Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

MIRCO PAGANELLI


ROMAGNA: UniBo prevede investimenti su campus universitari, lavori a Ravenna | VIDEO Attualità

ROMAGNA: UniBo prevede investimenti su campus universitari, lavori a Ravenna | VIDEO

Vent’anni dalla firma dell’accordo con il Ministero dell’Istruzione che ha sancito l’approdo dell’Alma Mater Studiorum in Romagna. Di strada da allora ne è stata fatta e il rettore Francesco Ubertini, dopo la recente inaugurazione di nuove aule a Rimini, parla dei progetti futuri per i campus romagnoli. In programma delle inaugurazioni anche a Ravenna.


RIMINI: Stupri, genitori di uno dei minori “Preghiamo per le vittime” | VIDEO Cronaca

RIMINI: Stupri, genitori di uno dei minori “Preghiamo per le vittime” | VIDEO

I genitori sono emigrati in Italia dalla Nigeria vent’anni fa per offrire ai propri figli un futuro migliore. Loro sono nati qua, nel pesarese. Italiani a tutti gli effetti, cresciuti secondo i dettami del Cristianesimo. Ma il più grande di loro ha distrutto per sempre la felicità di quei genitori la notte del 26 agosto scorso a Rimini. Si tratta di uno dei condannati per gli stupri e le violenze di Miramare. Sono arrivate come lame le parole dei genitori del 16enne. Anche loro in una certa misura vittime di quell’orrore. “Sentire dalla voce di mio figlio che teneva ferma una ragazza mentre un altro la violentava è stato come ricevere vere coltellate. Ascoltarlo è stato terribile come donna e come madre”, ha raccontato la donna ai giudici, e ha aggiunto: “Chiedo scusa a quelle donne, mille volte scusa. Il nostro mondo è crollato”. Lei donna delle pulizie part-time. Il marito autotrasportatore. “Abbiamo sempre lavorato notte e giorno per non far mancare nulla ai nostri figli”, ha detto l’uomo, “I nostri sforzi sono stati vanificati con il più grande a causa delle sue cattive compagnie – ha aggiunto -. Quante volte gli ho detto di smettere di uscire con quei tre, non mi piacevano”. I due genitori, seppure con sacrifici economici, vanno ogni due settimane a trovare il minorenne in carcere a Roma. “Rimane nostro figlio, non lo abbandoniamo”.



RIMINI: Polacchi violentati “Abbiamo attacchi di panico e pensieri suicidi” | VIDEO Cronaca

RIMINI: Polacchi violentati “Abbiamo attacchi di panico e pensieri suicidi” | VIDEO

“Mi  capita di avere incubi notturni e attacchi di panico. Non so se passerà mai la paura e il senso di vergogna che provo”. Parole cupe quelle della giovane polacca che la notte del 26 agosto scorso è stata stuprata a Rimini da quattro giovani, ora tutti condannati in primo grado al carcere. Giovedì è arrivata infatti anche la sentenza di condanna per i tre minorenni, dopo quella dell’unico maggiorenne, Guerlin Butungu, giunta a novembre. Una giustizia lampo che non cancella le cicatrice fisiche e morali delle vittime. “Ho paura del buio, della spiaggia, del mare, della gente che parla una lingua straniera”, aggiunge il compagno della ragazza, picchiato mentre il branco abusava di lei. I due hanno scritto queste parole in una lettere inviata ai magistrati tramite il proprio legale. Problemi con gli studi, insonnia. Persino pensieri suicidi. È quanto hanno confessato i giovani la cui vita è cambiata per sempre sulla riva di Miramare. “Mi auguro che la pena serva loro a prendere consapevolezza di quello che hanno fatto e per avere in futuro rispetto per le donne”, è quanto ha invece affermato la donna peruviana violentata quella stessa maledetta notte. La peruviana, che dalle prime ore ha avuto una posizione lucida e composta, sempre presente in aula, è ancora in attesa di ottenere la cittadinanza italiana.  


RIMINI: Parcheggiatori abusivi al Mercato coperto, “Non possiamo farci nulla” | VIDEO Cronaca

RIMINI: Parcheggiatori abusivi al Mercato coperto, “Non possiamo farci nulla” | VIDEO

Non si placa il fenomeno dei parcheggiatori abusivi nei centri storici delle città. Qui siamo a Rimini in Largo Gramsci, a due passi dal Mercato Coperto e dal Duomo. È una mattina feriale qualunque. A dare le indicazioni sui posteggi liberi agli automobilisti in arrivo sono tutti ragazzi giovani. E sono tanti. Ne contiamo una decina. A quell’ora il centro è affollato di auto. Appena entra un veicolo nell’area parcheggio recintata, diversi ragazzi si sbracciano per farsi notare e indirizzare le macchine. A quelle che stanno andando via, invece, chiedono i ticket non scaduti da rivendere a chi ha appena sostato. All’improvviso una volante della polizia municipale fa capolino tra le corsie. Parte il fuggi-fuggi tra gli abusivi. Uno afferra un carrello della spesa e si dirige verso il supermercato. Gli altri raggiungono la fermata del bus lì vicino fingendo di attendere i mezzi pubblici e intanto controllano i movimenti dei vigili. Questi ultimi ci spiegano che contro di loro possono fare poco o nulla, solo sanzioni amministrative, e affermano che si tratta di persone che vengono con il treno da Ravenna. Una volta sparita la volante bastano pochi secondi e la schiera di parcheggiatori torna in azione. Quel rettangolo di asfalto è il loro e nessuno è in grado di interrompere per sempre la loro attività illegale.



RIMINI: Airiminum contro l'aeroporto di Ancona, “Concorrenza sleale” | VIDEO Attualità

RIMINI: Airiminum contro l'aeroporto di Ancona, “Concorrenza sleale” | VIDEO

Si infiamma la guerra dei cieli che vede in mezzo al campo l’aeroporto di Rimini. La società che gestisce lo scalo Airiminum parla di “concorrenza sleale da parte dell’aeroporto di Ancona”. Pietra dello scandalo quei 20 milioni di euro destinati dalla Regione Marche alla ricapitalizzazione della società Aerdorica, che gestisce lo scalo marchigiano. Denari che servono a rifinanziare il suo debito. “Vogliono usare i soldi degli italiani per coprire un buco di 40 milioni di euro”, tuona così l’amministratore delegato di Airiminum Leonardo Corbucci che si è rivolto a uno studio legale internazionale per denunciare, presso la Commissione Europea, quanto sta avvenendo ad Ancona. “Corbucci farebbe meglio a pensare ai voli che ha perso”, è la replica al vetriolo della numero uno di Aerdorica Federica Massei, la quale ritiene legittima l’opera di ricapitalizzazione in atto. “Siamo stati noi a chiedere il via libera all’Unione Europea”, ha precisato. Contro i vertici di Airiminum si scaglia anche il Movimento 5 Stelle riminese,  che li accusa di scarsi risultati: “Nel 2017 hanno ottenuto meno della metà dei passeggeri che si erano prefissati a inizio mandato”, denunciano. In difesa del Fellini, Sergio Pizzolante di Civica Popolare: “Gli aiuti di Stato ad Ancona discriminano Rimini”, ha detto. Anche le associazioni di categoria locali, Confcommercio e Associazione Albergatori, puntano il dito alla pratica Marchigiana e parlano di “evidente squilibrio nella libera competizione tra gestori”.