Guarda Teleromagna canale 14

MIRCO PAGANELLI


RIMINI: Hotel già pagato a Marebello ma pieno, decine di raggirati | VIDEO Cronaca

RIMINI: Hotel già pagato a Marebello ma pieno, decine di raggirati | VIDEO

In decine si sono presentati in hotel con la prenotazione di una stanza per il periodo di Ferragosto, ma all’arrivo hanno trovato tutto pieno. La truffa denunciata da diversi clienti riguarda una struttura di Marebello di Rimini.   Erano arrivati a Rimini con l’illusione di avere trovato ad agosto una camera a poco prezzo. La caparra già versata su conti esteri. All’arrivo la loro camera era però occupata da altri clienti. Da giorni di fronte a questo hotel due stelle di Marebello si ripete la stessa scena. Auto di clienti che arrivano e che denunciano di essere stati truffati. Dei proprietari dell’albergo non c’è traccia. I dipendenti, incolpevoli, dicono che questa storia va avanti da settimane. Sarebbero 500 le prenotazioni effettuate nonostante la disponibilità di 60 posti. Per lungaggini burocratiche sulla consegna della notifica di chiusura, il due stelle continua ad operare.


CERVIA: Incidente con tre morti, alcol oltre limiti, arrestata 24enne | VIDEO Cronaca

CERVIA: Incidente con tre morti, alcol oltre limiti, arrestata 24enne | VIDEO

Il tasso alcolemico rilevato dopo lo schianto era il doppio di quello consentito. E così la 24enne del Bresciano che due notti fa, con la sua Mercedes, ha provocato un incidente stradale a Pinarella di Cervia costato la vita a tre persone è stata arrestata per omicidio plurimo stradale e lesioni stradali aggravate dalla guida in stato di ebbrezza. La giovane automobilista è tutt’ora ricoverata all'ospedale Bufalini di Cesena in attesa di andare ai domiciliari. Ferita anche la sua amica 25enne che era in auto con lei: nessuna delle due è in pericolo di vita, seppure le ferite siano consistenti. Vi è poi una terza ferita, una 55enne ravennate che era a bordo di un’altra auto, una Panda, scontratasi frontalmente con quella delle turiste bresciane. Insieme a lei c’erano le sue amiche, una 62enne di Gambettola e una 52enne ravennate che hanno perso la vita. Non ce l’ha fatta nemmeno il 39enne forlivese alla guida di un scooter, coinvolto anch’egli nell’incidente. Secondo i rilievi della polizia locale cervese, l'impatto violento si è verificato sulla corsia opposta alla Mercedes. La prima ipotesi, dunque, è quella di un'invasione di corsia, ma ulteriori approfondimenti sono in corso. Per la Romagna sono state ore di sangue sulle strade. Nell’arco di poche ore hanno perso la vita altre due persone. Un 78enne in motorino a Cervia dopo si è scontrato con un’auto, mentre un riminese di 39 anni in moto è rovinato a terra mentre rientrava a casa.


RIMINI: Nuovo mercato coperto, sì del Consiglio comunale, progetto da 27 milioni | VIDEO Attualità

RIMINI: Nuovo mercato coperto, sì del Consiglio comunale, progetto da 27 milioni | VIDEO

La vetusta struttura del mercato coperto di Rimini andrà in pensione. Al suo posto un nuovo edificio frutto di un investimento di oltre 27 milioni di euro. Dopo un lungo dibattito, il Consiglio comunale ha dato il via libera giovedì sera al progetto di finanziamento presentato da Renco Valore di Pesaro. La società acquisirà l’area di oltre ottomila metri quadri di via Castelfidardo per 49 anni pagando al Comune un canone annuale di oltre 250 mila euro. Dal pubblico arriveranno 9 milioni di euro, in parte dal Comune, in parte dalla Regione. Ora ci sono sei mesi di tempo per l’espletamento della gara europea a evidenza pubblica. I lavori partiranno l’anno prossimo e la durata prevista è di 18 mesi. Il nuovo mercato coperto dovrebbe aprire entro la primavera del 2025. Per l’amministrazione comunale si tratta di un intervento che rilancia un’intera area del centro storico. L’opposizione critica invece la qualità del progetto e le ricadute sugli operatori che temono canoni più salati. Gli aumenti previsti vanno da 100 a 250 euro mensili ad attività. La nuova struttura consentirà di risparmiare sul piano energetico, sarà composta da quattro livelli e ospiterà, oltre al mercato ortofrutticolo e del pesce, anche il centro per l’impiego e un livello dedicato alla ristorazione con una terrazza sul centro storico.


EMILIA-ROMAGNA: Turismo, Confartigianato, “Completo recupero delle affluenze” | VIDEO Attualità

EMILIA-ROMAGNA: Turismo, Confartigianato, “Completo recupero delle affluenze” | VIDEO

Secondo i dati turistici del Centro studi di Confartigianato Emilia-Romagna, nell’ultimo mese gli esercizi commerciali e i luoghi dello svago della Riviera hanno mostrato un “completo recupero” dal punto di vista delle affluenze.   Il turismo dell’Emilia-Romagna è in ripresa dopo gli anni della pandemia. Nonostante l’inflazione e le tensioni internazionale, molti viaggiatori hanno scelto questa regione, e soprattutto le mete balneari, per trascorrere a luglio giorni di relax. È quanto certificano i dati del Centro studi di Confartigianato Emilia-Romagna che sottolineano, in particolare, il “completo recupero delle affluenze nei negozi e nei luoghi di ricreazione” delle provincie rivierasche. A dare una gran mano questa estate, il bel tempo che ha premiato il turismo balneare. La crescita maggiore di affluenze per le imprese artigiane viene registrata a Rimini dove l’incremento è stato del 45%. Seguono Ravenna, +20%, Forlì-Cesena, +6% e Ferrara, con un modesto +1%. Numeri che si avvicinano sempre di più ai livelli del 2019: la forbice attualmente è solo del 2,5%. Continua invece ad insistere il problema del reperimento del personale, un fenomeno oramai endemico per il settore turistico di tutto il Paese. Manca di tutto: dai camerieri di sala ai receptionist degli hotel, dai barman agli aiuto-cuoco dei ristoranti. Una difficoltà che “continua a preoccupare”, spiega l’associazione di categoria. Fra le altre posizioni vacanti in Emilia-Romagna, gli addetti all’accoglienza, alle informazioni turistiche e all’assistenza della clientela.


ROMAGNA: Concessioni balneari, si va verso la proroga al 2024 Attualità

ROMAGNA: Concessioni balneari, si va verso la proroga al 2024

Con il via libera di mercoledì in Senato al dl Concorrenza si va verso le evidenze pubbliche delle concessioni demaniali, ma il provvedimento contiene anche la norma salva-balneari. È stata infatti bloccata la sentenza del Consiglio di Stato che faceva scadere le licenze al 31 dicembre 2023. Queste resteranno valide fino a tale data e i Comuni avranno un anno di tempo in più, se lo motiveranno, per indire i bandi. Con la caduta del Governo Draghi sarà dunque il nuovo esecutivo a stilare i decreti attuativi. Per i balneari si apre un secondo tempo in cui incidere sugli aspetti tecnici della riassegnazione delle concessioni. Il municipio riminese ha già fatto sapere di puntare alla proroga per poter così redigere il nuovo Piano spiaggia. “Il ddl sulla Concorrenza, che è una legge che non ci piace assolutamente e combatteremo con tutte le nostre forze, ha un vantaggio rispetto ad essere stralciata o annullata, perché di fatto il decreto sulla concorrenza crea delle regole unitarie per tutti – spiega il presidente di Confartigianato imprese demaniali Mauro Vanni -. Senza il ddl sulla concorrenza noi rischiavamo di andare sotto l'egida della sentenza del Consiglio di Stato che dava la scadenza delle nostre concessioni in maniera inderogabile a fine 2023. Ma soprattutto apriva da subito ai bandi senza nessuna regola, quindi con la possibilità di interpretare in maniera personale le eventuali gare o bandi, con il rischio che poi ci fossero delle ingiustizie dal punto di vista delle assegnazioni”. In più il prossimo governo “dovrà creare i decreti attuativi che renderanno operativa la legge. Questi decreti attuativi ci permetteranno, ragionando col prossimo governo, di mettere in sicurezza e tutelare il più possibile le nostre imprese balneari. Questa è l'attività sindacale che ci resteremo a fare dall'autunno in poi”, aggiunge Vanni. “Di fatto il prossimo governo è libero di fare quello che crede, anche di ridiscutere a fondo la materia e di andarla a discutere in Europa, cambiare il decreto legislativo oppure, attraverso i decreti attuativi, modificare sostanzialmente la legge – aggiunge il balneare -. I tempi non sono molto lunghi, perché entro il 2023 si deve risolvere la questione. Non penso che ci sarà una trasformazione radicale, ma sicuramente un orientamento più favorevole per le imprese balneari, le imprese italiane, questo sì”.


RIMINI: Aeroporto, 100 mila passeggeri negli ultimi tre mesi | VIDEO Attualità

RIMINI: Aeroporto, 100 mila passeggeri negli ultimi tre mesi | VIDEO

Con 100 mila passeggeri dall’inizio della stagione estiva, l’aeroporto Fellini di Rimini guarda con prospettive migliori al futuro rispetto agli ultimi anni segnati dalla pandemia prima e dal conflitto in ucraina poi che ha portato all’eliminazione dei due principali mercati di riferimento: quello russo e  quello ucraino. Il mese di luglio ha chiuso con oltre 36 mila passeggeri, quando nello stesso mese dello scorso anno furono solo 14 mila. Per non parlare del luglio 2020 quando a transitare per il Fellini furono appena duemila turisti. A trainare la ripresa dello scalo riminese è soprattutto la compagnia Ryanair che da sola trasporta il 70% dei viaggiatori. Le tratte più gettonate sono quelle per Budapest, Varsavia, Londra, Cracovia e Vienna. Molto frequentato anche il volo di Wizzair per Tirana e quello di Luxair per Lussemburgo. Numeri che ancora non permettono di tornare all’epoca pre-Covid, ma che sono il sintomo di un mercato, quello turistico, in netta ripresa.


RIMINI: Nuovo porto canale, investimento di restyling da un milione di euro | VIDEO Attualità

RIMINI: Nuovo porto canale, investimento di restyling da un milione di euro | VIDEO

È arrivato primo in graduatoria nel bando Feamp della Regione Emilia-Romagna, l’intervento che il Comune di Rimini ha candidato per il miglioramento dei porti di pesca, delle sale per la vendita all'asta e i ripari di pesca. Infrastrutture che da anni avevano bisogno di interventi di riqualificazione. L’intervento mira non solo all’ammodernamento generale dell’opera, ma a rendere più agevole l’attività degli operatori su entrambe le banchine. Verrà migliorata l’illuminazione del molo di Levante e della banchina di destra, e verranno sostituiti decine di parabordi di attracco dei pescherecci. All’ingresso del porto verranno realizzati due locali prefabbricati destinati allo stoccaggio temporaneo del pescato con tre celle frigorifere e dei depositi. Il progetto, dal totale di un milione di euro, è finanziato per 772mila euro dalla Regione. Il Comune ha candidato a finanziamenti regionali anche il primo stralcio del completamento dell’avamporto. Le opere serviranno a migliorare l’accessibilità del porto alle imbarcazioni in entrata e in uscita creando uno specchio d’acqua calmo. La parte in questione è quella davanti alla darsena turistica. L’investimento complessivo è pari a 2 milioni di euro.