Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

MIRCO PAGANELLI


RICCIONE: Raffaelli (Lega) “Servono certezze per gli imprenditori del turismo” | VIDEO Politica

RICCIONE: Raffaelli (Lega) “Servono certezze per gli imprenditori del turismo” | VIDEO

Emozionata dopo la scelta del leader leghista, Matteo Salvini, di candidarla nel suo collegio di riferimento, la riccionese Elena Raffaelli, attualmente assessore alla Sicurezza del Comune di Riccione, spiega ai nostri microfoni come si comporterebbe qualora venisse eletta in Parlamento. “Gli imprenditori del nostro territorio vivono da anni con la spada di Damocle della direttiva Bolkestein – ha detto -, occorre certezza per chi ha investito tanto”.



RICCIONE: McDrive, saltato incontro con gestore, sindacati “Condotta grave” Attualità

RICCIONE: McDrive, saltato incontro con gestore, sindacati “Condotta grave”

Non sanno ancora quale sarà il loro futuro i 18 dipendenti dell’ex McDrive di Riccione, chiuso da un anno, la cui gestione è passata nell’aprile del 2017 dalla società Idrorama alla Concetti Riccardo. Dopo una lunga trattativa sindacale, CGIL, CISL e UIL erano riuscite ad ottenere che nella cessione del punto di ristoro venisse garantita la continuità occupazionale dei lavoratori alle stesse condizioni contrattuali antecedenti il Jobs Act. Nel novembre scorso il nuovo gestore – riferiscono i sindacati – avrebbe però avviato la procedura di licenziamento collettivo, mentre nei giorni scorsi non si sarebbe presentato al tavolo di trattativa, come previsto dalla legge. “Una condotta aziendale grave”, è quello che denunciano le sigle che difendono i dipendenti. Queste sollecitano la provincia ad intervenire per portare l’azienda al tavolo di confronto. Le organizzazioni sindacali si auspicano anche che non vengano cambiate le destinazioni d’uso dei locali in via Flaminia. Ma quando riaprirà la struttura, e se ciò avverrà con i lavoratori precedentemente impiegati, non è ancora dato saperlo.



RIMINI: Aeroporto, 305mila passeggeri nel 2017, ottenuta concessione per 30 anni | VIDEO Attualità

RIMINI: Aeroporto, 305mila passeggeri nel 2017, ottenuta concessione per 30 anni | VIDEO

La società Airiminum, che gestisce l’aeroporto di Rimini, fa i conti con l’andamento dell’anno che si è da poco chiuso. Il 2017 ha fatto transitare sulla pista del Fellini un numero di passeggeri di poco superiore alle 300 mila unità. Certo la crescita rispetto all’anno precedente è marcata (più 26 percento), ma il confronto con il passato e con le previsioni iniziali di Airiminum è impietoso. Nel 2014 i passeggeri erano 500 mila. Quell’anno la società che si era aggiudicata la gestione dello scalo aeroportuale riminese, si era data come obiettivo il raggiungimento di un milione di passeggeri entro il 2019. Rimini si piazza al nono posto tra gli aeroporto italiani per traffico di passeggeri provenienti da paesi al di fuori dell’Unione Europea. I principali paesi di provenienza sono Russia e Albania. Il 2018 ha fatto volare nelle mani di Airiminum anche la concessione della gestione totale dell’aeroporto di Rimini per i prossimi 30 anni, approvata da Enac. “Il percorso già avviato per collocare l’aeroporto nella posizione che merita, potendo disporre ora dei titoli e degli strumenti adeguati, evidentemente sarà più agevole”. È quanto riferisce l’amministratore delegato di Airiminum Leonardo Corbucci, che conclude dicendo: “Ritengo si sia già fatto molto, ma tutti insieme possiamo certamente fare di più”.


RIMINI: Relazione 15enne col prof, i genitori “Nostra figlia vittima” | VIDEO Cronaca

RIMINI: Relazione 15enne col prof, i genitori “Nostra figlia vittima” | VIDEO

“È necessario ricordare che nostra figlia è una vittima e minorenne d’età”. A parlare per la prima volta sono i genitori della 15enne che avrebbe avuto una relazione con uno degli insegnanti della scuola di Riccione che frequenta. La famiglia teme per i risvolti psicologici che questa vicenda potrebbe causare alla giovane. “L’esposizione mediatica sta procurando un grave turbamento a nostra figlia”, precisano i genitori in un comunicato indirizzato alla stampa. “Chi sa qualcosa parli”. Nella lettera viene chiesta una maggiore collaborazione tra le famiglie degli alunni e la scuola. “Siamo fiduciosi – scrivono i genitori – e confidiamo nella solidarietà delle istituzioni e nell’aiuto degli altri genitori, per evitare che certi episodi si ripetano in futuro”. La famiglia sta tentando di alleviare in ogni modo il turbamento che sta vivendo la ragazza in queste ore, accusata nei giorni scorso dalla moglie del docente di avere mosso delle avance. “Tentativi vani di togliere responsabilità al professore al quale quella minorenne era stata affidata”, precisa il legale della famiglia della studentessa, che aggiunge: “L’unica parte lesa qui è la ragazza”.


RIMINI: Carim, chieste condanne per associazione a delinquere ex vertici | VIDEO Cronaca

RIMINI: Carim, chieste condanne per associazione a delinquere ex vertici | VIDEO

La requisitoria del pubblico ministero Luca Bertuzzi nel processo che vede sul banco degli imputati la vecchia dirigenza della Cassa di Risparmio di Rimini, si è conclusa mercoledì con una richiesta di condanna per i membri del vecchio consiglio di amministrazione. Con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata al falso in bilancio e false comunicazioni sociali, il pm ha chiesto una pena di 18 mesi di reclusione per Giuliano Ioni, ex presidente del cda, Alberto Martini ex direttore generale Carim e il suo vice Claudio Grossi. Un anno per falso in bilancio è invece stato chiesto per gli altri 9 membri del consiglio di amministrazione. La sentenza presso il Tribunale di Rimini è attesa per la prossima udienza che si terrà il 20 febbraio. Nei mesi scorsi la svolta nel processo con la perizia dei consulenti dell’accusa, i quali avevano affermato che la soglia di punibilità penale per il falso in bilancio non sarebbe stata superata. Bertuzzi ha dunque tentato di riformulare i capi di imputazione aggiungendo l’omissione volontaria di informazioni sulla reale situazione economica, patrimoniale e finanziaria della banca riminese. Il presidente del tribunale non ha accolto tale modifica, ma ha precisato che ne terrà conto in camera di consiglio.