Guarda TR24 Canale 78, il network all news del territorio

MIRCO PAGANELLI


EMILIA-ROMAGNA: Ucraina, Petitti, “Lavoro ai profughi, chiarezza su hotel” | VIDEO Politica

EMILIA-ROMAGNA: Ucraina, Petitti, “Lavoro ai profughi, chiarezza su hotel” | VIDEO

La crisi umanitaria dovuta alla fuga di Ucraini dal proprio Paese sotto attacco si è fatta sentire in particolar modo in Emilia-Romagna, dove la concentrazione di profughi resta alta nonostante siano stati avviati i trasferimenti verso altre regioni. Secondo la presidente dell’Assemblea legislativa regionale, Emma Petitti, occorre dare risposte occupazionali ai profughi e fare chiarezza sull’accoglienza negli alberghi. “Siamo la regione che da sola accoglie un quarto dei profughi a livello nazionale – afferma Petitti -. In modo particolare Rimini è uno dei territori che da subito ha dato una risposta più generosa. Stiamo sostenendo tutta la rete, insieme alle prefetture, attraverso risorse, attraverso regole chiare”. “Pensiamo anche ai prossimi mesi” e a “risposte lavorative e occupazionali per quei profughi che oggi sono qui”, aggiunge la presidente. Sia la ministra Lamorgese che l'assessora regionale Priolo hanno chiesto di fare chiarezza sull'accoglienza riminese. “La Prefettura sta prendendo in carico quelle risposte da dare a quelle persone, perché gli alberghi, molti alberghi, non rientrano in quella rete accreditata – spiega Petitti -. Quindi noi dobbiamo in maniera molto chiara, molto trasparente, garantire un'accoglienza per tutti. Crediamo che nel giro di pochi giorni e poche settimane la situazione verrà affrontata anche trovando nuove soluzioni a chi non potrà più stare in quegli alberghi”.


CESENA: Internet, l'inventore del DNS Paul Mockapetris al Campus | VIDEO Attualità

CESENA: Internet, l'inventore del DNS Paul Mockapetris al Campus | VIDEO

È l’uomo che, grazie alle sue invenzioni nel campo dell’informatica degli anni ‘80, ha reso internet e la posta elettronica accessibili a tutti. Paul Mockapetris ha tenuto una lezione al Campus di Cesena dell’Università di Bologna raccontando l’origine della sua creatura, il Domain Name System, DNS, una sorta di rubrica che converte i complicati indirizzi IP numerici nei siti internet visitati ogni giorno. Attualmente si occupa di sicurezza informatica. “Tutti dipendono sempre di più da Internet e dai computer. Con l'aumentare della dipendenza, il valore e la dimensione della minaccia crescono”, ha detto a margine della lezione a chi gli chiedeva se il conflitto in Ucraina e la propaganda russa avessero accresciuto le sfide della cyber-security. “Dobbiamo pensare ad alcuni modi per isolarci da alcune minacce e per rendere i sistemi più separati – ha aggiunto -, in modo che il danno a una parte non influisca sulle altre. Ma questo è ancora un lavoro in corso”. Gli ucraini sono stati in grado di mantenere in piedi internet dopo l’invasione russa, e questo “è davvero notevole”, ha ammesso Mockapetris. Mosca “ambisce ad avere il controllo della distribuzione di informazioni in Russia e tra i propri alleati”, ha affermato. “Avere informazioni più accurate e condivise in tutto il mondo, probabilmente favorirebbe una soluzione migliore per l'intero problema” in Ucraina. Contro le fake-news, l’unica via è quella di rifarsi a “fidati consulenti, editori ecc., per informarsi in settori in cui non si è esperti”, ha detto. La società per cui Mockapetris attualmente lavora fornisce filtri contro le cyber-minacce alle aziende, per fare in modo, ad esempio, “che la tua automobile non parli con Paesi ‘strani’”. Secondo Mockapetris “essere in grado di dire ‘no’ e importante tanto quanto connettersi”.


ROMAGNA: Covid, continua la risalita di contagi e ricoveri | VIDEO Attualità

ROMAGNA: Covid, continua la risalita di contagi e ricoveri | VIDEO

In generale in Italia sono sempre meno le province con incidenza dei nuovi casi di coronavirus oltra la soglia critica. In Romagna non c’è allarme, ma la tendenza alla risalita di contagi e ricoveri nei reparti Covid è oramai chiara dall’inizio di marzo. Non ha fatto in tempo ad esaurirsi l’ondata di gennaio che è subito ripartita quella nuova dovuta alla riduzione delle restrizioni, anche se l’ampia copertura vaccinale ha consentito di contenere l’urto di Omicron. Negli ultimi sette giorni analizzati dall’Ausl Romagna si sono registrate oltre 7.700 infezioni, valore analogo a quello che si aveva a metà febbraio. Il 17% dei nuovi casi riguarda la popolazione in età scolare, fascia in cui la copertura vaccinale resta bassa, in particolare tra i 5 e gli 11 anni. Le ospedalizzazioni sono invece salite a 209, anche se si tratta quasi esclusivamente di reparti ordinari, pochissime le terapie intensive. La curva dei decessi da più di un mese non si abbassa. Sono state 22 le persone morte col Covid nell’ultima settimana nelle tre province romagnole.


RIMINI: Provenzano (Pd), “Fare di più per redditi medio-bassi” | VIDEO Politica

RIMINI: Provenzano (Pd), “Fare di più per redditi medio-bassi” | VIDEO

Bisogna fare di più per farsi carico delle “conseguenze economiche” della guerra in Ucraina. Il vicesegretario del Partito democratico Giuseppe Provenzano, in visita a Rimini, ha commentato il peso per famiglie e imprese della generale risalita dei prezzi. “Ora ci vuole ancora più coraggio, bisogna aiutare ancora di più le fasce di reddito medio basso”, ha detto a margine della presentazione dell’ultimo libro di Emanuele Felice a Rimini. “Bisogna continuare a fermare l'aumento del carburante, mettere un tetto al prezzo del gas e lavorare insieme a un piano di risparmio energetico che riduca la dipendenza del nostro Paese” e “accelerare di più sulla transizione ecologica”. Nei confronti del presidente russo Vladimir Putin, per il dem bisogna intervenire ulteriormente con sanzioni. “Dobbiamo essere duri nelle sanzioni, ancora più duri – ha affermato il dem -. Ecco perché stiamo chiedendo l'embargo del gas, proprio per costringerlo a negoziare, a sedersi a un tavolo dove si possa raggiungere una pace giusta”. L’occasione della visita è stata la presentazione dell’ultimo libro dell’economista Emanuele Felice su diritti umani e democrazia.


EMILIA-ROMAGNA: Ucraina, donata cucina da campo per profughi al confine | VIDEO Attualità

EMILIA-ROMAGNA: Ucraina, donata cucina da campo per profughi al confine | VIDEO

Cinquecento pasti ad ogni turno di lavoro. Tanto sarà in grado di offrire la cucina da campo che l'Emilia-Romagna ha donato per l'emergenza profughi che è partita martedì da Bologna alla volta della Polonia. Diretta a Cracovia, la destinazione finale è il confine con l’Ucraina per essere impiegata nell'assistenza ai cittadini in fuga dalla guerra. La struttura è stata donata dalla Pubblica Assistenza di Sasso Marconi nell'ambito del coordinamento Anpas regionale, all'associazione Salesiani Don Bosco di Cracovia. Assieme ad essa vi è una consistente dote di generi alimentari donati da alcune delle principali aziende di food emiliane. Il convoglio, composto da sei mezzi, comprende anche una gru e due autocarri. La cucina in questione è una delle tre trasportate dalla Colonna mobile nazionale che comprende anche quattro mezzi della Regione Umbria, uno del Veneto e uno del Dipartimento Nazionale di Protezione Civile.  


ROMAGNA: Trenitalia, “Quest’estate più corse rispetto al 2021” | VIDEO Attualità

ROMAGNA: Trenitalia, “Quest’estate più corse rispetto al 2021” | VIDEO

Trenitalia intende aumentare le corse di Frecce e treni regionali per questa estate sulla costa Adriatica. In Emilia Romagna nell’estate 2021 sono state oltre 40 ogni giorno le Frecce con fermate nelle principali località della Riviera Romagnola, mentre Trenitalia Tper ha garantito fino a 132 corse al giorno fra le località costiere e Bologna. “Aumentiamo la nostra capacità di trasporto, in particolar modo sulla Adriatica, con delle fermate ad hoc per l'estate, naturalmente in centri dove ci sono dei bacini di utenza più rilevanti”. È quanto ha detto a margine del G20 Spiagge di Riccione Pietro Diamantini, direttore della Direzione Business Alta Velocità di Trenitalia.  Dato il caro energia e carburante, secondo Diamantini il ricorso al treno come mezzo di trasporto per le vacanze da parte delle famiglie diventa “ancor più rilevante”. “Riteniamo di essere importanti, in particolar modo quest'anno”, ha detto, “visto che il costo dell'energia, il costo della benzina, e quindi i costi generali sono incrementati”.  


RICCIONE: Sindaci al G20 Spiagge, “Città balneari poco considerate” | VIDEO Attualità

RICCIONE: Sindaci al G20 Spiagge, “Città balneari poco considerate” | VIDEO

Ha preso il via a Riccione il quinto summit G20 Spiagge, il network delle città balneari che si danno appuntamento per confrontarsi sulle sfide per il loro sviluppo. Un appuntamento quest'anno per la prima volta non soltanto tra i sindaci dei Comuni del circuito, ma aperto alle delegazioni di tutte le 334 mete balneari italiane. Questo “per poter avere da tutti un contributo, un aiuto e un supporto in questi momenti così particolari”, spiega a margine dell’avvio dei lavori la sindaca ospitante di Riccione Renata Tosi. Questo “momento storico”, afferma facendo riferimento alla crisi geopolitica internazionale, “crea molta incertezza e quindi pone anche noi di fronte a una determinazione molto importante”.   Le città balneari, sostiene Tosi, hanno bisogno come prima cosa di “essere conosciute” e “di non essere messe in difficoltà”, come in alcuni casi dove “abbiamo più ostacoli che accompagnamento da parte dei governi regionali e nazionali”.  Il Comune di Cavallino-Treporti ha il coordinamento del G20 Spiagge. Secondo la sua sindaca, Roberta Nesto, diventa “fondamentale” avere a disposizione strumenti “che possano aiutare i sindaci nella risposta concreta di tutti i giorni”, “a maggior ragione quando capitano vicende importanti che ci preoccupano molto, come il Covid, piuttosto che la guerra in Ucraina”. Ciò che domanda Nesto è lo “status di città balneare”. “Questo significa chiedere allo Stato – spiega - che riconosca che noi siamo delle città fisarmonica e abbiamo bisogno di strumenti adeguati”.