Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

MIRCO PAGANELLI


RIMINI: Promozione in C, il Neri ha bisogno di lavori, Gnassi “Saremo pronti” | VIDEO Attualità

RIMINI: Promozione in C, il Neri ha bisogno di lavori, Gnassi “Saremo pronti” | VIDEO

Tornare tra i professionisti con una casa che si rispetti. È sul campo della logistica che si gioca la prossima partita del Rimini, esultante per il ritorno in serie C grazie alla vittoria di domenica. Sul tema dello stadio in città si dibatte da anni. Alcuni interventi di riqualificazione sono già partiti nel 2015 con l’adeguamento del campo, omologato dalla Lega Pro, e degli spogliatoi. Altri interventi hanno riguardato la manutenzione e l’impianto di videosorveglianza, oltre ad alcune opere di miglioria al settore distinti. Gli uffici dei lavori pubblici del Comune si sono attivati già lunedì mentre il popolo biancorosso festeggiava la promozione. In programma vi sono il rifacimento della copertura storica, il cui progetto è già stato autorizzato dalla Soprintendenza, e il restauro della tribuna storica, per il quale interverrà l’Art bonus. Nessun “gigantismo”, precisa il sindaco della città, Andrea Gnassi, la cui amministrazione ha affiancato il patron del Rimini, Giorgio Grassi, nel risollevare la squadra. Niente strutture avveniristiche come si era ipotizzato in passato. Nella visione del primo cittadino c’è un Romeo Neri “dignitoso e ospitale”. Anche la vicina Cattolica festeggia una promozione: quella in Eccellenza. Lo stadio Calibi si prepara a cambiare veste. Il sindaco Mariano Gennari considera il milione di euro messo a disposizione della struttura “un regalo dell’amministrazione comunale per il salto di categoria”. Giovedì scade il bando e in autunno, secondo il primo cittadino, si dovrebbero vedere i primi lavori fatti.


RIMINI: Appalti Acqua Arena e Tecnopolo, indagini pm concluse, 18 indagati | VIDEO Cronaca

RIMINI: Appalti Acqua Arena e Tecnopolo, indagini pm concluse, 18 indagati | VIDEO

Rimane affossato il cantiere del polo natatorio riminese Acqua Arena. Anzi, affondato, senza sapere quando potrà riemergere. Dopo il fallimento dell’azienda di Reggio Emilia, capofila del raggruppamento di imprese che ha vinto l’appalto pubblico, l’ipotesi in campo rimane quella di interrompere il contratto e di indire un nuovo bando. Speculare sulla data di apertura della piscina rimane al momento una pratica azzardata. Intanto sul progetto è finita l’attenzione delle procure di Rimini e di Bologna. Segnatamente sul bando che ha affidato i lavori di costruzione del polo. Al centro dell’indagine vi è l’amministratore di un’impresa riminese che ha svolto il ruolo di consulente per gare d’appalto in diverse città, tra cui anche Rimini. La sua azienda si è anche impegnata nella costruzione del Tecnopolo riminese: il centro di ricerca affidato agli studiosi dell’Università degli Studi di Bologna e inaugurato nel febbraio del 2017. Anche questa struttura è finita sotto la lente della magistratura. Diversi i nomi che ora rischiano il processo. Le indagini del pm si sono concluse con 18 persone nel registro degli indagati, ma questi potrebbero aumentare. Tra di loro troviamo tre funzionari del Comune di Rimini, tra cui il dirigente Massimo Totti, oltre ad altri professionisti di realtà private. L’inchiesta delle fiamme gialle è partita due anni fa. Il complesso doveva essere completato nel 2015, ma il comune aveva chiesto una proroga alla Regione, la quale lo aveva finanziato con 2,8 milioni di euro. I funzionari di Palazzo Garampi sono indagati per falso in atto pubblico. Per l’ingegnere Totti si ipotizza anche la truffa, mentre per altri la turbativa d’asta.


RIMINI: Approdano i migliori artisti del Cirque du Soleil | VIDEO Attualità

RIMINI: Approdano i migliori artisti del Cirque du Soleil | VIDEO

Approda a Rimini lo spettacolo che raccoglie i migliori artisti del Cirque du Soleil e del Nouveau Cirque. Alis. Una produzione che raccoglie acrobati, equilibristi, giocolieri e musicisti. Protagonista dello spettacolo, Alice e il suo paese delle meraviglie. Joel Baker ha fatto tremila show con Cirque du Soleil a Las Vegas. 


CATTOLICA: Si stacca del cemento da un ponte sulla SS16, verifiche in corso | VIDEO Attualità

CATTOLICA: Si stacca del cemento da un ponte sulla SS16, verifiche in corso | VIDEO

Nella prima mattinata di venerdì sono piovuti calcinacci da un cavalcavia che passa sopra la Statale Adriatica nei pressi del casello autostradale di Cattolica, nel riminese. Poco prima delle 8 è arrivata una segnalazione ai vigili del fuoco che sono intervenuti con un’autoscala per rimuovere i pezzi di cemento che si stavano staccando su tutto il manufatto. L’infrastruttura sarebbe di competenza provinciale e sono ora in corso delle verifiche che hanno coinvolto diversi soggetti: Anas, provincia e comuni. La Polizia Stradale è intervenuta perché si è reso necessario limitare il traffico stabilendo il senso unico alternato, con gli inevitabili disagi per gli automobilisti. La struttura, stando a quando si apprende, non vedrebbe compromessa la sua stabilità, anche se si dovrà attendere l’esito delle indagini. Oltre al maltempo, anche l’esigenza di manutenzione avrebbe causato il distaccamento di cemento dalla superficie del ponte, il quale rappresenta un elemento centrale della viabilità locale, dato che raccorda il centro di Cattolica con il comune di San Giovanni in Marignano.   (Video Migliorini)


RIMINI: Pulmini di turisti dell’est bruciati, danni per 100mila euro | VIDEO Cronaca

RIMINI: Pulmini di turisti dell’est bruciati, danni per 100mila euro | VIDEO

Un’attività compromessa. I danni sarebbero di circa centomila euro. Sullo sfondo la lotta per conquistarsi turisti in transito all’aeroporto di Rimini, in particolare quelli provenienti dalla Russia e dai paesi dell’est. Sono andati a fuoco e sono stati completamente distrutti, nella notte tra mercoledì e giovedì, in una zona centrale di Rimini, tre pulmini di un’azienda sammarinese di noleggio con conducente. I veicoli, che servivano a portare in tour i visitatori, si trovavano parcheggiati in via della Rondine, nei pressi dell’abitazione dei loro proprietari, due coniugi dell’est Europa. A dare l’allarme, gli abitanti della zona che hanno visto d’improvviso il buio schiarito dalle fiamme che si alzavano in cielo. L’origine è dolosa. I vigili del fuoco giunti sul posto hanno impedito che l’incendio si propagasse ai veicoli adiacenti, dato che a quell’ora, trattandosi di un quartiere residenziale, le automobili dei residenti sono tutte allineate in strada. I tre pulmini erano a distanza l’uno dall’altro, eppure nella via sono andati a fuoco solo quelli. Qualcuno ha voluto colpire quello specifico servizio di trasporto privato. La lotta per accaparrarsi i clienti dell’est è spietata. Difficile però stabilire ancora l’esatto contesto della vicenda. Sul posto è stata ritrovata la bottiglietta di liquido incendiario, anch’essa andata a fuoco. I piromani potrebbero essere stati ustionati dal ritorno di fiamma. (Video Migliorini)


RIMINI: Furbetti delle case popolari, scoperti trenta ricchi inquilini | VIDEO Cronaca

RIMINI: Furbetti delle case popolari, scoperti trenta ricchi inquilini | VIDEO

Avevano dichiarato redditi bassissimi, talvolta addirittura pari a zero, ma dall’analisi dei loro conti sono spuntati tesoretti di centinaia di migliaia di euro. Si tratta di alcuni assegnatari di alloggi popolari del comune di Rimini. Una trentina quelli scovati dall’Agenzia delle Entrate e che ora hanno un anno di tempo per trovare una nuova sistemazioni. Otto di questi avrebbero già riconsegnato le chiavi. Tra i furbetti delle case popoli c’è chi nel 2016 aveva nelle sue disponibilità più di mezzo milione di euro quando solo due anni prima non aveva dichiarato niente al fisco. E sono altri i casi di persone che hanno ottenuto gli alloggi per famiglie indigenti, che nelle loro disponibilità avrebbero più di centomila euro. La stretta sui furbetti è stata possibile - fa sapere l’amministrazione comunale - grazie all’applicazione di alcune novità normative, tra cui la legge regionale sull’Edilizia Residenziale che ha modificato i requisiti di accesso alla residenza pubblica. L’Agenzia delle Entrate può ora controllare direttamente i redditi e i patrimoni mobiliari degli assegnatari. Delle verifiche sono ora in corso, da parte del Comune, su tutti gli abitanti Erp. “Ristabilire la giustizia e le regole vuol dire soprattutto garantire aiuto e sostegno a chi è davvero in difficoltà”, è il comento sulla vicenda della vicesindaca di Rimini, con delega al Welfare, Gloria Lisi.


RIMINI: Profugo positivo alla tubercolosi, analisi a decine di persone | VIDEO Attualità

RIMINI: Profugo positivo alla tubercolosi, analisi a decine di persone | VIDEO

Seguiva nei mesi scorsi un corso di alfabetizzazione presso una scuola media di Rimini ed era ospite di una struttura di accoglienza per minori della provincia. Il giovane profugo, divenuto di recente maggiorenne, è stato trasferito allo Sprar di Pesaro ed è lì che nei giorni scorsi è apparso debilitato. I primi sintomi, secondo alcune testimonianze, sarebbero cominciati già quando il 18enne viveva a Rimini. Ora si trova ricoverato presso l’ospedale San Salvatore di Pesaro dove gli è stata diagnosticata la tubercolosi. Le sue condizioni sarebbero in via di miglioramento. Intanto è scattata la profilassi per tutte quelle persone venute a contatto con il giovane negli ultimi tre mesi, ovvero gli ospiti del centro di accoglienza riminese, gli educatori, gli insegnanti della scuola in cui studiava l’italiano e i compagni di classe. Un’ampia finestra di indagine, nel rispetto delle direttive ministeriali, che ha messo sotto verifica una quarantina di persone. La Ausl precisa che “le persone a rischio sono solo quelle che hanno trascorso molte ore al giorno con il malato. Nessun rischio di contagio, dunque, per chi frequenta gli stessi spazi in orari successivi”. I risultati sugli esaminati si sapranno solo nei prossimi giorni, ma dopo la prima visita sembrano stare tutti bene.