Guarda Teleromagna canale 14

MIRCO PAGANELLI


RIMINI: Colonia Murri, fondo spagnolo pronto a investire 50 milioni | VIDEO Attualità

RIMINI: Colonia Murri, fondo spagnolo pronto a investire 50 milioni | VIDEO

Doppia buona notizia per il Comune di Rimini sul fronte del recupero della ex Colonia Murri, uno dei più grandi fra i buchi neri del lungomare. Con una sentenza del 15 luglio il Tar dell’Emilia-Romagna ha rigettato il ricorso presentato dal curatore fallimentare della società Rimini&Rimini per ottenere la risoluzione della convenzione urbanistica stipulata a suo tempo tra il Municipio e la società per la riqualificazione della struttura. Il documento, datato 2007, prevedeva la realizzazione di un centro commerciale-ricreativo. Con il ricorso, il curatore fallimentare chiedeva la condanna del Comune al pagamento di 7,5 milioni di euro come controvalore del diritto di superficie. Ma per i giudici amministrativi, Palazzo Garampi ha adempiuto ai suoi obblighi. L’altra buona notizia per il Comune, come riporta il Corriere Romagna, è che è spuntato un grosso fondo di investimenti spagnolo, con alle spalle interventi di riqualificazione in tutta Europa, interessato a mettere mano proprio alla Murri. I contatti con il curatore fallimentare sono iniziati nella primavera scorsa; dal Municipio confermano la notizia. L’intenzione del gruppo iberico sarebbe quella di puntare non sul residenziale, ma sul settore dell’intrattenimento, del commerciale e dei servizi turistici. L’investimento è ingente. Gli spagnoli sarebbero disponibili a versare nel recupero della ex colonia fino a 50 milioni di euro.


RIMINI: Presidente Meeting su governo, “Problemi immani, Draghi vada avanti” | VIDEO Politica

RIMINI: Presidente Meeting su governo, “Problemi immani, Draghi vada avanti” | VIDEO

“Spero vivamente che mercoledì ci sia una ripartenza di questo governo. Lo spero per l'Italia e lo spero per l'Europa”. A dirlo è il presidente della Fondazione Meeting, Bernhard Scholz, a margine della presentazione a Rimini del prossimo Meeting all’interno del quale, il 24 agosto, è prevista la partecipazione del presidente del Consiglio Mario Draghi. Scholz cita le sfide che sta affrontando il Paese: guerra, pandemia, inflazione e disoccupazione. “Abbiamo bisogno di un governo stabile, di un governo con una forte reputazione internazionale, con grande competenza, perché i problemi che sono da affrontare sono immani”, dice. “Lavoreremo perché si creino le condizioni per una ricucitura”, ha detto la viceministra degli Affari esteri Marina Sereni commentando la mancata fiducia del Movimento 5 stelle al decreto Aiuti giovedì in Senato, in attesa della verifica di mercoledì in Parlamento. “C'è stato uno strappo serio, grave”, ha dichiarato a Rimini a margine della presentazione del Meeting. “Non si poteva fare finta di niente, ma è giusto portare questa discussione in Parlamento”, ha aggiunto, “e rendere all'opinione pubblica in maniera trasparente i termini di questa situazione”.


ROMA: Governo in bilico, Croatti (M5s), “Avanti solo se accolte nostre proposte” | VIDEO Politica

ROMA: Governo in bilico, Croatti (M5s), “Avanti solo se accolte nostre proposte” | VIDEO

È un piano inclinato verso la crisi quello su cui cammina in queste ore il presidente del Consiglio Mario Draghi che giovedì ha dato le dimissioni dopo che il Movimento 5 stelle al Senato non ha votato la fiducia al decreto Aiuti. Il capo dello Stato ha chiesto al premier di ripensarci. Draghi si recherà mercoledì prossimo in parlamento per una verifica. Il senatore pentastellato Marco Croatti spiega che la mancata fiducia è dipesa da ciò che definisce come il “continuo smantellamento” del superbonus, “l’attacco” al reddito di cittadinanza, il salario minimo inefficace e il progetto dell’inceneritore di Roma. “Tutti percorsi che vanno dalla parte opposta di quello che stanno chiedendo adesso i cittadini del nostro Paese”, afferma Croatti a Teleromagna-TR24. La principale critica mossa al Movimento in queste ore è quella di voler fare cadere il governo in una fase critica sul piano nazionale e internazionale. “Il governo non è assolutamente in crisi, ieri ha avuto 173 voti”, replica il senatore. “Purtroppo non stiamo facendo il bene delle persone, quindi questi provvedimenti vanno fermati. Abbiamo dato nove punti importanti più di dieci giorni fa al presidente Draghi su cui lavorare e stiamo ancora attendendo risposte”. Sareste disposti a restare al governo qualora trovaste un compromesso con Draghi sulle vostre proposte? “Questo è quello che abbiamo chiesto. Stiamo aspettando delle risposte serie a quelle necessità che ci sono in questi punti, tra cui trivellazioni, reddito di cittadinanza – risponde il pentastellato -. Alcuni aspetti molto caldi in questo momento hanno bisogno di risposte. Poi se si preferisce andare alle Camere, non è un problema”.


RICCIONE: Cantiere Trc bloccato, assolta l'ex sindaca Renata Tosi | VIDEO Cronaca

RICCIONE: Cantiere Trc bloccato, assolta l'ex sindaca Renata Tosi | VIDEO

Il tribunale di Rimini ha assolto l’ex sindaca di Riccione Renata Tosi dalle accuse di abuso d’ufficio ed interruzione di pubblico servizio, in merito al blocco del cantiere del Metromare, allora noto come Trc. Tosi, che attualmente siede nei banchi dell’opposizione in consiglio comunale, si è detta soddisfatta del risultato. Secondo l’accusa, tra il 2014 e il 2015, l’allora prima cittadina aveva firmato una serie di atti che avrebbero ostruito i lavori dell’infrastruttura. Dopo un lungo dibattimento e dieci udienze, giovedì ha prevalso la linea della difesa. Accuse cadute perché per i giudici il fatto non sussiste o non costituisce reato o per la tenuità del fatto. Si è chiuso così il secondo processo penale per la vicenda del Trc nei confronti dell’ex sindaca. Il primo è terminato l’ottobre scorso con l’assoluzione per cinque capi d’accusa su sei e un’ammenda di 5.000 euro. “Ero certa che la verità sarebbe emersa. Ho agito nell’interesse della città. Contro di me c’è stato un processo politico”, ha detto Tosi alla stampa locale. Assolto anche l’esponente del comitato anti-Trc Roberto Romito.


ROMAGNA: Quarta dose over 60, in un giorno 5.000 prenotazioni | VIDEO Attualità

ROMAGNA: Quarta dose over 60, in un giorno 5.000 prenotazioni | VIDEO

Sono state quasi 5.000 le prenotazioni in Romagna di quarte dosi anti-Covid nel primo giorno dopo l’allargamento della platea agli over 60. Nell’ultima settimana sono saliti contagi e ricoveri. L’Ausl monitora la situazione ed incoraggia gli aventi diritto a sottoporsi alla profilassi.   Cinquemila romagnoli sono corsi a prenotarsi nel primo giorno disponibile dopo che la Regione ha dato il via libera alle quarte dosi di vaccino anti-Covid per gli over 60, seguendo le disposizioni ministeriali ed europee. Il numero più alto mercoledì lo si è registrato a Ravenna con 2.200 prenotazioni. Seguono Rimini e Cesena con circa mille l’una, e 700 a Forlì. Dall’Ausl arriva l’esortazione a prenotarsi attraverso i consueti canali: sportelli Cup, Cuptel, Cupweb, FarmaCUP e fascicolo sanitario elettronico. La quarta dose può essere somministrata dopo almeno 4 mesi dalla terza o dall’ultima infezione. Nel frattempo il contagio di coronavirus in Romagna continua ad avere una diffusione ampia e costante. Nell’ultima settimana le positività sono balzate a oltre 15.000. L’alto numero si riflette inevitabilmente anche sull’aumentato del tasso di posti letto occupati da pazienti Covid, seppure l’incidenza nelle terapie intensive resti scarsa. “Una situazione che va certamente monitorata con attenzione, ma senza cedere ad allarmismi”, commenta il direttore sanitario Mattia Altini, che invita “tutti gli aventi diritto ad accedere senza esitazioni alla prenotazione” della quarta dose.


SAN MARINO: Treno storico per Rimini, ministero dà l'ok al recupero della linea | VIDEO Attualità

SAN MARINO: Treno storico per Rimini, ministero dà l'ok al recupero della linea | VIDEO

Se ne è a lungo dibattuto. Se questa sia la volta buona sarà la storia a dirlo. Di certo non si era mai tenuto un incontro di rango così elevato sul futuro della linea ferroviaria Rimini-San Marino dismessa dopo la seconda guerra mondiale. Il ministro del Turismo, Massimo Garavaglia, ha ricevuto mercoledì a Roma il segretario di Stato di San Marino per il Turismo, Federico Pedini Amati, alla presenza del direttore generale di Fondazione FS Luigi Francesco Cantamessa. L’incontro era dedicato proprio al recupero dell’antica infrastruttura. Lunga 32 km, è stata inaugurata nel 1932 in piena epoca fascista, e ha trasportato turisti e lavoratori fino al 1944 quando la linea elettrica è stata danneggiata dai bombardamenti. Ancora oggi sono presenti ponti e gallerie, anche se il tracciato si perde nel verde. Alcune stazioni sono state trasformate in edifici residenziali. Sia l’Italia che il Titano hanno espresso la volontà di ripristinare la linea con l’installazione di binari sui quali potranno muoversi le carrozze originali. Entrambi i ministeri hanno parlato di tempi brevi per la definizione del progetto. Si apre così “una fase di lavoro – affermano dal Titano - che nel breve periodo dovrebbe portare alla definizione del percorso Città-Dogana”. “Ci stiamo già operando in modo che il progetto veda la luce nel minor tempo possibile”, ha commentato Garavaglia.


RIMINI Bloccati col Covid in Trentino, anziani rientrano con bus dedicato Cronaca

RIMINI Bloccati col Covid in Trentino, anziani rientrano con bus dedicato

Contagiati dal Covid - con lievi sintomi - e bloccati in Val di Fassa durante la una vacanza in montagna, 9 anziani riminesi rischiavano di non tornare a casa a breve. L’infezione ha riguardato oltre una decina di persone di una comitiva di amici di circa 30 persone alloggiate in questi giorni a Vigo di Fassa. Per domani era previsto il rientro, ma la quarantena avrebbe costretto i malati a rimanere isolati fino all’esito negativo di un tampone. Ad intervenire è stato l’assessorato ai Servizi sociali del Comune di Rimini che, insieme all’Ausl di Trento, ha predisposto un servizio di trasporto dedicato per i turisti contagiati con due pulmini guidati da volontari dell’associazione carabinieri. I nove anziani potranno così fare rientro nelle loro abitazioni.