Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

MIRCO PAGANELLI


RIMINI: È salvo l’ex vigile accoltellato, fegato sfiorato dalla lama | VIDEO Cronaca

RIMINI: È salvo l’ex vigile accoltellato, fegato sfiorato dalla lama | VIDEO

“Mi è venuto incontro come un pazzo. Solo dopo che si è allontanato mi sono accorto che mi aveva accoltellato: era tutto sangue”. Così ha raccontato al Carlino l’ex vigile urbano accoltellato nel bar di Marina Centro di Rimini gestito dal figlio, anche lui ferito dall’aggressore. Luciano Picci sta bene e parla dal letto di ospedale dopo l’intervento chirurgico. Il magazziniere 42enne di Vibo Valentia, Ivan Russo, che nel pomeriggio di mercoledì avrebbe perso le staffe e tentato la sua uccisione, si trova anch’egli all’ospedale di Rimini sotto stretta sorveglianza. Solo per pochi millimetri la lama non ha colpito il fegato di Picci. Si è conficcata nel suo addome senza danneggiare organi vitali. “Nella mia carriera nelle forze dell’ordine – spiega il 71enne – mi è capitato di tutto, ma una coltellata l’ho presa solo al bar”. Il pensionato è stato chiamato dal figlio nel pomeriggio dell’aggressione perché un cliente avrebbe cominciato a dimostrarsi molesto. Allontanato con l’aiuto della polizia, questi ha poi fatto ritorno. “È partito come un fulmine e mi ha colpito”, ha detto la vittima. Intanto Russo si è avvalso della facoltà di non rispondere. Ha solo detto di di provare molto dolore per via delle sei costole rotte durante la colluttazione. A bloccare l’aggressore all’interno del bar è stato un cliente albanese che ha scongiurato, così, un esito che sarebbe potuto essere ancora più sanguinoso.


RIMINI: Prostituzione, stilata mappa delle vie dove si applicano multe | VIDEO Attualità

RIMINI: Prostituzione, stilata mappa delle vie dove si applicano multe | VIDEO

Una mappatura precisa delle vie del sesso è quella che stila l’amministrazione comunale di Rimini come premessa all’ordinanza anti-prostituzione che coprirà tutto il periodo estivo. La norma definita “contingibile e urgente” sarà infatti valida dal 25 maggio al 15 ottobre e mira a punire le donne sui marciapiedi vestite in modo succinto che incitano i passanti a fermarsi, e coloro che si fermano anche solo per chiedere informazioni. Questi potranno vedersi recapitare una multa di 500 euro che scende a 400 se pagata entro 60 giorni. È il quarto anno consecutivo che l’apparato di sicurezza comunale ha deciso di ricorrere a questo strumento, in aggiunta a quello recentemente adottato, ovvero la multa da 10 mila euro per chi viene sorpreso a consumare sesso in un luogo pubblico. Da Torre Pedrera a Miramare, passando per la Statale Adriatica e Borgo Marina, il provvedimento nomina una per una le vie del divieto di prostituzione, che corrispondono a quelle in cui il fenomeno è diffuso. Particolare attenzione in queste zone verrà posto anche al codice della strada, infatti gli automobilisti che faranno manovre improvvise per fermarsi accanto alle prostitute saranno puniti con sanzioni di 41 euro, elevate a 54 nelle ore serali.


RIMINI: Ricercatori del Tecnopolo invitano le imprese a investire nella ricerca | VIDEO Attualità

RIMINI: Ricercatori del Tecnopolo invitano le imprese a investire nella ricerca | VIDEO

A qualche mese dall’inaugurazione del Tecnopolo di Rimini, al momento specializzato nei settori di meccanica, energia e ambiente, i ricercatori invitano le aziende del territorio a rivolgersi a loro per innovare i propri processi produttivi. E ne spiegano i vantaggi. Fare ricerca al Tecnopolo converrebbe anche dal punto di vista economico.


RIMINI: Cliente violento accoltella improvvisamente titolari di una pizzeria | VIDEO Cronaca

RIMINI: Cliente violento accoltella improvvisamente titolari di una pizzeria | VIDEO

“Torno e vi ammazzo tutti”. Lo aveva promesso il cliente rifiutato – stando alle testimonianze dei presenti – e così avrebbe tentato di fare. È il pomeriggio di mercoledì quando i titolari di una pizzeria di viale Vespucci, a Marina Centro di Rimini, allontanano dal locale un 42enne di Vibo Valentia, grazie all’aiuto della polizia, perché si sarebbe rivelato molesto in seguito al presunto abuso di alcol e forse anche di droghe. Accompagnato all’uscio, l’uomo inveisce, ribalta qualche sedia e fa l’amara promessa. Passa meno di un’ora. (I testimoni racconteranno poi che sembrava fuori di sé). L’aggressore, secondo le ricostruzioni, si scaglia contro il gestore Luciano Picci, ex poliziotto in pensione di 71 anni, lo fa cadere a terra e lo pugnala all’addome, vicino al fegato. Corre in suo aiuto il figlio, il 46enne Alessandro, che rimane ferito al braccio. Picci perde sangue, viene subito ricoverato ed operato nella serata, ma non sarebbe in pericolo di vita. Il calabrese è stato fermato dai presenti e poi arrestato dalle forze dell’ordine. Era in città da solo un giorno e soggiornava in un hotel della zona. È il secondo accoltellamento nel giro di poche ore sul mare di Rimini.  (Video Adriapress)



CICLISMO: La Gran Fondo Cassani premia Elettrico e Spada | VIDEO Sport

CICLISMO: La Gran Fondo Cassani premia Elettrico e Spada | VIDEO

La Gran Fondo Cassani ha aperto come da tradizione la stagione dei grandi eventi ciclistici in Romagna. Dopo l'omaggio effettuato in partenza alla figura del campione Vito Ortelli, scomparso di recente all'età di 95 anni, i 1.520 iscritti alla competizione sono partiti da piazza del Popolo, a Faenza, salvo poi dividersi per affrontare il percorso sulle due diverse distanze previste, quella da 80 km e quella da 130. Sul primo tracciato è stato il riminese Marco Spada a festeggiare, precedendo il compagno di squadra del Gs Gianluca Faenza Giuseppe Corsello, mentre il terzo posto se l'è preso Emanuele Bucci delle Frecce Rosse di Rimini. Prima tra le donne la faentina Marica Tassinari davanti a Serena Gazzini e Michela Bergozza. Sul percorso più lungo, invece, è stato Tommaso Elettrico a festeggiare dopo aver staccato nell'ultimo chilometro il compagno di fuga Carlo Muraro. Tra le donne, confermato il dominio della marchigiana Barbara Lancioni, al quarto successo in questa manifestazione, che ha preceduto le romagnole Debora Morri e Manuela Bugli.