Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

REDAZIONE RAVENNA


EMILIA-ROMAGNA: Centri estivi, ci si organizza per la ripartenza dall’8 giugno | VIDEO Attualità

EMILIA-ROMAGNA: Centri estivi, ci si organizza per la ripartenza dall’8 giugno | VIDEO

Dall'8 giugno ripartono i centri estivi della regione e sono diversi i gestori che si preparano alla riapertura, ognuno con precise regole anti Covid-19. L’installazione di termoscanner, l’ovvia riduzione del numero dei partecipanti ed una maggiore fruizione delle aree verdi sono quelle seguite dall’Aquae sport center della frazione ravennate di Porto Fuori, che quest'anno riapre il centro estivo per l'ottavo anno consecutivo.  Ne parliamo con il titolare Luca Lanigra, che racconta: “I bambini, suddivisi in gruppi, potranno usufruire della piscina scoperta, potranno fare passeggiate intorno al lago e utilizzare le biciclette nel pieno rispetto delle normative anti Covid-19”.


RAVENNA: Nuove aree pedonali in centro storico, Confesercenti favorevole | VIDEO Attualità

RAVENNA: Nuove aree pedonali in centro storico, Confesercenti favorevole | VIDEO

Si allarga, già a partire da metà giugno, la zona riservata ai pedoni nel centro storico di Ravenna, in linea con il piano generale del traffico urbano e il piano urbano della mobilità sostenibile. L’idea è quella di rendere il centro storico sempre più vivibile per cittadini e turisti, ma anche di offrire agli esercenti dei locali la possibilità di ampliare l’offerta dei posti a sedere per rilanciare l’economia in crisi a causa dell’emergenza coronavirus.


RAVENNA: Valle della Canna, primi interventi per scongiurare la siccità | VIDEO Attualità

RAVENNA: Valle della Canna, primi interventi per scongiurare la siccità | VIDEO

Furono più di 3000 i volatili uccisi da un’intossicazione di botulino a settembre 2019 nella Valle della Canna a Ravenna. La moria è stata data dal basso livello di acqua nella valle in combinazione con temperature elevate che può causare anossia e ristagno - condizioni favorenti il batterio e la produzione della tossina. Il problema della siccità nella Valle della canna si ripete già da diversi anni ed il Comune sta cercando delle soluzioni. Infatti è iniziato qualche giorno fa il primo cantiere per i lavori di ripristino e modifica di una paratoia, attualmente dismessa, per alimentare la Valle, tramite la canaletta Anic. La realizzazione di quest'opera consentirà di immettere acqua proveniente dal Reno e conseguire una miglior circolazione delle acque. I lavori dovrebbero essere ultimati entro il mese di giugno. Nel frattempo è in corso un tavolo tecnico-scientifico di confronto, promosso dal Comune di Ravenna insieme al Parco del Delta e l’Istituto Superiore di Sanità, a cui partecipano il Centro nazionale di Riferimento per il Botulismo, l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, il Servizio Veterinario dell’Asl, la Regione Emilia-Romagna, per analizzare la situazione e programmare gli interventi necessari alla manutenzione della Valle. A causa della mancanza di piovosità degli ultimi mesi (e in mancanza di previsione di piogge importanti), sarà effettuata un'immissione idrica straordinaria per almeno 7 giorni in previsione del periodo estivo.


RAVENNA: Oltre 47 milioni per i due scali merci che uniranno porto e ferrovia | VIDEO Attualità

RAVENNA: Oltre 47 milioni per i due scali merci che uniranno porto e ferrovia | VIDEO

Novità per il porto e la città di Ravenna: mentre proseguono i lavori della commissione per scegliere il general contractor del progetto hub portuale, arrivano i finanziamenti per il potenziamento dello scalo ferroviario merci. 47.7 milioni di euro da Rfi che serviranno a realizzare due scali ferroviari merci in destra e sinistra Candiano.


EMILIA-ROMAGNA: Coldiretti Ravenna, “Bene la sanatoria, ma servono voucher” | VIDEO Attualità

EMILIA-ROMAGNA: Coldiretti Ravenna, “Bene la sanatoria, ma servono voucher” | VIDEO

“Sbloccare i voucher e dare la possibilità alle imprese di occupare, anche parzialmente, persone che quest’anno saranno in grande difficoltà”. Si riassume così il pensiero della Coldiretti provincia di Ravenna riguardo alla sanatoria annunciata dalla ministra Bellanova sulla regolarizzazione dei migranti, una misura che per la realtà locale non pare essere la scelta più efficace. L’associazione, come spiega il direttore provinciale Assuero Zampini, avrebbe quindi preferito l’introduzione di strumenti maggiormente flessibili per agevolare studenti e pensionati come ad esempio i voucher.


FERRARA: Tenta il suicidio ma viene salvata da Vigile del fuoco e Carabiniere Attualità

FERRARA: Tenta il suicidio ma viene salvata da Vigile del fuoco e Carabiniere

Aveva cercato di scavalcare il parapetto del balcone della propria abitazione per lanciarsi nel vuoto, ma è stata prontamente afferrata da un maresciallo dei Carabinieri di Poggio Renatico e dal capo squadra dei Vigili del Fuoco di Ferrara: è quanto accaduto intorno alle 21.30 nel Ferrarese, a Poggio Renatico a una donna di 49 anni salvata dalla chiamata di un passante al 112. Dopo essere stata tratta in salvo, l'aspirante suicida - che vive insieme all’anziana madre e alla sorella - è stata successivamente condotta all’ospedale di Cona per i necessari approfondimenti e le cure del caso.


RAVENNA: Centro storico, nuove misure per aiutare il rilancio di bar e ristoranti | VIDEO Attualità

RAVENNA: Centro storico, nuove misure per aiutare il rilancio di bar e ristoranti | VIDEO

Il Comune di Ravenna ha annunciato iniziative per agevolare gli esercenti del centro storico, bar e ristoranti, che si apprestano a riaprire. Insieme alle associazioni di categoria si stanno studiando le modalità per allestire tavolini all’esterno dei locali, penalizzati dalla nuove regole di contrasto al Covid-19, e ridurre il traffico nelle vie centrali in orario serale. La misura è stata pensata non solo per il cosiddetto “Quadrilatero del gusto” (le strade che costeggiano il nuovo mercato coperto, via Ponte Marino e via IV Novembre), ma per tutto il “salotto” ravennate. Il presidente comunale di Ascom, Mauro Mambelli, immagina il progetto come una sperimentazione, dettata dall’emergenza, per riempire le strade con tavolini e trasformarli in “un’esperienza da promuovere, in modo da attrarre turisti anche da fuori”.