto che per il Forlivese), vieterebbero di uscire di casa senza un motivo di necessità ma nonostante questo le persone hanno approfittato per una passeggiata anche lontano da casa o per l'ultimo acquisto prima della serrata. A Rimini come a Riccione, Cattolica o Cervia, i cittadini appaiono insofferenti alle limitazioni della libertà personale e di spostamento. Nel capoluogo riminese diverse pattuglie di Municipale, polizia, carabinieri e Finanza sono presenti ma sembrano impotenti di fronte alla mole di persone in movimento. I bar lavorano solo per l'asporto: non c'è locale in Romagna dove non ci sia stata fila fuori. "Oggi ho deciso di tenere il mio negozio aperto - dice Matteo, noto commerciante riminese specializzato in scarpe da donna - e prima della serrata di domani ho messo molti articoli in saldo. Non capisco questo accanimento verso noi commercianti, che problema ci può essere se nella mia boutique entra una persona alla volta con mascherina?" Scenario simile anche a Cesena e Ravenna dove in tantissimi hanno scelto le vie del centro per una passeggiata e a Forlì che da arancione 'normale' domani sarà rossa nonostante le critiche feroci del sindaco di centrodestra Zattini che nelle scorse ore, unico in Romagna, ha criticato il provvedimento regionale restrittivo in particolare per la chiusura delle scuole.


EMILIA-ROMAGNA: Covid, in 24 ore 3.056 nuovi positivi e 31 decessi Attualità

EMILIA-ROMAGNA: Covid, in 24 ore 3.056 nuovi positivi e 31 decessi

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 279.646 casi di positività, 3.056 in più rispetto a ieri, su un totale di 25.888 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. Si annotano inoltre 31 ulteriori decessi. Lo comunica l'ente regionale. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 11,8%, "non indicativa - viene spiegato - dell’andamento generale visto il numero di tamponi effettuati che la domenica è inferiore rispetto agli altri giorni. Inoltre, nei festivi soprattutto quelli molecolari vengono fatti soprattutto su casi per i quali spesso è atteso il risultato positivo". L’età media dei nuovi positivi di oggi è 41 anni. La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 916 nuovi casi e Modena con 460; poi Rimini (276), Ravenna (267), Reggio Emilia (258), Parma (206), Cesena (198), Ferrara (184). Seguono il territorio di Imola (129), il circondario di Forlì (117) e la provincia di Piacenza (45). Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite, sono 522 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 213.934. I casi attivi, cioè i malati effettivi, a oggi sono 54.935 (+2.503 rispetto a ieri). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 51.839 (+2.435), il 94,3 % del totale dei casi attivi. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 283 (+8 rispetto a ieri), 2.813 quelli negli altri reparti Covid (+60).