Guarda Teleromagna canale 14

MIRCO PAGANELLI


ROMAGNA: Covid, dimezzati i contagi da luglio, calano i ricoveri | VIDEO Attualità

ROMAGNA: Covid, dimezzati i contagi da luglio, calano i ricoveri | VIDEO

Nell’ultimo mese i casi Covid registrati in Romagna si sono più che dimezzati. Contestualmente sono diminuiti i ricoveri. Continua a restare alto, seppure anch’esso in diminuzione, il numero dei decessi. È quanto emerso dall’ultimo monitoraggio settimanale dell’Ausl.   La quinta ondata Covid in Romagna va a sgonfiarsi. Sono seimila le infezioni registrate dall’Ausl nell’ultima settimana. Due settimane fa erano 11 mila, tre settimane fa, quando si era toccato il picco, 15 mila. La decrescita è confermata in tutti i territori provinciali e riguarda anche i ricoveri. A lunedì 8 agosto erano 197 le ospedalizzazioni, in particolare nei reparti ordinari: esiguo il numero delle terapie intensive. L’ultimo dato a decrescere resta quello dei decessi. Il numero è ancora alto: nell’ultima settimana sono morti in Romagna 18 pazienti con il Covid. Meno di quelli registrati nelle ultime due settimane. La vaccinazione con la quarta dose per gli over 60 non è decollata, soprattutto nel Riminese dove meno del 35% degli aventi diritto ha ricevuto il secondo richiamo. Negli altri ambiti si aggira attorno al 50%. L’Agenzia europea per il farmaco, intanto, si appresta ad approvare in autunno il vaccino anti-Covid di Pfizer/BioNTech adattato alle nuove varianti di Omicron.


RIMINI: Piano Prefettura per Ferragosto, stop della musica alle 2 di notte | VIDEO Attualità

RIMINI: Piano Prefettura per Ferragosto, stop della musica alle 2 di notte | VIDEO

Il Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica istituito presso la prefettura di Rimini ha messo a punto un piano per la gestione del weekend di Ferragosto. Tra le linee guida, lo stop della musica alle 2 di notte.   Dopo aver siglato il protocollo d’intesa ‘Spiagge sicure’ per l’estate 2022, i Comuni della riviera riminese si sono nuovamente ritrovati in prefettura per varare le linee guida per la gestione delle festività di Ferragosto. Il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, presieduto dal prefetto Giuseppe Forlenza, ha predisposto una serie di iniziative per il periodo tra il 12 e il 16 agosto volte a prevenire fenomeni di degrado e di microcriminalità in un territorio che, come certifica la prefettura stessa, ha visto riprendere “a pieno ritmo l’afflusso di turisti e l’organizzazione di eventi”. Sarà “particolarmente ingente”, sottolineano dal Comitato, il contingente di personale delle forze dell’ordine messo in campo che comprende anche i rinforzi messi a disposizione dal ministero dell’Interno, oltre al supporto delle polizie locali. La Capitaneria di porto intensificherà i servizi marittimi e la polizia Ferroviaria presidierà 24 ore su 24 le stazioni di Rimini e Riccione, quelle maggiormente battute specie dai giovani diretti in discoteca. La misura che più fa discutere riguarda la musica, perché il prefetto ha chiesto alle amministrazioni comunali di far rispettare un limite molto preciso per l’interruzione della diffusione sonora, ovvero quello delle 2 di notte, eccetto le discoteche. Misure giustificate dall’esigenza di scongiurare disordini, risse ed altri episodi negativi a tarda notte.


RIMINI: Disposta chiusura dell’hotel di Marebello con camere ‘fantasma’ | VIDEO Cronaca

RIMINI: Disposta chiusura dell’hotel di Marebello con camere ‘fantasma’ | VIDEO

È stata disposta la chiusura dell’hotel di Rimini, a Marebello, dove continuano ad arrivare turisti che avevano versato la caparra per camere in realtà non disponibili. Al gestore, che risiede nel Torinese, è stato notificato l’atto.     Gli arrivi all’hotel di Marebello sono incessanti. Decine e decine di camere vendute per il periodo di Ferragosto in realtà non disponibili. Ai viaggiatori che arrivano al due stelle di Rimini, con l’anticipo già versato, non resta che denunciare. Alla struttura erano stati posti i sigilli settimana scorsa dal Comune per il mancato rispetto della normativa antincendio. Ma l’ordinanza non era stata notificata perché il gestore non aveva la pec e perché risiede nel Torinese. Così i messi comunali sono partiti alla volta di Druento per depositare l’atto nel Comune piemontese, ritirato martedì dal gestore. Perciò entro venerdì– come riportano i giornali locali – la polizia municipale apporrà i sigilli alla struttura, questa volta in via definitiva. I proprietari delle mura, una famiglia locale, specifica di non c’entrare nulla nella vicenda. L’hotel era stato dato in affitto per la stagione estiva all’imprenditore del Torinese, che non avrebbe nemmeno pagato parte del canone. Comune, Aia e Visit Rimini stanno cercando una sistemazione per i turisti rimasti all’asciutto, ma non è facile dato il periodo di alta stagione.


ROMAGNA: Report Camera commercio, ripresa nei primi sei mesi dell’anno | VIDEO Economia

ROMAGNA: Report Camera commercio, ripresa nei primi sei mesi dell’anno | VIDEO

Nei primi sei mesi dell’anno l’economia delle provincie di Forlì-Cesena e Rimini ha visto una ripresa, in basi ai dati del report dell’Osservatorio economico della Camera di Commercio della Romagna. All’orizzonte vi sono però incertezze che riguardano il prossimo autunno e che vanno dal piano internazionale a quello politico italiano. Per il 2022 è atteso un aumento del 3,2% in termini di ricchezza prodotta. Il valore aggiunto stimato è in particolare del +3,4% per il territorio di Forlì-Cesena e +3,1% per Rimini. I principali indicatori del sistema produttivo sono in terreno positivo. Fra questi: le imprese attive, la produzione e il fatturato manifatturiero, il volume d’affari delle costruzioni, le vendite del commercio al dettaglio, l’andamento del turismo e delle esportazioni. Il quadro è accompagnato da una decisa riduzione delle ore di cassa integrazione che hanno caratterizzato gli anni pandemici. Criticità le vive il settore agricolo a causa della siccità. In chiaroscuro il credito alle imprese, con Forlì-Cesena che registra un incremento, mentre Rimini rileva un calo da settembre scorso. In generale lo scenario, afferma il presidente della Camera di Commercio della Romagna Carlo Battistini, “è estremamente complesso e instabile”. Il recupero del valore aggiunto “ci riporta ai livelli pre-pandemia”, dice a margine della conferenza stampa di presentazione dei dati. “Avendo un ottimo mix produttivo fatto da diversi settori”, spiega, “la nostra economia ha magari meno velocità nella crescita, però ha maggiore durata, un maggiore equilibrio e riesce a recuperare prima di altre economie dipendenti solo da pochi settori”. Tra le incertezze per il prossimo futuro, anche le elezioni del 25 settembre. Indipendentemente da chi vincerò, sostiene Battistini, l’importante è “avere credibilità. Se c’è credibilità, un Paese non entra nell’occhio della speculazione”. Dunque le elezioni “devono dare una soluzione al fatto che il Paese sia governabile, credibile, autorevole”.


ROMA: Elezioni 25 settembre, è lotta per i 221 collegi uninominali | VIDEO Politica

ROMA: Elezioni 25 settembre, è lotta per i 221 collegi uninominali | VIDEO

La legge elettorale con cui si voterà il prossimo 25 settembre prevede 221 collegi uninominali che obbligano i partiti a coalizzarsi nel sostenere candidati forti. Diversi i nomi che circolano. Facciamo il punto.   Alle elezioni politiche del 25 settembre si voterà con la legge elettorale Rosatellum, modificata rispetto al 2018 per adattarsi al taglio dei parlamentari, che passeranno da 945 a 600. Il sistema è un mix tra maggioritario e proporzionale. Un terzo dei seggi verrà assegnato con il maggioritario: chi prende più voti vince nel collegio. Per gli altri due terzi si ricorrerà al proporzionale. In totale sono 221 i collegi uninominali: 147 alla Camera e 74 al Senato. 367 parlamentari saranno invece eletti con il proporzionale. La soglia di sbarramento è del 3% per le liste, 10% per le coalizioni. Il metodo dei collegi spinge i partiti a coalizzarsi per sostenere un candidato forte. In Emilia-Romagna l’addio di Azione fa rivedere i conti al Partito democratico, che senza quell’alleanza trova di fronte a sé una strada più in salita. In pole position tra i possibili candidati gli ex sindaci Virginio Merola e Andrea Gnassi, la vicepresidente di Regione Elly Schlein e la presidente dell’Assemblea Emma Petitti. Il centrodestra di Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia ha trovato da subito l’accordo. A livello locale pare blindata la ricandidatura della leghista Elena Raffaelli, mentre Forza Italia potrebbe puntare su Renata Tosi e il bis di Antonio Barboni. Al centro, dialogo difficile tra Italia Viva e Azione per un terzo polo, mentre il Movimento 5 stelle correrà da solo. A ricandidarsi il senatore Marco Croatti.


RIMINI: Imbrattata sede Cgil-Cisl, “Incivili, noi andiamo avanti” | VIDEO Cronaca

RIMINI: Imbrattata sede Cgil-Cisl, “Incivili, noi andiamo avanti” | VIDEO

All’alba di questa mattina è apparsa sulla facciata della sede dei sindacati Cisl e Cgil di Rimini, in via Caduti di Marzabotto, una scritta a caratteri cubitali firmata dal movimento Vi Vi e siglata con una doppia V. Nell’imbrattamento in vernice rossa si legge “Sindacati nazisti. Co2 più identità digitale, trappola criminale”. Nei mesi scorsi con la stessa sigla sono stati firmati messaggi No vax. “Totale solidarietà” ai sindacati l’ha espressa il sindaco di Rimini, Jamil Sadegholvaad. “Non è il caso di derubricare l'atto vandalico a 'ragazzata' o 'follia'. Credo invece che questo sia l'ennesimo segno di uno sfilacciamento del confronto e delle relazioni democratiche”, ha scritto il primo cittadino in un post su Facebook auspicando “che sull'episodio si faccia rapidamente chiarezza da parte degli inquirenti”. “È un gesto vigliacco, antidemocratico, che vorrebbe in un qualche modo intimidire l'azione del sindacato. L'effetto chiaramente sarà il contrario. Le intimidazioni non fermeranno l'azione del sindacato che proprio nella sua storia, e a maggior ragione negli ultimi tre anni, ha dimostrato essere davvero uno dei pochi soggetti in grado di garantire coesione e giustizia sociale”. È quanto ha commentato la segretaria generale della Cgil Rimini Isabella Pavolucci a margine del presidio di Cgil e Cisl di fronte alla sede di via Caduti di Marzabotto dove questa mattina è apparsa una scritta firmata dal movimento Vi Vi. I sindacalisti hanno ritinteggiato di bianco la facciata dell’edificio. “È stato un atto simbolico quello che abbiamo voluto fare”, ha spiegato il segretario generale della Cisl Romagna Francesco Marinelli. “Questi atti – ha aggiunto - ci dicono che ancora di più abbiamo la necessità di rafforzare il nostro presidio sul territorio e di portare avanti il nostro lavoro per la tutela soprattutto delle fasce più deboli. Sono lavoratori dipendenti e pensionati che in questo momento stanno vivendo una situazione molto difficile nel Paese”.


RIMINI: Sicurezza, potenziati controlli nelle stazioni nel weekend | VIDEO Cronaca

RIMINI: Sicurezza, potenziati controlli nelle stazioni nel weekend | VIDEO

L’ultimo weekend ha visto un potenziamento del controllo dei territori comunali di Rimini e Riccione da parte della questura. Dopo i fenomeni di microcriminalità legati alle baby gang e il dramma di Giulia e Alessia Pisanu, le due sorelle di Castenaso travolte due domeniche fa da un treno, è stata aumentata la presenza delle divise presso discoteche e stazioni ferroviarie. Nelle due mete balneari, polizia, carabinieri e polizia locale hanno predisposto servizi di controllo aggiuntivi rispetto ai periodi precedenti, finalizzati al contrasto di fenomeni di degrado urbano, furti, scippi e spaccio di sostanze stupefacenti. La polizia Ferroviaria ha inoltre vigilato sugli scali ferroviari di Rimini e Riccione sorvegliando l’arrivo dei treni e dei molti visitatori destinati ad affollare i locali notturni. Quasi 600 i giovani controllati. Il pattugliamento ha riguardato le principali zone di movida del litorale. Trentadue le postazioni di controllo tra venerdì e sabato notte che hanno permesso di eseguire accertamenti su 860 persone. Tra i locali verificati c’è stata anche la discoteca di Misano Adriatico dove hanno passato la loro ultima serata le sorelle Pisanu. Nessuna irregolarità è stata riscontrata. La questura assicura che per il weekend di Ferragosto è allo studio un piano straordinario di controlli, coordinato dalla Prefettura.