Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

MIRCO PAGANELLI


EMILIA-ROMAGNA: Bonaccini a Cervia, “Estate riserverà belle sorprese” | VIDEO Politica

EMILIA-ROMAGNA: Bonaccini a Cervia, “Estate riserverà belle sorprese” | VIDEO

“È vero che sarà dura, ma quella che poteva essere una stagione estiva completamente perduta, credo che riserverà delle belle sorprese”. È quanto ha detto il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, questa mattina a margine di un incontro con gli operatori turistici a Cervia, nel Ravennate. Sul fronte epidemiologico in Emilia-Romagna “le cose vanno decisamente meglio”, ha spiegato il presidente. “Abbiamo meno di 30 ricoverati in terapia intensiva. Erano quasi 500 poche settimane fa. In particolare in Romagna c’è oramai una curva dei contagi molto bassa”, ha aggiunto Bonaccini, secondo il quale “stiamo via via tornando alla vita di prima e penso che l’organizzazione romagnola, con la genialità degli operatori che hanno costruito una delle più belle industrie turistiche al mondo, farà ancora una volta la differenza”. L’autunno, in particolare settembre, potrebbe essere un periodo da sfruttare quest’anno per il turismo, secondo il presidente. “La ripresa delle scuole credo che sarà verso la fine” del mese, “perché se le Regionali, come pare, saranno il 20 e il Governo, come pare, chiederà di aprire tutta l’Italia insieme, può darsi che la stagione chiuda più avanti”, ha detto Bonaccini incontrando gli operatori turistici della zona. Dunque, “se il tempo ci assiste, ci potrebbe essere un’ulteriore opportunità per i servizi turistici”, ha aggiunto il presidente. Rimane “il problema genitori”, ha specificato Bonaccini, “perché bisogna sapere dove i loro figli vanno”. Il presidente ha annunciato che tra due settimane si terrà una conferenza stampa congiunta con i presidenti di Veneto, Luca Zaia, e di Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, sulle tv di lingua tedesca con lo scopo di attrarre turisti provenienti dai Paesi germanici. “Fra 15 giorni – ha detto Bonaccini -, con i miei colleghi Zaia e Fedriga faremo una conferenza stampa in contemporanea sulle nostre spiagge, sui canali di lingua tedesca, per promuovere questa parte dell’Alto Adriatico che è fatta di spiagge bellissime e ombrelloni, con una possibilità di accoglienza in sicurezza. Germania, Austria e Svizzera continuano ad essere un nostro mercato di riferimento straordinario”. Il presidente ha aggiunto che “stiamo cercando di dire che l’Emilia-Romagna è aperta e pronta”.


RIMINI: Black lives matter, centinaia di giovani in piazza contro razzismo | FOTO Attualità

RIMINI: Black lives matter, centinaia di giovani in piazza contro razzismo | FOTO

Circa 500 persone, soprattutto giovanissimi, sono scesi in piazza ieri a Rimini per manifestare contro il razzismo con lo slogan ‘Black lives matter’.   Otto minuti e 46 secondi. Anche la piazza di Rimini si è inginocchiata in silenzio, venerdì pomeriggio, per lo stesso lasso di tempo in cui George Floyd ha perso il respiro fino a morire il 25 maggio scorso a Minneapolis durante un fermo di polizia. L’uccisione dell’afroamericano ripresa da un video ha scatenato un’ondata di manifestazioni anti-razziali in tutto il mondo che hanno raggiunto anche la Romagna. In piazza Tre Martiri erano in 500, soprattutto giovanissimi, toccati dal tema delle discriminazioni di ogni sorta. A prendere la parola sono stati anche riminesi di origine straniera che nella loro vita hanno subìto discriminazioni per il colore della pelle.


RIMINI: Musicisti locali riarrangiano ‘Rimini’ di De Andrè | VIDEO Attualità

RIMINI: Musicisti locali riarrangiano ‘Rimini’ di De Andrè | VIDEO

Rimini vuole ripartire dopo la quarantena dalla cultura e lo fa con un doppio album musicale che contiene i brani di 36 artisti locali. Il titolo del progetto, promosso dall’assessorato alla Cultura del capoluogo romagnolo, è ‘E la chiamano Rimini, artisti uniti per la città’. Il brano di punta è un riarrangiamento della celebre ‘Rimini’ di Fabrizio De André e Massimo Bubola. “Noi tra gelati e bandiere spalancheremo frontiere – ha detto citando il brano musicale, a margine della sua presentazione, il sindaco di Rimini Andrea Gnassi – e lo faremo con la nostra arte e con la musica dei nostri artisti”. Nessun manifesto cartaceo quest’anno per promuovere la stagione estiva riminese. Per la prima volta la promozione turistica della città passerà da una canzone e da un videoclip che è stato girato all’interno del Teatro Galli e realizzato dal fotografo Chico De Luigi. Tutti gli artisti si sono prestati gratuitamente alla produzione dell’album che sarà in vendita dal 20 giugno prossimo e il cui ricavato andrà a finanziare parte della stagione estiva di spettacoli all’aperto: concerti, proiezioni cinematografiche e performance teatrali. “La pandemia colpisce le relazioni. Rimini è esattamente ciò che il virus vuole colpire, per questo non ci arrendiamo”, ha aggiunto Gnassi.


RICCIONE: Discoteche, Comune punta ad aprire il 1 luglio, si lavora a piste-privé | VIDEO Attualità

RICCIONE: Discoteche, Comune punta ad aprire il 1 luglio, si lavora a piste-privé | VIDEO

La posticipazione della riapertura delle discoteche ha indignato la sindaca di Riccione, Renata Tosi, per la quale c’è margine per aprirle dall’inizio del mese prossimo.   Il Comune di Riccione punta a riaprire le discoteche a partire dal primo di luglio. Lo ha detto la sindaca della cittadina romagnola, Renata Tosi, che ha detto di essere rimasta “molto male” per lo slittamento delle loro riaperture al 14 luglio. Secondo la prima cittadina “c’è margine” per riaprire in quella data e dalla prossima Conferenza Stato-Regioni si aspetta le linee guida per l’avvio in sicurezza dei locali da ballo. “Confido che le Regioni facciano la loro parte e cerchino di portare a casa i protocolli per l’intrattenimento e le discoteche, e si possa così assolutamente anticipare al primo di luglio l’apertura”. Intanto alcuni locali della Perla Verde, come conferma Tosi stessa, si stanno riorganizzando in ‘isole per il ballo’ in cui i conoscenti ballano insieme in tante mini-piste. “Creare tanti piccoli privé all’interno dei quali le persone che possono stare insieme possono anche intrattenersi ballando, potrebbe essere un’idea”, aggiunge la prima cittadina.


RIMINI: Parco eolico in mare, si accende il dibattito tra pro e contro | VIDEO Attualità

RIMINI: Parco eolico in mare, si accende il dibattito tra pro e contro | VIDEO

Venerdì scorso la Capitaneria di Porto di Rimini ha pubblicato sul proprio sito l’istanza per la concessione demaniale funzionale alla realizzazione di un parco eolico in mare. 59 pale divise su tre curve, come si vede da questo schema, dove le più vicine sono a 10 km dalla costa, le più lontane a 22 km. Per avere un’idea, le attuali piattaforme per l’estrazione del gas sono a 15 km dalla riva. Nel dicembre scorso la società Energia Wind 2020 aveva illustrato in provincia il proprio progetto. Tutti gli interessati potranno ora presentare le loro osservazioni. Sarà poi la volta della Conferenza dei servizi in cui potranno esprimersi Comuni e Regione. Infine, dopo la valutazione ambientale, toccherà al ministero dell’Ambiente rilasciare l’eventuale autorizzazione. Un iter ancora lungo che vede favorevole il presidente della Provincia di Rimini, Riziero Santi, per il quale non dobbiamo “rimanere legati per sempre al petrolio”. Contraria l’associazione Italia Nostra che definisce il progetto uno “scempio” per il suo impatto visivo. Posizione, questa, fiancheggiata dal consigliere regionale della Lega, Matteo Montevecchi, per il quale quelli che definisce “eco-mostri” avrebbero “ripercussioni economiche negative per le attività della riviera che lavorano col turismo”. L’ex eurodeputato Marco Affronte, passato a Europa Verde, si dice disposto al compromesso tra impatto visivo e beneficio ambientale. “È urgente liberarsi dalle fonti fossili”, ha detto l’altro giorno sul Corriere Romagna. “Sono stanco di aspettare il cambiamento mentre tutto va in malora”, ha aggiunto. Il dibattito è ancora aperto.


RIMINI: Piano Diocesi per la ricostruzione, “Famiglie in grave difficoltà” | VIDEO Attualità

RIMINI: Piano Diocesi per la ricostruzione, “Famiglie in grave difficoltà” | VIDEO

La Diocesi di Rimini ha presentato un piano per la ricostruzione post-lockdown a sostegno delle famiglie più fragili. Si parte con un investimento di 300 mila euro.   Si chiama ‘Piano Marvelli’ ed è intitolato al beato riminese che nel Dopoguerra si adoperò per la ricostruzione della sua comunità attraverso l’impegno politico e sociale. Mettendo in rete varie realtà che la compongono, a partire dalle sue 54 Caritas parrocchiali, la Diocesi di Rimini ha deciso di ripartire dopo la pandemia con un progetto di assistenza alle persone in difficoltà economica. Bollette da pagare, anziani rimasti soli, cibo in tavola che manca. Bisogni antichi e nuovi che dopo il lockdown investono la comunità riminese. “Le 130-150 persone che durante il periodo del lockdown venivano a ritirare il pasto da noi stanno continuando a venire – spiega il direttore della Cartias diocesana di Rimini, Mario Galasso -. Delle circa 250 persone passate a ritirare il pasto nelle ultime due settimane, ce ne sono 120 con domicilio a Rimini che erano completamente sconosciute alla Caritas. Probabilmente sono solo la punta di un iceberg molto preoccupante”. Dalle parrocchie partiranno le segnalazioni di persone in difficoltà che saranno prese in carico dal Piano Marvelli attraverso un comitato che trasmetterà le proprie valutazioni o all’associazione Famiglie Insieme o al Fondo per il lavoro. Per ora la Cei ha messo a disposizioni 300 mila euro provenienti dall’8 per mille, e la Diocesi conta sulle donazioni. “Non possiamo accontentarci di una ripartenza. Dobbiamo rinascere, cambiare mentalità”, ha detto il vescovo di Rimini, Francesco Lambiasi. “È stata una grossa scossa, non possiamo ridurla solo ad aspetti economici, pure fondamentali”.


ROMAGNA: Bonus vacanza, 400 hotel lo accettano | VIDEO Attualità

ROMAGNA: Bonus vacanza, 400 hotel lo accettano | VIDEO

Qualcosa si muove sul fronte turistico. Aumentano le ricerche di vacanze romagnole da parte degli italiani e la domanda più frequente è: questo hotel accetta il bonus vacanza? Ad oggi delle oltre 1.200 strutture ricettive registrate sul portale romagnolo di promozione alberghiera, Info-alberghi, da Lido di Classe a Gabicce Mare sono 400 quelle pronte ad applicare la tax credit vacanze. Il bonus si applica ai nuclei familiari con un Isee inferiore a 40 mila euro e vale 500 euro per le famiglie composte da almeno tre persone, 300 euro per le coppie e 150 euro per i single. Utilizzabili dal 1 luglio al 31 dicembre 2020, questi crediti hanno come obiettivo il rilancio del turismo italiano nell’anno della pandemia, anche se nella loro modalità di applicazione sono piovute critiche da parte delle associazioni di albergatori. Il sito internet intanto registra un aumento del traffico online riguardo alle strutture ricettive romagnole. Un traffico che dal 31 maggio è addirittura superiore a quello dell’anno scorso. Resta da vedere quanti di questi tuffi nel web si trasformano in tuffi nell’Adriatico. Intanto la Riviera registra una nota negativa per questa estate, ovvero il venire meno della Freccia Orobica, il “treno del mare” da Bergamo alle mete balneari romagnole che quest’anno avrebbe dovuto festeggiare 50 anni. Le nozze d’oro di questo importante mezzo di trasporto, sinonimo di estate per i lombardi, non potevano essere più amare.