Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

MIRCO PAGANELLI


RIMINI: Busta contenente polvere bianca fa evacuare Agenzia delle Entrate | VIDEO Cronaca

RIMINI: Busta contenente polvere bianca fa evacuare Agenzia delle Entrate | VIDEO

Ritorna quella parola che generò paure e sospetti all’inizio degli anni duemila. Antrace. Una busta contenente della polvere bianca è arrivata nella mattinata di lunedì all’Agenzia dell’Entrate di Rimini. Ad accorgersene un impiegato che, smistando le lettere, ne aveva notata una con incollati alcuni ritagli di giornale. Alle 11 in via Macanno è scattato l’allarme. Sul posto è giunta la squadra prevista dal protocollo di sicurezza per casi di questo tipo: polizia con cani anti-esplosivo, vigili del fuoco e personale sanitario. L’intera struttura è stata evacuata e le indagini sono proseguite fino al pomeriggio. Gli impiegati che avevano maneggiato la busta sono stati visitati e tenuti in osservazione per alcune ore senza accusare sintomi particolari. La busta è rimasta nell’edificio fino alle ore 19 quando è stata trasportata all’esterno e sottoposta ad ulteriori analisi. La polvere bianca, passata nelle mani della Ausl, verrà analizzata da un istituto di zoo-profilassi. Nessun allarme chimico-batteriologico è scattato e in serata tutto e rientrato nella norma. (foto e video Adriapress)


RIMINI: Gessica Notaro in tv “Minacciata dagli uomini delle donne che aiuto” | VIDEO Cronaca

RIMINI: Gessica Notaro in tv “Minacciata dagli uomini delle donne che aiuto” | VIDEO

Inarrestabile Gessica Notaro. Non solo nella competizione artistica che sta portando avanti in televisione, ma soprattutto in quella che affronta nella vita reale dall’anno scorso, in seguito all’aggressione di cui è stata vittima a gennaio sotto casa sua. Dopo la paura e le settimane trascorse in ospedale, la 29enne riminese ha cominciato a far sentire la propria voce. L’obiettivo: sensibilizzare l’opinione pubblica contro la violenza sulle donne. In particolare chiedendo alle istituzioni di intervenire prima su coloro che manifestano atteggiamenti oppressivi e minatori. Gessica si dedica inoltre al supporto delle tante donne, vittime di stalking, che si rivolgono a lei chiedendo aiuto. Ed è questo l’aspetto che più la preoccupa. Non è la prima volta infatti che la giovane afferma di ricevere minacce dagli uomini delle donne che aiuta. Dopo la violenza subita, la denuncia delle minacce da parte di nuovi uomini. Una condizione capace di generare costante turbamento, nonostante Gessica tenti di mascherarlo.


RIMINI: Omicidio Niang, crescono i sospetti su coppia di cugini arrestati | VIDEO Cronaca

RIMINI: Omicidio Niang, crescono i sospetti su coppia di cugini arrestati | VIDEO

Tornano ad alimentarsi i sospetti sulla coppia di cugini albanesi, di 21 e 28 anni, arrestati mercoledì scorso a Rimini per possesso illegale di arma da fuoco. Il fermo era avvenuto poco distante dal luogo del ritrovamento del cadavere di Makha Niang, il 27enne freddato con due spari la notte prima. Le prime indagini avevano mostrato una incompatibilità tra la pistola che ucciso il giovane lavapiatti e quella dei due arrestati. Ma cinque parole carpite da una conversazione di questi ultimi li hanno fatti ripiombare al centro dell’indagine. “Non dire niente dell’omicidio”, è quanto avrebbe detto uno dei due cugini all’altro dopo l’arresto. Un testimone avrebbe poi visto mercoledì notte, nel luogo dell’omicidio, un suv analogo a quello guidato il giorno dopo dai due soggetti. Per quanto riguarda il movente, si guarda al cellulare della vittima, che nei minuti prima di essere stato ucciso aveva chiamato più volte una donna, una prostituta, che avrebbe incontrato ripetutamente. Una delle ipotesi è che l’assassinio fosse la punizione per quella relazione. Ancora nessuna certezza. Ma le prossime ore potrebbero essere determinanti e portare ad almeno un arresto per omicidio. Intanto la famiglia di Makha Niang ringrazia Rimini per la vicinanza che le sta dimostrando in queste ore, e tutta la comunità senegalese locale chiede giustizia.



RIMINI: E' mistero dopo il senegalese ucciso con due colpi di arma da fuoco | VIDEO Cronaca

RIMINI: E' mistero dopo il senegalese ucciso con due colpi di arma da fuoco | VIDEO

È stato ucciso con due colpi di arma da fuoco Makha Niang, il 27enne di origini senegalesi trovato morto la notte di martedì nel parco alla foce del fiume Marecchia, a Rimini. La causa del decesso è stata rivelata dall’autopsia condotta dal professore Giuseppe Fortuni. Nel pomeriggio di mercoledì, sul luogo del ritrovamento del cadavere, è intervenuta la polizia scientifica. La bicicletta di Makha era chiusa con il lucchetto a pochi metri di distanza dal suo cellulare, ritrovato per terra. Sul posto sono state repertate anche alcune gocce di sangue. I coinquilini del giovane hanno detto di averlo visto l’ultima volta attorno alle 23.30 di martedì. Poi il 27enne se ne sarebbe andato di casa in biciclette senza dire dove. Due ore e mezza più tardi Makha era già morto. Resta da capire se aveva un appuntamento con il suo assassino o se questi lo abbia sorpreso con la sua pistola sulle sponde del fiume. La vittima non aveva mai avuto problemi con la giustizia. Si spostava tutti i giorni in bicicletta per andare al lavoro, faceva il lavapiatti. “Ci siamo trovati molto bene con lui” ha detto un suo ex datore di lavoro. Settimana prossima Makha sarebbe dovuto tornare in Senegal dalla moglie, che mantiene a distanza insieme alla madre, ma poi, avendo recentemente ottenuto un nuovo impiego, ha annullato il biglietto aereo. Era contento di poter dare una vita migliore ai propri cari, ma la sua di vita è stata bruscamente spezzata da due colpi di arma da fuoco.


RIMINI: Presentata guida del borgo San Giuliano nata su Instagram | VIDEO Attualità

RIMINI: Presentata guida del borgo San Giuliano nata su Instagram | VIDEO

È stata presentata una guida turistica del Borgo San Giuliano, quartiere storico di Rimini, nata su Instagram e dedicata in particolare agli utenti della nota app di fotografie. Tutto è partito da Instagram, la app per raccontare la realtà attraverso le immagini. Nell’obiettivo di una blogger riminese, la sua città e in particolare il pittoresco Borgo San Giuliano. Ne è nata una guida, sostenuta dall’amministrazione comunale e in particolare da un brand tipico del posto.


MISANO ADRIATICO: Incidente mortale vicino alla stazione, vittima scooterista 37enne | VIDEO Cronaca

MISANO ADRIATICO: Incidente mortale vicino alla stazione, vittima scooterista 37enne | VIDEO

È morto sul colpo dopo essersi scontrato con un’auto. A perdere la vita martedì pomeriggio a Misano Adriatico un uomo di 37 anni. Le dinamiche sono ancora al vaglio delle forze dell’ordine. L’incidente è avvenuto in via della Stazione, in un lungo rettilineo del comune del riminese. Secondo una prima ricostruzione lo scooterista, a bordo di un’Honda, ha frenato per alcune decine di metri senza però riuscire ad evitare una Audi. L’impatto è stato devastante e il 37enne è stato sbalzato dal mezzo cadendo rovinosamente sull’asfalto, privo di conoscenza. Sul posto sono subito intervenuti i mezzi di soccorso che si sono trovati di fronte la vittima in condizioni disperate. Nonostante la lunga rianimazione, il cuore dell’uomo ha smesso di battere. Con l’arrivo della bella stagione tornano le tragedie su strada dei mezzi a due ruote. Gli agenti della polizia municipale hanno proceduto ai rilievi di rito. Filmato in arrivo (Video Migliorini)