Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

MIRCO PAGANELLI


CATTOLICA: Complesso Vgs, si punta ad aprire a Natale 2018 | VIDEO Attualità

CATTOLICA: Complesso Vgs, si punta ad aprire a Natale 2018 | VIDEO

Uno spiraglio di luce esce dal buco nero più profondo del volto di Cattolica. Quello che avvolge il complesso commerciale Vgs che dal 2006, anno della sua realizzazione, non è mai entrato in funzione. Sale cinematografiche, bowling, esercizi commerciali. Una storia lunga più di dieci anni di abbandono e degrado dopo il fallimento della ditta esecutrice dell’opera. L’estate scorsa l’amministrazione comunale si era impegnata ai nostri microfoni a fare di tutto per aprire, almeno parte della struttura, entro il 2019. E in questi giorni fa sapere che i primi negozi dovrebbero accogliere i cattolichini dal Natale di quest’anno. Era da tempo, dopotutto, che gli abitanti del quartiere Macanno chiedevano interventi per migliorare la vivibilità della zona. Nei mesi scorsi si erano fatti avanti degli imprenditori per rilevare i lotti contenenti punto vendita ed uffici. Più difficili da gestire quelli del cinema e del bowling. Il Comune fa sapere di avere messo a bilancio 250mila euro, in base agli accordi, per la realizzazione di opere di urbanizzazione per tutta l’area.


RIMINI: Nuova questura, andata deserta l'asta da 10 milioni | VIDEO Attualità

RIMINI: Nuova questura, andata deserta l'asta da 10 milioni | VIDEO

Se ne riparlerà a maggio. Già, perché è andata deserta l’asta con cui il curatore fallimentare della “nuova questura” di Rimini intendeva vendere l’immobile di via Ugo Bassi, mai entrato in funzione e preda del degrado. La soluzione a uno dei problemi più annosi del tessuto urbano riminese rimane ancora in stand-by. Eppure sembrava fatta un mese fa quando alla notizia dell’asta, fissata per il 15 febbraio, si erano fatti avanti alcuni acquirenti. Capofila l’Inail che avrebbe poi dato in affitto quegli spazi. Nelle settimane scorse erano avvenuti i sopralluoghi da parte degli interessati. A 10 milioni di euro era stato fissato il prezzo di partenza, che però non ha convinto nessuno. A spaventare, forse, i costi di ristrutturazione. L’edificio giace infatti abbandonato dal 2004, anno in cui fallì la società immobiliare Da.Ma di Gianfranco Damerini che realizzò la struttura. Anni di atti vandalici, furti di materiali e allagamenti hanno gravemente danneggiato il complesso che ad oggi ha dato dimora solo a senzatetto. Secondo alcune stime si parla di una ristrutturazione necessaria dal valore di 9 milioni di euro. La data per la prossima asta è fissata per il 17 maggio. Ancora non si sa a quale prezzo, ma certamente sarà più basso. Intanto in progetto c’è il trasloco degli uffici della questura dal centro storico alla sede temporanea di piazzale Bornaccini. Il patto sulla Sicurezza siglato in città a dicembre dal ministro Minniti prevede l’apertura della nuova questura per il 2020. Ma prima di parlare di meta raggiunta occorre trovare un nuovo proprietario.


RIMINI: Rimborsopoli M5S, la deputata Giulia Sarti accusa l'ex, "sottratti 20mila euro" | VIDEO Politica

RIMINI: Rimborsopoli M5S, la deputata Giulia Sarti accusa l'ex, "sottratti 20mila euro" | VIDEO

Novità sul caso Rimborsopoli del Movimento 5 Stelle e sulla candidata riminese alla Camera, Giulia Sarti. Pare infatti, stando ad agenzie di stampa che fanno riferimento a fonti interne al Movimento, che la pentastellata romagnola si sia rivolta alla Questura per denunciare il suo ex fidanzato quale responsabile dei suoi rimborsi truccati. La giovane deputata è finita nel ciclone scatenato da una inchiesta delle Iene che punta il dito contro dieci grillini, tra cui Sarti, “rei” di aver falsificato i bonifici con cui avrebbero restituire parte del loro stipendio al Fondo per il microcredito, in base agli accordi dei Cinquestelle. Luigi Di Maio per ora ha messo all’indice otto dei suoi, ammettendo il fatto. Tra questi nomi non risulta però Giulia Sarti che vive queste ore in una sorta di stand-by. La riminese avrebbe detto ai vertici grillini che a truccare i suoi rimborsi sarebbe stato l’ex fidanzato, difendendo il proprio operato. Si parla di una cifra attorno ai 20mila euro. Secondo alcune fonti interne al Parlamento, Sarti avrebbe subìto delle pressioni per rivolgersi alla Polizia. Voci però smentite dai Cinquestelle.


RICCIONE: Candidatura spiaggia a Unesco, “Risultato possibile se ci crediamo” | VIDEO Attualità

RICCIONE: Candidatura spiaggia a Unesco, “Risultato possibile se ci crediamo” | VIDEO

Un’idea nata da una chiacchierata tra gestori di stabilimenti balneari. L’ipotesi si è fatta concreta, ottenendo anche il supporto dell’amministrazione comunale di Riccione. Quella di candidare la spiaggia del comune alla lista dei beni protetti dall’Unesco. Coinvolta anche l’Alma Mater Studiorum per redigere il progetto di ricerca da presentare all’Onu.


RIMINI: Rimborsi truccati, Giulia Sarti sotto giudizio dei vertici Cinquestelle | VIDEO Politica

RIMINI: Rimborsi truccati, Giulia Sarti sotto giudizio dei vertici Cinquestelle | VIDEO

“Sono certo che Giulia ci fornirà delle spiegazioni”. E poi, “Il suo silenzio non fa che alimentare i nostri dubbi”. E ancora, “Spero abbia la decenza di non venire nel mio comune a far perdere voti al movimento”. Questi alcuni dei commenti apparsi nelle ultime ore sulla pagina Facebook di Giulia Sarti, la candidata riminese dei Cinquestelle alle prossime elezioni politiche. Dalla base è un misto di difesa e attacco. Intanto il capo politico, Luigi Di Maio, ha già silurato otto dei dieci accusati dalle Iene di aver falsificato i bonifici con cui avrebbero dovuto restituire parte dei loro stipendi. “Tutto vero. Alcuni dei nostri ci hanno preso in giro”, ha detto il candidato premier. Cifre non corrisposte che vanno dai 10mila a quasi 300mila euro a testa, secondo alcune stime, per un totale di quasi un milione di euro. Trovandoci in campagna elettorale era chiaro che sarebbero arrivati gli affondi della politica locale. “Sorprendente come la paladina della trasparenza abbia avuto come prima reazione la fuga”, ha detto Tiziano Arlotti del PD. All’attacco anche Antonio Barboni di Forza Italia: “Fingevano di versare con la destra e si riprendevano quei soldi con la sinistra”. Su Sarti il Movimento non si è ancora espresso, però la deputata continua a non chiarire la propria posizione. “Sto vivendo un incubo. Attendo le decisioni di Di Maio e degli altri dirigenti”. Queste le uniche parole che si è limitata a dire. 


RIMINI: Fermato con 65 kg di marijuana in auto, dice ai militari “Complimenti” | VIDEO Cronaca

RIMINI: Fermato con 65 kg di marijuana in auto, dice ai militari “Complimenti” | VIDEO

Alla vista dei carabinieri ha iniziato a tremare. Uscito dal casello di Rimini Sud ha incontrato la loro paletta nella notte tra martedì e mercoledì, attorno alle 3. I militari stavano da tempo seguendo i suoi spostamenti, risultati sospetti. Si tratta infatti di un uomo già fermato in passato per spaccio. La sua auto è risultata stipata di marijuana. 65 chilogrammi nel bagagliaio, così stracolmo che gli ultimi pacchi incellofanati li aveva nascosti sotto al sedile. Il valore complessivo sul mercato della merce sottratta è di circa 700 mila euro. Non ha opposto resistenza il fermato, un operaio 51enne di origini albanesi da tempo residente del centro di Rimini. Anzi, con un filo di ironia, dopo l’apertura del porta bagagli, ha detto ai carabinieri “Complimenti”. Ora le indagini si sposteranno sui canali di approvvigionamento e sulle piazze di spaccio destinatarie. 


SAN MARINO: Turismo, Usot accusa il governo, American Express se ne va | VIDEO Attualità

SAN MARINO: Turismo, Usot accusa il governo, American Express se ne va | VIDEO

La pietra dello scandalo l’assenza di San Marino, per la prima volta in 30 anni, a una delle fiere più importanti d’Europa sul turismo. La Bit di Milano. Ed è un’Unione Sammarinese degli Operatori Turistici su tutte le furie: “La Borsa di Milano è il luogo per eccellenza dove si incontra il nostro mercato di riferimento”. Parole con cui si è voluto stigmatizzare l’operato dell’Ufficio del Turismo della Repubblica, giudicato dall’associazione come “ingessato dai lacci della burocrazia”. Denunciata poi come “azione insulsa” quella legata alla revisione del turismo congressuale, con cui si è sostituita la gestione pubblica del Centro Congressi Kursaal con una privata. “Si è deciso di affidare lo stesso compito ad una gestione incompetente”, tuona così l’Unione. Ciliegina sulla torta, il pesce d’Aprile di American Express che dal primo di quel mese cesserà l’operatività delle sue carte di credito a San Marino. “Un grande danno che lascerà a piedi negozi, alberghi e ristoranti”, proseguono gli operatori. La Segreteria di Stato agli Esteri replica affermando di avere già messo in campo iniziative per l’internazionalizzazione a partire dalla formazione degli studenti all’estero, dal supporto agli imprenditori sammarinesi e agli stranieri che intendono investire in patria, fino alla promozione turistica che comincerà con l’Asia.