Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

REDAZIONE BOLOGNA


BASKET: In Coppa Italia la Virtus Bologna affronterà Brescia | VIDEO Sport

BASKET: In Coppa Italia la Virtus Bologna affronterà Brescia | VIDEO

Sei anni dopo la Virtus c’è. A Firenze, in Coppa Italia, i bianconeri confermeranno il loro ritorno nell’elite del basket italiano. Tra le prime 8, e adesso anche con un avversario e un tabellone. A guardarlo così, in questo momento, sembra il migliore possibile. Trovando nei quarti Brescia, la grande sorpresa dell’inizio di stagione, però all’interno di un periodo di flessione, solo parzialmente risolto dalla sofferta vittoria contro Pistoia, che ha chiuso un ciclo di tre scoinfitte consecutive, peraltro le prime della stagione dei bresciani, finiti al secondo posto. Col settimo, la Segafredo ha evitato la parte di tabellone comandata da Avellino, in questo momento sembrata la più ingiocabile delle rivali. Se la Virtus dovesse passare il suo turno, troverebbe in semifinale una tra Milano, sempre in difficoltà come dimostra il ko con Venezia, e Cantù, avversario alla portata. Soprattutto in una Firenze presumibilmente invasa dal tifo virtussino. Ma la Coppa si gioca a metà febbraio, dal 15 al 18. Adesso bisogna concentrarsi sul campionato, perché domenica arriva Trento, match già molto importante sulla via dei playoff. La squadra di Ramagli è attesa a un ulteriore salto di qualità, lo slancio del successo contro Reggio Emilia, che ha consegnato le Final Eight, dovrebbe essere una bella spinta. Il coach, pur senza nominarlo, ha indicato nel mercato un alleato da sfruttare, la proprietà sembra più prudente. Si vedrà, intanto c’è un’altra conferma. Le V nere sono tornate.  


BASKET: Virtus Segafredo Bologna - Grissin Bon Reggio Emilia 85-75 | VIDEO Sport

BASKET: Virtus Segafredo Bologna - Grissin Bon Reggio Emilia 85-75 | VIDEO

La Virtus si riprende tutto in una sera. Sei anni dopo i bianconeri staccano il pass per Firenze, ritrovando le Final Eight di Coppa Italia e chiudendo il conto con Reggio Emilia, che nel maggio 2016 l'aveva spedita nell'inferno della A2. Volando nella seconda parte di un match troppo importante per cominciarlo davvero sciolti e non mettersi un po' di paura di fronte alla freddezza reggiana e al 4/4 da tre nei primi di 10' di Markoshvili. La Segafredo, caduta sul -14 in appena 6', cambia gradualmente colore al match. Ramagli mette a sedere Alessandro Gentile, senza il quale l'attacco comincia a viaggiare, aprendo crepe nella zona di Menetti. Soprattutto con Umeh, 13 punti, Baldi Rossi, 14, Slaughter, 15, che saranno anche i migliori giocatori di serata. Lafayette aggiunge grandissima difesa e una tripla siderale per chiudere il primo tempo sul -1, un segnale parso subito abbastanza chiaro. E infatti la Virtus della ripresa è un'altra, capace di far la differenza con difesa e giocate di squadra, nella quali si ritrova anche lo stesso Gentile, 14 punti e alla fine un fattore anche lui. Cinque in doppia cifra, responsabilità diffuse e gregari saliti alla ribalta, per confermare quante possibilità ci siano se le cose si fanno insieme e con convinzione. Si porterà un bacione a Firenze, dal 15 al 18 febbraio, e nemmeno da ultimi della classe ristretta. I bianconeri infatti attendono dalle gare in serata il verdetto finale al giro di boa, ballando comunque tra la sesta e la settima posizione, e tra un avversario che sarà una tra Milano, Brescia, Venezia o Torino. L'importante però era esserci dopo 6 anni dall'ultima volta in cui la Canadian Solar cedette a Milano nel primo turno. L'obiettivo è raggiunto, le valutazioni non cambiano. Adesso infatti si penserà a come rafforzare la squadra, puntando dritti ai playoff. Domenica prossima, ancora dal PalaDozza, contro Trento si ricomincia. E la forza di questo risultato dovrà portare subito a un salto di qualità immediato, sembrando già una gara da non fallire. 


CALCIO: Verdi ad un passo dal Napoli, ore di attesa per il Bologna | VIDEO Sport

CALCIO: Verdi ad un passo dal Napoli, ore di attesa per il Bologna | VIDEO

Si avvicina il momento della decisione. Simone Verdi (come da programma e assieme al fratello Mattia e alla fidanzata Laura) è rientrato dai cinque giorni di vacanza che si è concesso a Dubai, mai come in questo caso  densi di interrogativi ai quali dover fornire risposta pressochè immediata. L’agenda delle prossime 48 ore del giocatore sarà fittissima. Previsto per domenica (giorno di ripresa degli allenamenti) un incontro con la dirigenza rossoblù per l'ultimo aggiornamento sulla trattativa con il Napoli e che sarà utile anche per comprendere quale sarà la strategia del club rossoblù nei suoi confronti. A seguire, Verdi si siederà attorno a un tavolo con il suo agente in modo tale da verificare la proposta del Napoli nei minimi dettagli e prepararsi per l’eventuale incontro con i partenopei fissato per lunedì. E proprio tra lunedì sera e martedì potrebbe essere ufficializzata la scelta del giocatore. Già contro il Benevento, i tifosi del Bologna sapranno se Verdi sarà a disposizione di Donadoni o viaggerà in direzione Bergamo per indossare la maglia del Napoli per la prima volta in carriera. Il Bologna (da questa operazione) andrebbe a intascare circa 20/22 milioni netti, considerata la percentuale da versare al Milan. Verdi andrebbe invece a percepire un ingaggio di quasi 2 milioni più bonus per un contratto quadriennale. La telenovela sta per finire, mentre il Bologna si appresta a ritornare ad allenarsi riaccogliendo l'esperienza ed il carisma di Blerim Dzemaili. Il giocatore sta, infatti, ultimando proprio in queste ore le visite mediche che precederanno l’annuncio ufficiale da parte della proprietà. Toccherà poi a Donadoni valutare se il giocatore sarà già pronto per allenarsi in gruppo o necessiterà di lavoro individuale per trovare una condizione migliore.


BASKET: Fortitudo Bologna - GSA Udine 76-67 | VIDEO Sport

BASKET: Fortitudo Bologna - GSA Udine 76-67 | VIDEO

La Fortitudo si aggrappa ancora una volta al fattore PalaDozza, capace di accompagnare letteralmente i suoi giocatori in una progressiva (ma vincente) nuova rimonta a soli cinque giorni di distanza da quella contro Mantova. Questa volta, tocca alla GSA Udine terza in classifica coltivare le speranze di uscire dal Madison di Piazza Azzarita con i due punti intasca ma quando i friulani guidati da Lardo si ritrovano sul 35-46 a metà terzo quarto, ecco che il risveglio di Mc Camey e la prepotente entrata sul parquet del sesto uomo Fortitudo (ossia 5500 spettatori) sono le armi per ribaltare un match che si era fatto ruvido e spigoloso. Consultinvest che ha riaccolto Fultz, gettato nella mischia dal suo allenatore già dopo soli due giri di lancette e capace di produrre tre triple e sapiente regia nei primi 10 minuti. Il 35enne nativo di Lisbona ha dimostrato di essere un valore imprescindibile per questa squadra. Tanto quanto Alex Legion, 19 punti e grande concretezza in entrambe le metacampo, al pari di Pini, Gandini ed Italiano, sempre capaci di gettare i propri combattivi ardori sul parquet. Infine, la difesa, ormai ingrediente fisso. 67 punti lasciati a una terza in classifica decisa a farsi rispettare, domata solo nei minuti finali, dopo un 21-2 di parziale che avrebbe steso chiunque a metà gara. E non è un caso che la quarta vittoria consecutiva per la Fortitudo coincida con la quarta gara in cui i biancoblù non fanno arrivare gli avversari a quota 70. Compensate le asenze di Cinciarini da una parte e di Veidemann dall'altra, la partita ha vissuto di un paio di strappi decisi, che non sono però riusciti a chiuderla. Prima le triple di Udine ad inizio terzo quarto, poi la già citata reazione della Fortitudo, da -11 a +8 in meno di cinque minuti, nel contesto di un PalaDozza fattosi rovente. La Fortitudo si mantiene all'inseguimento di Trieste. Sarà ancora imperfetta, ma sta anche diventando sempre più lucida e cinica. Non è fattore di poco conto. 


BOLOGNA: 49enne di origine calabrese investita e uccisa da un'auto | VIDEO Cronaca

BOLOGNA: 49enne di origine calabrese investita e uccisa da un'auto | VIDEO

Un impatto violento con un’auto, fatale per una donna di origine calabrese Maria Giuseppa Algieri, 49 anni, deceduta, venerdì mattina a Bologna, in via Toscana. L’incidente si è verificato alle 6:45 all’altezza del civico 217, un punto tra i comuni di Bologna, Pianoro e San Lazzaro. Questo paese inizia dal lato di fronte a “Villa Serena” e comprende le abitazioni dove risiedeva, sembra da sola, la vittima originaria di San Cosmo Albanese, in provincia di Cosenza, che nella struttura lavorava come medico. Al volante della vettura, una Volvo station wagon diretta verso il centro città, una donna di 49 anni della provincia di Bologna che, subito dopo lo scontro, si è fermata e ha chiamato i soccorsi. Sul posto i sanitari del 118 e la Polizia Municipale che si è occupata dei rilievi e ha deviato il traffico molto congestionato in via Toscana. Informato anche il pm di turno Antonella Scandellari. Secondo una prima ricostruzione la donna sarebbe stata investita sulle strisce e, per l’urto, è stata spinta in avanti, non ci sarebbero stati testimoni dell’accaduto. Sottoposta ad alcol test e drug-test la conducente dell’auto sarebbe risultata negativa. A “Villa Serena”, in mattinata, è ritornata una pattuglia della Municipale per acquisire le immagini delle telecamere di sorveglianza, alcune dirette proprio sull’attraversamento. Il L’incidente ha riacceso l’attenzione sulla pericolosità di via Toscana, come ci ha raccontato un residente.


CALCIO: Il Bologna presta Petkovic al Verona e Oikonomou al Bari | VIDEO Sport

CALCIO: Il Bologna presta Petkovic al Verona e Oikonomou al Bari | VIDEO

Freme il calciomercato in casa Bologna. Nella pausa di campionato che vedrà i rossoblù tornare in campo domenica 21 alle 15 contro il Benevento al Dall’Ara, a tenere banco sono le notizie che riguardano gli spostamenti di mercato. Da un lato le pressanti voci che si rincorrono su Simone Verdi, che vorrebbero l’attaccante, stella della rosa rossoblù, in cima ai desideri del Napoli disposto a mettere sul piatto una consistente cifra, si attende il ritorno dalle vacanze del giocatore che, a giorni, dovrà prendere la decisione definitiva, dall’altro lato l’annunciato ritorno di Dzemaili, pronto a rientrare dai Montreal Impact a vestire la maglia rossoblù, che ormai è cosa fatta anche se manca solo l’ufficialità. Sono invece stati comunicati ufficialmente due spostamenti per i quali si era ai dettagli. Si tratta della cessione in prestito secco fino al 30 giugno 2018 dell’attaccante Bruno Petkovic all’Hellas Verona. Il giocatore andrà in terra veneta con l’obiettivo di avere più spazio e più minuti di gioco, lasciando quindi libero il posto per il ritorno di Dzemaili. Ufficializzato anche il prestito del difensore Marios Oikonomou, che, rientrato dalla Spal, è stato girato al Bari in prestito temporaneo fino a fine stagione con obbligo di riscatto al verificarsi di determinate condizioni.


BOLOGNA: Terrorismo, parla la madre di Zaghba, "non gli ho dato capacità critica" Attualità

BOLOGNA: Terrorismo, parla la madre di Zaghba, "non gli ho dato capacità critica"

"Provo orrore per mio figlio. Ci sono delle colpe che mi attribuisco. Non avergli dato una capacità critica. Ho cercato di non turbare la sua fede e invece avrei dovuto farlo, perché probabilmente lo avrei portato a qualcosa di più sano". Lo ha detto a Radio Anch'io su Radio1 Valeria Kadija Collina, la madre di Youssef Zaghba italo marocchino morto a Londra nell'attentato fatto insieme ad altre due persone il 3 giugno, che provocò sul London Bridge otto morti e 48 feriti.  "C'erano delle debolezze psicologiche in lui. Si era dato un ideale di buon musulmano al quale non poteva arrivare. Chiaramente l'ambiente familiare ha avuto la sua importanza.  Vorrei dire a mio figlio di ricominciare da capo, di rifondare la sua religione dall'inizio, di essere pieno di dubbi, di non cercare certezze, di non cercare la verità assoluta", ha proseguito la donna, residente nel Bolognese e autrice del libro biografico 'Nel nome di chi'.