Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

MIRCO PAGANELLI


RIMINI: Presentato libro che ricorda la banca ‘diversa’ Eticredito | VIDEO Economia

RIMINI: Presentato libro che ricorda la banca ‘diversa’ Eticredito | VIDEO

Non si è salvata Eticredito, la banca del credito etico fallita nel 2012 dopo l’accorpamento alla Cassa di Risparmio di Rimini quando quest’ultima navigava in pessime acque. Ora un libro ne ripercorre la storia. A ridosso della crisi finanziaria, il piccolo istituto aveva raggiunto 2.800 clienti con un grosso ruolo giocato dal microcredito. Tra i beneficiari, numerosi immigrati a cui le altre banche non davano risposte. Nel primo anno di nascita, il 2006, la banca contava già oltre 5 milioni di euro di risparmi, saliti a 40 alla fine della sua corsa.


ROMAGNA: Covid, rischio ricovero 8 volte maggiore per i non vaccinati Attualità

ROMAGNA: Covid, rischio ricovero 8 volte maggiore per i non vaccinati

Continua il lieve calo settimanale dei contagi in Romagna secondo quanto emerge dall’ultimo report dell’Ausl. Dati incoraggianti riguardanti anche i ricoveri dato che il piano ospedalieri permane nel livello verde uno, sono infatti attualmente 58 i pazienti ricoverati di cui 6 in terapia intensiva e il trend è in leggero calo. Se si pensa a che punto eravamo un anno esatto fa, a un passo dalle nuove chiusura, la distanza pare siderale. L’azienda sanitaria ne è certa: questi risultati sono resi possibili dalla campagna vaccinale, e non è un caso che si stia assistendo ad un incremento dei contagi soprattutto nei giovanissimi che per età non possono ancora accedere al vaccino. Vi è poi lo studio dell’Agenzia sanitaria regionale sull’efficacia della vaccinazione che non lascia spazio a interpretazioni. Dal 26 agosto al 22 settembre in Emilia-Romagna l’incidenza dei ricoveri per Covid è stata di 1,5 ogni 10.000 persone nei vaccinati, e di quasi 12 invece nei non vaccinati. Un dato confermato anche per la sola Romagna. In regione i non vaccinati hanno un rischio 5 volte maggiore di infettarsi e 8 volte maggiore di finire ricoverati rispetto ai vaccinati. Si avvicina l’obiettivo dell’80% di vaccinati con doppia dose in Romagna, ci sono vicine tutte le province tranne – e non è una novità - Rimini, il tallone d’Achille della vaccinazione, ferma al 69% di copertura.


RIMINI: Capitale della Cultura, definito il comitato per la candidatura | VIDEO Attualità

RIMINI: Capitale della Cultura, definito il comitato per la candidatura | VIDEO

Capitale della Cultura e patrimonio Unesco. È questa la grande ambizione di Rimini che dopo l’inaugurazione degli ultimi musei e la riqualificazione delle aree attorno ad alcuni dei suoi principali monumenti, sogna in grande. È stato definito il comitato promotore della candidatura della città romagnola a Capitale italiana della Cultura 2025. Capofila del progetto il Comune di Rimini che sarà affiancato da Regione Emilia Romagna, Provincia, Diocesi, Agenzia del Piano strategico, Università di Bologna e Camera di Commercio della Romagna. Coordinatore del progetto il giornalista Giorgio Tonelli che farà dialogare tra loro i comitati e i soggetti via via coinvolti lungo il percorso di candidatura. Il prossimo passo sarà l’istituzione del comitato tecnico scientifico composto da esperti e figure tecniche. Sarà poi la volta del direttore di candidatura che sarà individuato una volta attivati i comitati. Allo stesso tempo prosegue il progetto per il riconoscimento del Duomo di Leon Battista Alberti e delle terre malatestiane come patrimonio Unesco. In questo caso si sta componendo il comitato scientifico di esperti sia nazionali che locali per questa ulteriore prestigiosa candidatura.


CESENA: Parte il cashback comunale per ravvivare il commercio locale Attualità

CESENA: Parte il cashback comunale per ravvivare il commercio locale

Il cashback ‘comunale’, che garantisce al cliente uno sconto fino a un massimo del 5% per gli acquisti effettuati nei negozi attraverso strumenti di pagamento elettronici (carte e App), si prepara a partire da domani, venerdì 1° ottobre. Sono 180 – al momento – le attività che hanno aderito al circuito “Io sono Cesena – cashback”, realizzato dal Comune di Cesena e dal Credito Cooperativo Romagnolo, in collaborazione con le associazioni di categoria, CNA, Confartigianato, Confcommercio e Confesercenti, grazie al supporto tecnico della cesenate NBF Soluzioni Informatiche. Tuttavia tutti gli esercenti che ancora non hanno aderito possono farlo attraverso il sito del Comune di Cesena al seguente link: www.comune.cesena.fc.it/cashback. “I consumatori – commenta l’Assessore allo Sviluppo economico Luca Ferrini – a partire da domani avranno la possibilità di avviare il proprio piano di rimborsi. Una formula questa che rappresenta di fatto il vero significato dell’iniziativa che coinvolge il cliente, che acquista, e il commerciante, che applica lo sconto spendibile in qualsiasi attività commerciale aderente al circuito. Il motto è: Più siamo, meglio spendiamo. ‘Io sono Cesena – cashback’ è una grande occasione per i nostri esercenti e il loro inserimento nella piattaforma proseguirà nel corso di questi giorni perché sono davvero tanti coloro che hanno già aderito e che hanno presentato la documentazione necessaria. Inoltre, coloro che lo vorranno potranno destinare il 0,50 per cento e il 0,25 per cento dello sconto ricavato da ogni singolo acquisto a un’Associazione sportiva, culturale e ricreativa che ha aderito al progetto. A tale proposito, invitiamo tutte le associazioni che intendono prendere parte al progetto a compilare il modulo scaricabile dal sito del Comune”. Ogni utente, in possesso di una card, otterrà uno sconto del 5% acquistando, dagli aderenti al circuito, prodotti di abbigliamento, articoli da regalo, articoli sportivi, calzature, farmacie erboristerie, giocattoli, gioielli, hotel-agriturismi, b&b, istituti di bellezza, nautica, ottici, parrucchieri, pelletterie e valigerie, profumerie, ristoranti-pizzeria, studi medici e dentistici. Uno sconto del 2,5% invece se acquisterà prodotti per animali, arredamento, bar pasticcerie gelaterie, ferramenta-colorifici, forniture per la casa, lavanderie, materiali edili-termoidraulica-riscaldamento, agricoltura e giardinaggio, alimentari, autofficine-gommmiste-ricambi auto e moto, elettrodomestici, elettronica-telefonia, frutta e verdura, librerie, macellerie, gastronomie, panifici, tipografie, tour operatori e viaggi. “Io sono Cesena – cashback – commenta il Direttore Generale della Credito Cooperativo Romagnolo Giancarlo Petrini – rappresenta una grande opportunità per il commercio locale ed è da leggere come un vero e proprio incentivo ad acquistare prodotti locali favorendo la rete del commercio territoriale. Si tratta di un progetto di fidelizzazione tra operatori economici e cittadini, consistente in un circuito commerciale territoriale che ha come obiettivo quello di rafforzare il commercio locale, sollecitando un rapporto virtuoso per il quale i cittadini sono motivati ad acquistare beni e servizi presso gli operatori del proprio territorio”. Come funziona? Nello specifico, gli utenti che parteciperanno all’iniziativa riceveranno incentivi sotto forma di crediti emessi dagli esercenti aderenti al circuito presso i quali avranno effettuato acquisti. I crediti emessi dagli esercenti saranno registrati e conservati digitalmente in un apposito account che ciascun utente potrà gestire dal proprio smartphone, tramite apposita App che avrà previamente scaricato e installato. I crediti così registrati, conservati e accumulati potranno essere utilizzati da ciascun utente per l’acquisto di beni e/o servizi presso gli esercenti aderenti all’iniziativa che sarà estensibile ad ogni nuovo partner che vorrà incentivare economie locali.


RIMINI: Apre la prima Ambasciata delle Città del vino d'Europa | VIDEO Attualità

RIMINI: Apre la prima Ambasciata delle Città del vino d'Europa | VIDEO

Ha aperto a Rimini la prima Ambasciata delle Città del vino d’Europa. Il suo scopo è promuovere la cultura enologica del territorio e avvicinare i giovani al settore. In concomitanza è stata allestita una mostra al Museo della Città.   Da meno di un mese ha aperto a Rimini la prima Ambasciata delle Città del vino d’Europa, un progetto che racconta la tradizione vinicola dai Colli riminesi alla Valle del Rubicone e che ha l’ambizioso obiettivo di avvicinare i giovani al mondo dell’enologia attraverso progetti formativi. Il 4 settembre è venuta a Rimini una commissione europea composta da membri sia nazionali che esteri per verificare lo stato di fatto dell’ambasciata e l’ha riconosciuta ufficialmente. “Rimini ha un primato”, ha detto l’‘ambasciatore’ Alfredo Monterumisi: “A Rimini è nata la prima ambasciata delle Città del vino d’Europa che sarà un modello per altre realtà”. Monterumisi, referente del progetto, ha insegnato Gestione e sviluppo dei servizi Turistici al campus locale dell’Università di Bologna ed ha dato vita ad alcune associazioni di promozione turistica enogastronomica. Nelle sale dell’ambasciata, oggetti di antiquariato e strumenti antichi raccontano la tradizione vinicola locale. L’ufficio vuole promuovere il territorio attraverso iniziative come la mostra ‘Brindare con gli occhi’ allestita presso il Museo della Città in collaborazione con l’Accademia di Belle arti di Rimini e che sarà aperta ancora per poco, fino al 3 ottobre. “Ai Colli di Rimini terminava la prima parte dell’impero” romano, ricorda Monterumisi dalle sale della mostra. “I romani hanno bonificato tutto” e da lì “non è nata solo la Romagna, ma tutta la regione e anche la Val Padana che è una delle valli più importanti, sotto l’aspetto produttivo, d’Europa”.


RICCIONE: Premio per il Teatro, “Cts ha dato speranza al settore” | VIDEO Attualità

RICCIONE: Premio per il Teatro, “Cts ha dato speranza al settore” | VIDEO

Il Premio Riccione per il Teatro torna con la sua 56ma edizione in giornate in cui si discute sulla capienza delle sale per gli spettacoli. La cultura vive un momento delicato, ma la creatività non si arresta.   Il Premio Riccione per il Teatro torna con la 56ma edizione in giornate in cui si discute sulla capienza delle sale per gli spettacoli. Riccione Teatro, che organizza il premio più importante in Italia dedicato alla drammaturgia, guarda con favore all’ampliamento della capienza delle sale da spettacolo previsto dal prossimo 15 ottobre. Allo studio del governo vi sono anche passi ulteriori dei quali se ne discuterà in uno dei prossimi Consigli dei ministri. “Il Comitato tecnico scientifico ha naturalmente dato una speranza importante per tutto il comparto”, ha detto il direttore di Riccione Teatro Simone Bruscia a margine della conferenza stampa di presentazione del premio. “Ci sarà modo di parlarne”, della capienza dei teatri nel corso della manifestazione, “perché il premio Riccione è di per sé un momento importante di confronto con gli operatori, i curatori, con chi il teatro lo fa”, ha aggiunto Bruscia. La due giorni del premio riccionese, il 2 e 3 ottobre, prevede eventi diffusi per la città e un omaggio a Lucio Dalla. Elio Germano presenterà un Pirandello in realtà virtuale mentre l’hotel Parco sarà trasformato in teatro con performance persino nelle camere da letto. I vincitori saranno annunciati nella serata conclusiva del 3 ottobre aperta alla città al Palazzo dei Congressi.


RIMINI: Avviati i cantieri per le rotonde sulla Statale Adriatica | VIDEO Attualità

RIMINI: Avviati i cantieri per le rotonde sulla Statale Adriatica | VIDEO

Le aree a monte della Statale Adriatica all’incrocio con la Superstrada di San Marino a Rimini sono state recintate nei giorni scorsi. Presto vedranno decine di camion scaricare ingenti quantitativi di materiali. Si tratta del campo base della ditta appaltatrice incaricata per la realizzazione di diverse opere di riqualificazione della SS16 a partire dalle due maxi rotatorie all’intersezione con la SS72 e le vie Montescudo e Coriano. Quest’ultima sarà la prima ad essere realizzata. Le attività propedeutiche di questi giorni sono solo l’avvio di quanto stabilito dalla cabina di regia che vede allo stesso tavolo Autostrade per l’Italia, Anas, Regione Emilia-Romagna e Comune di Rimini. Per entrambe le rotatorie l’ultimazione dei lavori è previsto fra 18 mesi. Dunque a marzo 2023 il panorama di questo tratto particolarmente trafficato dell’Adriatica cambierà nettamente con la scomparsa degli intricati incroci semaforici. E di semafori non ne vorrebbe più sapere nemmeno il governo di San Marino che, sulla spinta di questi lavori, ha incontrato Anas per lavorare alla progettazione di rotonde anche sulla Strada Consolare in sostituzione dei semafori esistenti. L’azienda, che fa parte del gruppo di Ferrovie dello Stato, si sarebbe detta ampiamente disponibile e trovare soluzioni migliorative.