Guarda Teleromagna canale 14

MIRCO PAGANELLI


ROMAGNA: La Notte Rosa chiude col botto, “Meglio delle aspettative” | VIDEO Attualità

ROMAGNA: La Notte Rosa chiude col botto, “Meglio delle aspettative” | VIDEO

Si è chiuso in Romagna il weekend della Notte Rosa. Un bilancio positivo sul fronte delle presenze turistiche che mette d’accordo tutti, istituzioni ed operatori economici. Ha retto l’imponente apparato di sicurezza messo in campo.   Con gli eventi all’alba di domenica si è chiusa la 17ma edizione della Notte Rosa, la più attesa, perché la prima dopo la fine dell’emergenza sanitaria che ha registrato performance pari a quelle delle prime edizioni. Gli operatori economici, dagli alberghi ai ristoranti, dai bar ai balneari, gongolano. Le località della Riviera sono andate vicine al tutto esaurito con il sold-out in molti hotel che per l’occasione hanno venduto le camere a prezzi stellari.  “Il ‘Capodanno dell’Estate Italiana’ quest’anno ha risposto più del solito al bisogno di svago, leggerezza, divertimento sano di cui l’Italia aveva tanto bisogno”, ha commentato l’assessore regionale al Turismo Andrea Corsini all’epilogo della festa. Polemiche da Riccione, dove l’ex assessore al Turismo e candidato sindaco Stefano Caldari è tornato a chiedere di “fermare la Notte Rosa” parlando di “città in stato d’assedio” da parte di “orde di avventori”. Di avviso diverso i primi cittadini delle mete coinvolte. “Siamo tornati anche ai numeri e alle presenze turistiche delle prime edizioni”, ha affermato il presidente di Visit Romagna e sindaco di Rimini Jamil Sadegholvaad. “Si confermano i segnali di ottimismo percepiti già da inizio estate”, ha detto il primo cittadino di Misano Adriatico Fabrizio Piccioni.


ROMAGNA: Notte Rosa, Sadegholvaad, “Siamo invasi dai turisti” | VIDEO Attualità

ROMAGNA: Notte Rosa, Sadegholvaad, “Siamo invasi dai turisti” | VIDEO

Prosegue il pienone sulla Riviera romagnola per la Notte Rosa. Dopo l’inaugurazione di venerdì, anche la serata di Sabato ha visto le strade e le piazze della zona mare, dal Ferrarese al Riminese, piene di gente. Immagini che riportano la mente a prima della pandemia.  “Abbiamo tutta la città invasa di turismo, così come tutta la Riviera romagnola, da Comacchio fino a Cattolica”, ha fatto notare il sindaco di Rimini Jamil Sadegholvaad, che è anche presidente dell’ente turistico Visit Romagna. “È chiaro che c’era tanta voglia di ripartenza e i numeri che stiamo vedendo sono davvero confortanti”. Il primo cittadino si spinge più in là parlando della “sensazione”, in attesa dei dati turistici di fine stagione, “di superare persino il 2019. E questo sarebbe davvero straordinario”. Giugno “è andato alla grande”, maggio “ancora meglio” con l’Adunata degli Alpini. “È stato un crescendo continuo fino a questo weekend della Notte Rosa che ha portato il tutto esaurito in tutti gli alberghi”, ha detto Sadegholvaad. Tra gli operatori turistici c’è entusiasmo e c’è chi parla di numeri persino migliori del 2019. Un’edizione da incorniciare, la Notte Rosa 2022, che è stata accompagnata dal dispiegamento di un imponente apparato di sicurezza. Solo a Rimini sono al lavoro 200 divise a serata.  


ROMAGNA: Strade e piazze piene, Notte Rosa da tutto esaurito in Riviera | VIDEO Attualità

ROMAGNA: Strade e piazze piene, Notte Rosa da tutto esaurito in Riviera | VIDEO

Strade e piazze piene in Romagna per la serata inaugurale della Notte Rosa. Con il ritorno dei grandi eventi di pubblico senza restrizioni, la Riviera è stata invasa di visitatori. Molti hotel hanno fatto il sold-out.   Sembra di essere tornati al 2019, sia per i numeri che per la modalità di svolgimento degli eventi, libera, dopo due anni di pandemia, da qualsiasi restrizione anti-contagio. La Notte Rosa della Romagna è partita con il botto venerdì sera. In attesa dei dati ufficiali delle presenze che verranno comunicati al termine del weekend di festa, le prime impressioni sono di un salto indietro all’epoca pre-Covid. “L’Italia nel suo complesso può davvero, in questa fase di rilancio, giocare un ruolo importante e il turismo può essere al servizio della ripresa del Paese”, ha detto l’assessore al Turismo dell’Emilia-Romagna Andrea Corsini, che resta più cauto sui numeri. “Sono molto fiducioso che quest’anno torneremo quasi ai livelli del 2019. Non dico che li supereremo ma ci andremo molto vicini”. Da giorni diversi hotel della riviera romagnola erano sold-out per il weekend ‘rosa’ con prezzi schizzati alle stelle. Diversi i fattori che hanno contribuito a questo exploit: la manifestazione tornata al format originario concentrata in tre giorni, lo slancio di una stagione partita bene, la voglia di spensieratezza dopo le restrizioni, il bel tempo. “Siamo molto felici e contenti di essere tornati a festeggiare la Notte Rosa”, ha detto Corsini, “nella sua impostazione originaria. È il preludio a un’estate che credo davvero sarà di ottime soddisfazioni”. Epicentro della festa a Rimini, il Tim Summer Hits in piazzale Fellini con Blanco e Ghali tra gli ospiti. Elettra Lamborghini ha fatto ballare il Lido delle Nazioni di Comacchio. Giusy Ferreri ha scaldato la platea di Cesenatico. Fiorella Mannoia quella di Gatteo Mare. Malika Ayane ha fatto tappa a Misano Adriatico. Dalla musica al cibo, con la Rustida al tramonto sul porto di Cattolica in attesa dei tradizionali fuochi d’artificio di mezzanotte.


RIMINI: Turismo di lusso, Grand Hotel, “C’è tanta voglia di ripartire” | VIDEO Attualità

RIMINI: Turismo di lusso, Grand Hotel, “C’è tanta voglia di ripartire” | VIDEO

Dopo due anni di emergenza sanitaria, il turismo è ripartito. Anche quello legato al lusso e al lifestyle. Siamo stati al Grand Hotel di Rimini dove sono tornati i turisti internazionali.   La buona musica, del buon cibo, una serata in terrazza all’ombra dell’hotel reso celebre dal maestro del cinema Federico Fellini. Dopo due anni di emergenza sanitaria riparte anche il turismo legato al lusso, come quello del Grand Hotel di Rimini, già vicino al sold-out per tutta l’estate con un grande ritorno dei turisti internazionali. E’ da sempre l’appuntamento più elegante e atteso dell’estate. Si tratta dell’Ouverture de la Terrasse, la cena in terrazza del Grand Hotel di Rimini, che inaugura così le sue serate in abito da sera dell’estate 2022. “L’apertura della terrazza è uno dei momenti più magici della stagione turistica – racconta Paola Batani, titolare del gruppo Batani Select Hotels -. Quest’anno il tema non poteva che essere il gusto, per sottolineare una volta di più quando la magia, il bello e il fascino italiano e internazionale appartengano al Grand Hotel di Rimini”. Con l’Ouverture de la Terrasse si inaugurano le cene estive sulla Terrazza del Grand Hotel di Rimini: tutti i martedì, giovedì e sabato fino a fine estate.  


RIMINI: Ex questura, Asi, “Senza supermercato ci sarà il degrado” | VIDEO Attualità

RIMINI: Ex questura, Asi, “Senza supermercato ci sarà il degrado” | VIDEO

Botta e risposta a Rimini sulla rigenerazione dell’ex questura tra Confesercenti e il privato che ha acquistato l’area. L’associazione di categoria non vuole supermercati. Per Ariminum senza un intervento immediato continueranno ad esserci nel quartiere degrado e microcriminalità.   Erano stati per primi circa 200 cittadini che, rispondendo a un questionario del Comune, hanno affermato di non volere supermercati nell’area della ex questura di Rimini, preferendo piccoli negozi di vicinato. Nel dibattito è intervenuta anche Confesercenti sostenendo che nell’area non possono insistere medie e grandi superfici commerciali, previste invece dal masterplan di Ariminum Sviluppo Immobiliare che ha acquistato il manufatto di via Bassi per oltre 14 milioni di euro. “Sembra emergere che sia più importante non far costruire il supermercato, anche a costo di lasciare in piedi il transatlantico di macerie, lasciando via libera a microcriminalità e degrado”, ha scritto il privato in una nota, sottolineando che il progetto è ben più complesso di così. Secondo la società il piano ‘Rimini Life’ rispetta le linee guida del Programma integrato di edilizia residenziale sociale a cui ha aderito il Comune di Rimini. Quest’ultimo ha da poco ottenuto un finanziamento regionale da 5,5 milioni di euro che potrà essere sfruttato per costruire alloggi popolari. Le altre funzioni previste sono pubbliche. Tra queste, si è scelto di inserire un asilo visto che l’offerta pubblica del quartiere soddisfa meno del 20% della domanda. E uno studentato che vuole ampliare i posti letto attualmente presenti in città: solo 170 a fronte di un campus per la metà composto da universitari fuori sede.


ROMAGNA: Covid, nuovo balzo dei contagi, salgono anche i ricoveri | VIDEO Attualità

ROMAGNA: Covid, nuovo balzo dei contagi, salgono anche i ricoveri | VIDEO

Nell’ultima settimana in Romagna c’è stata un’ulteriore impennata dei contagi da coronavirus. Dati che ci riportano alla prima metà di febbraio. Restano entro la soglia di allerta, seppure in continua ascesa, i ricoveri.   “È bene continuare a usare la mascherina, anche se non c’è più l’obbligo, nelle situazioni in cui c’è folla ed è difficile mantenere il distanziamento”. Questo l’appello del direttore sanitario dell’Ausl Romagna Mattia Altini. Sul suo tavolo c’è il report degli ultimi sette giorni che certifica la continua risalita dei contagi nelle tre province romagnole. Settimana scorsa le infezioni erano raddoppiate rispetto al periodo precedente. Questa settimana sono aumentate di un terzo. Per ritrovare gli stessi numeri bisogna andare indietro alla prima metà di febbraio, ovvero alla fase conclusiva della quarta ondata. Allora i ricoveri per Covid, però, erano più di trecento. Oggi sono 181, entro la soglia di allerta, anche se il trend è in aumento dall’inizio della seconda metà del mese. L’ulteriore crescita del contagio era “prevedibile”, ha sottolineato Altini, per il quale “non dobbiamo allarmarci ma neanche sottovalutare i rischi”. Omicron 5, anche se meno aggressiva, si sta diffondendo velocemente. Se da un lato l’estate e la vita all’aria aperta limitano la diffusione, dall’altro – spiegano gli esperti – il venire meno delle restrizioni e i comportamenti meno attenti favoriscono la diffusione di una variante molto più contagiosa delle precedenti.