Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

MIRCO PAGANELLI


RIMINI: Droga, maxi-sequestro della polizia, due arresti | VIDEO Cronaca

RIMINI: Droga, maxi-sequestro della polizia, due arresti | VIDEO

Avevano 75 chili di marijuana nascosti in un garage, in via Campana a Rimini, Arban Musaj, 33 anni, e Julian Tusha, 32, albanesi con regolare permesso di soggiorno, arrestati la scorsa notte dalla squadra Mobile della questura di Rimini. Sulle loro tracce gli agenti sono arrivati grazie alla segnalazione di una residente che ha fornito ai poliziotti, oltre alla descrizione di un viavai notturno in zona, anche un numero di targa. Su ordine del questore Maurizio Improta, agenti in borghese della polizia di Stato negli ultimi tempi hanno praticato una sorta di 'porta a porta' presentandosi ai cittadini e rendendosi disponibili ad eventuali segnalazioni e denunce. Un primo risultato è stato la segnalazione di una residente che dopo aver notato uno strano giro intorno al garage di via Campana ha avvertito la polizia. Dopo aver individuato gli albanesi e aver disposto uno specifico servizio, la Mobile è entrata in azione arrestando i due uomini. Nella buchetta della posta di uno dei due, gli agenti hanno trovato anche 75 grammi di cocaina. Il valore di mercato della marijuana sequestrata è di circa 300 mila euro. Parte della droga era già pronta ad essere smerciata e confezionata in pacchi da un chilo. Gli accertamenti proseguono per cercare i collegamenti con gli acquirenti e la proprietà del garage in uso ai due stranieri.


RIMINI: Tanti giovani avvocati accorsi a conoscere le novità sulle unioni civili | VIDEO Attualità

RIMINI: Tanti giovani avvocati accorsi a conoscere le novità sulle unioni civili | VIDEO

Un’aula stracolma, quella dedicata a Falcone e Borsellino presso il Tribunale di Rimini, ha accolto un ampio dibattito sulle novità riguardo alle unioni civili a due settimane dall’entrata in vigore dei decreti attuativi. Ad ascoltare magistrati, politici e altri membri istituzionali su come cambiano oggi le famiglie, un folto gruppo di giovani avvocati.


RIMINI: Cirinnà su suicidio Dj Fabo, “Il Parlamento è immobile” Politica

RIMINI: Cirinnà su suicidio Dj Fabo, “Il Parlamento è immobile”

Fabiano Antoniani, in arte Dj Fabo, dal 2014 non poteva più muoversi né vedere. Per questo ha scelto la strada del suicidio assistito, ma per percorrerla è dovuto andare in Svizzera visto che le leggi del nostro Stato non consentono né questa pratica né quella dell’eutanasia. Quest’ultima differisce dalla prima perché richiede l’intervento diretto dei medici. La senatrice Monica Cirinnà da Rimini considera vergognoso che un italiano debba andare all’estero in alcuni casi per la nascita dei figli, per sposarsi e per morire.


RIMINI: Gnassi blinda il progetto nomadi, ecco le casine | VIDEO Politica

RIMINI: Gnassi blinda il progetto nomadi, ecco le casine | VIDEO

Una media di 60 mila euro a casetta. Sarebbe questo il costo dei 10 alloggi in cui l’amministrazione comunale di Rimini intende trasferire gli attuali residenti del campo nomadi di Via Islanda. A fare i conti è l’opposizione, in attesa dei dati ufficiali. Si tratta di fatto di container con telaio in legno che intendono sostituirsi all’attuale insalubrità in cui vivono malati e bambini. Dopo le obiezioni all’iniziale progetto di tre microaree e ai timori che queste diventassero nuovi campi, la Giunta ha optato per sparpagliare le famiglie sul suolo urbano al fine di favorire l’integrazione e il controllo. Ma la protesta non si placa. “Niente zingari vicino a casa mia”, dicono in molti cittadini. Nessun dietrofront però da parte del sindaco Andrea Gnassi che ci mette la faccia e assicura: “Le famiglie saranno tenute a rispettare obblighi come il pagamento delle utenze e la pulizia dei luoghi, oltre ad accettare controlli periodici da parte delle istituzioni. Pena, lo sgombero dell’area”. E rivolge loro un appello: “Dimostrate la vostra voglia di integrazione e non si tolleri chi sgarra”. Non sono nomadi, ma “11 famiglie di italiani con bambini, anziani e persone malate, alcune a Rimini da diverse generazioni e dunque – prosegue il sindaco - molto più riminesi di alcuni consiglieri che non sono nati, vissuti né abitano a Rimini”. La chiosa è caustica: “Ai politicanti senza uno straccio di soluzione alternativa dico, andate da quei 13 bambini a dire che, in base alla loro etnia, sono dei criminali”.


RIMINI: L'8 marzo sarà dedicato a Gessica Notaro | VIDEO Attualità

RIMINI: L'8 marzo sarà dedicato a Gessica Notaro | VIDEO

Rinchiusa da un mese e mezzo in una stanza di ospedale, lucida nella mente ma dalle cicatrice ancora troppo vulnerabili per potersi esporre all’aria fresca, la riminese Gessica Notaro è alle prese con una gara di resistenza. A lei saranno dedicati gli eventi della città in occasione della prossima Festa della Donna. “Non bisogna avere paura di denunciare”, e l’appello è rivolto dalla Questura di Rimini anche agli amici e ai parenti di donne vittime di violenza. La Casa della Donna, in Piazza Cavour, offre uno sportello di ascolto tutte le mattine dei giorni feriali.


RIMINI: I primi laureati di San Patrignano | FOTO Attualità

RIMINI: I primi laureati di San Patrignano | FOTO

Da oggi sono dottori in Psicologia: sei ragazzi, che hanno fatto il percorso di recupero nella Comunità San Patrignano e che qui hanno scelto di fermarsi per offrire il loro aiuto ad altri ragazzi, hanno ricevuto per la prima volta il diploma di laurea triennale. Un traguardo importante, quello raggiunto dai sei neo-laureati, che mette in pratica l’idea di riabilitazione dell’individuo attraverso un reinserimento a pieno titolo nella società. La laurea di questi studenti, ex tossicodipendenti, testimonia infatti che l'istruzione può contribuire alla riuscita del loro percorso di recupero, dando un'opportunità per progettare la vita che verrà dopo la comunità. Orientamento nelle carceri, relazioni di aiuto in Comunità, abuso sessuale e tossicodipendenza, dislessia evolutiva, gioco e dipendenza e, infine, empowerment e processi formativi sono stati i temi scelti dagli studenti per sviluppare le loro tesi e discuterle davanti alla commissione di laurea, composta da docenti e ricercatori della Facoltà di Psicologia di Uninettuno.