Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

MIRCO PAGANELLI


RIMINI: Palacongressi chiude il 2017 in crescita, 275 i giorni di occupazione | VIDEO Attualità

RIMINI: Palacongressi chiude il 2017 in crescita, 275 i giorni di occupazione | VIDEO

Erano 280 mila i visitatori del Palacongressi di Rimini nel 2016. Quest’anno, in attesa dei dati ufficiali, la struttura ci anticipa un tasso di crescita attorno al 10 percento. A fare da traino gli eventi di formazione legati al web, al marketing e all’industria dell’accoglienza. Appuntamenti capaci di richiamare soprattutto i giovani.


RIMINI: Studenti visitano beni confiscati alle mafie, “Lo Stato è presente” | VIDEO Attualità

RIMINI: Studenti visitano beni confiscati alle mafie, “Lo Stato è presente” | VIDEO

C’era il night-club di Riccione finito al centro dell’inchiesta Mirror che ha svelato una contesa tra due gruppi mafiosi, utilizzato per il riciclo del denaro sporco. C’era una pizzeria a Bellaria-Igea Marina impiegata per mascherare i proventi dell’usura. E poi ex centri scommesse, hotel, appartamenti. Tutti appartenuti alla criminalità organizzata che opera nella provincia di Rimini. All’interno del ciclo di incontri Anticorpi, organizzato dall’Osservatorio sulla criminalità organizzata della Provincia di Rimini, gli studenti del Liceo Volta-Fellini di Riccione hanno partecipato a un tour dei beni confiscati alle mafie.


RIMINI: Paola Turci scalda il Teatro Novelli, “Ho radici romagnole” | VIDEO Attualità

RIMINI: Paola Turci scalda il Teatro Novelli, “Ho radici romagnole” | VIDEO

È la signora più elegante che abbia mai indossato una chitarra. Dopotutto, lo ha ammesso dal palco, quello strumento è il suo migliore indumento. “Dovete spararmi per farmi smettere di suonare”. Questo perché Paola Turci, oltre a una cantautrice raffinata è anche una capace musicista. Nella tappa riminese del “Secondo cuore tour”, l’artista romana ha ripercorso il suo repertorio fino all’ultimo successo presentato alla scorsa edizione di Sanremo. L’autostima il segreto per risollevarsi da qualsiasi situazione secondo l’artista. Sentirsi belli sempre. E di bellezza Paola Turci ne ha da vendere. La carta d’identità segna il ’64, ma la fisicità e la femminilità di questa cantante fanno invidia a ogni ventenne. Il pubblico del Teatro Novelli è stato scaldato con dei fuori programma. Via le pose ingessate da poltrona. Dopo una standing ovation, il pubblico si è alzato in piedi per ballare e assiepare il fronte palco, cantando insieme a una inarrestabile Turci che ha detto, “Ho scoperto di avere radici romagnole, ecco da dove mi viene la gioia di vivere”. Tanta l’emozione.


CESENA: Sold-out di Elio e le storie tese pochi giorni prima dello scioglimento | VIDEO Attualità

CESENA: Sold-out di Elio e le storie tese pochi giorni prima dello scioglimento | VIDEO

Mancano una manciata di giorni all’annunciato scioglimento della band Elio e le storie tese e al concerto di mercoledì sera al Vidia di Cesena si è registrato il tutto esaurito già da giorni prima. L’ultimo tour del gruppo più eclettico del panorama musicale italiano, dagli anni 80 ad oggi, è cominciato proprio dalla Romagna. E l’emozione era palpabile. Non solo canzoni. Diversi momenti di satira pungente, come è nel loro stile, hanno intramezzato i brani intonati da tutta la sala. “Abbiamo scritto questa canzone come conclusione della barzelletta più triste mai inventata”, così Elio ha introdotto la traccia dal titolo “Fantasma formaggino”. Del nonsense ne hanno fatto una bandiera. Il surrealismo il loro stile. Gli Elio e le storie tese sono un genere a parte. Impossibile incasellarli in un filone musicale o trovare un’altra formazione a loro affine. La capacità di spaziare dal cabaret al canto lirico; le melodie raffinate sulle quali si appoggiano testi improbabili e che pure sanno scavare nell’intimità delle persone. Divertendole, sorprendendole. “Forse ci riuniremo”, ha detto ironicamente Elio a fine serata, “ma per scioglierci di nuovo in bellezza”. (Foto Marco Rossi)


SAN MARINO: Paese fuori dalla blacklist, Ue premia “trasparenza” | VIDEO Economia

SAN MARINO: Paese fuori dalla blacklist, Ue premia “trasparenza” | VIDEO

La Repubblica di San Marino è un “paese cooperativo e trasparente nel settore fiscale”. A decretarlo è stato il Consiglio di Economia e Finanza dell’Unione Europeo. Dopo lunghi lavori, i 28 paesi membri hanno stilato l’elenco dei paradisi fiscali e fra questi non compare il Monte Titano. Un tema controverso quello della scelta degli stati da inserire nella blacklist. Una partita giocata fra compromessi che ha sollevato non poche polemiche tra gli esperti. Secondo Oxfam i lavori di Ecofin non risultano credibili. L’organizzazione non profit denuncia la presenza di sole piccole nazioni tra i 17 della lista nera. Fra le quali, però, non figura l’Antica terra della libertà. Soddisfazione da parte della Segreteria di Stato per gli Affari Esteri di San Marino, secondo la quale la notizia definisce il proprio paese come “compliant”, ovvero conforme alle norme in materia di fiscalità, con un adeguato livello di trasparenza tale da consentire lo scambio di informazioni fiscali, un regime impositivo equo e il rispetto delle misure di contrasto al fenomeno dell’erosione della base imponibile. I paradisi fiscali sono stati selezionati in base a tre criteri: tassazione equilibrata, trasparenza fiscale e applicazione delle norme Ocse sul trasferimento dei profitti da un paese all’altro.


RICCIONE: McDrive, Sindacati “Riaprire solo se reintegrati ex dipendenti” | VIDEO Attualità

RICCIONE: McDrive, Sindacati “Riaprire solo se reintegrati ex dipendenti” | VIDEO

Non si sa ancora quando e se riaprirà. L’amministrazione comunale di Riccione ha detto hai sindacati, in un incontro a porte chiuse, che c’è un imprenditore interessato a riattivare il punto di ristoro che un tempo ospitava il McDrive. FISASCAT CISL, FILCAMS CGIL e UILTUCS si sono schierati in difesa della ventina di ex dipendenti della struttura che rimangano aggrappati alla speranza di riavere quel posto fisso. Se non dovessero essere riassunti, i sindacati chiedono al Comune di negare al gestore la possibilità di riaprire l’attività.


RIMINI: Dopo il coma non ricorda gli omicidi, Demiraj uscirà dal carcere | VIDEO Cronaca

RIMINI: Dopo il coma non ricorda gli omicidi, Demiraj uscirà dal carcere | VIDEO

Nei corridoi del carcere di Parma era stato preso di mira da un ex pugile di origini romene. Dalla colluttazione ne era uscito in fin di vita. Dopo il coma ha riaperto gli occhi, ma ha subìto gravi danni al cervello che attualmente lo portano a non ricordare nulla. Nemmeno i due omicidi per i quali è stato condannato all'ergastolo. Stiamo parlando di Dritan Demiraj, il pasticcere di origini albanesi assegnato al carcere a vita per l'uccisione della ex compagna, Lidia Nusdorfi, e dell'ex compagno di quest'ultima, Silvio Mannina. Nella vicenda furono arrestati anche la compagna di Demiraj, Monica Sanchi, e lo zio, Sadik Dine: la prima condannata a 30 anni, il secondo anch'egli all'ergastolo. Per via del suo precario stato di salute, l'ergastolano è stato dichiarato libero. Il processo a suo carico doveva attraversare la fase dell'appello, ma il grave ferimento lo ha reso non più processabile. Ancora nessuno gli ha detto di essere finito in cella per due omicidi. I suoi genitori puntano a riportarlo in Albania in una casa di cura. Non solo. Il suo legale è pronto a chiedere i danni allo Stato italiano per quanto capitato al suo assistito. Dei testimoni detenuti avrebbero infatti messo in luce una scarsità dell'apparato di sorveglianza durante l'aggressione e il ritardo nei soccorsi.