Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

REDAZIONE RIMINI


RIMINI: Parcheggio Le Befane occupato da accampamento nomadi da settimane | VIDEO Cronaca

RIMINI: Parcheggio Le Befane occupato da accampamento nomadi da settimane | VIDEO

Da alcune settimane una decina di roulotte di nomadi si è insediata presso il parcheggio al di fuori del centro commerciale Le Befane di Rimini. Nell’ultimo mese sono stati diversi gli interventi della polizia municipale per smantellare l’accampamento abusivo, ma dopo ogni controllo, nel giro di poche, la carovana tornava al suo posto. L’amministrazione comunale afferma di non disporre di efficaci strumenti legislativi per contrastare il fenomeno. In altre zone della città si è intervenuto posizionando barriere di cemento per evitare la sosta dei mezzi. Proseguono intanto in questi giorni le segnalazioni da parte dei cittadini e il tam tam sul web.


RIMINI: Albergatore tenta la fuga con 1 kg di marijuana nell'auto, arrestato | VIDEO Cronaca

RIMINI: Albergatore tenta la fuga con 1 kg di marijuana nell'auto, arrestato | VIDEO

Lunedì pomeriggio un albergatore 39enne di Rimini, da tempo nel mirino della Sezione Antidroga della Squadra Mobile di Rimini perché sospettato di spaccio di stupefacenti, è stato visto uscire dalla villetta di un 49enne riminese, con precedenti per droga, in località Sant’Aquilina. L’albergatore è uscito dall’incontro con un pacco ed è partito a bordo della propria auto. Giunto in via della Repubblica, gli agenti gli hanno intimato lo stop, ma la vettura si è data alla fuga, mentre dal finestrino veniva gettato un involucro contenente oltre un chilo di marijuana e circa 100 grammi di hashish. Il 39enne è stato fermato poco dopo. Da una successiva perquisizione, sono stati rinvenuti 7,5 kg di hashish e 2,5 kg di marijuana nella villetta del 49enne, mentre nell’abitazione dell’albergatore sono stati scovati 27mila euro in contanti ritenuti provento dell’attività illecita, oltre a diversi grammi di stupefacente. Della droga è stata rinvenuta anche nella reception dell’hotel di quest’ultimo. Entrambi i soggetti sono stati arrestati.  


RIMINI: Prosciutto nello zaino, due arrestati all’uscita del supermercato | FOTO Cronaca

RIMINI: Prosciutto nello zaino, due arrestati all’uscita del supermercato | FOTO

Due soggetti di 40 e 21 anni, di nazionalità ucraina, sono stati arrestati domenica sera a Rimini all’uscita del supermercato presente nel centro commerciale Le Befane. Secondo la ricostruzione, i due sarebbero stati visti poco prima in una corsia dell’area di vendita mentre infilavano numerose confezioni di prosciutto, formaggio e pile nei propri zaini. Una volta alla cassa, avrebbero pagato solamente alcune birre presenti nel carrello. Gli addetti alla vigilanza, accortisi dei movimenti sospetti, li hanno fermati all’uscita mentre sopraggiungeva una pattuglia della polizia di Stato. I due, che risultano avere precedenti per reati contro il patrimonio, sono stati arrestati per tentato furto aggravato in concorso.


RIMINI: Serie di incidenti alla Grotta Rossa, in arrivo telecamere al semaforo Attualità

RIMINI: Serie di incidenti alla Grotta Rossa, in arrivo telecamere al semaforo

Le cause sono ancora tutte da chiarire ma, dalle prime notizie, anche l’incidente stradale avvenuto mercoledì sera a Rimini lungo la SS72 ‘Superstrada di San Marino’ risulta essere il frutto di un segnale semaforico rosso non rispettato e della forte velocità dei conducenti. È il terzo incidente che si verifica allo stesso incrocio nel giro di qualche settimana. Un incrocio, quella della Grotta Rossa, che ha visto in passato tanti sinistri e anche una vittima. L’ennesimo episodio ha fatto sbottare l’amministrazione comunale: “Non possiamo non evidenziare come il mancato rispetto delle prescrizioni dei semafori sia un dato che fortemente preoccupa la comunità riminese. Perché è un dato in aumento”. In base ai numeri registrati dalle telecamere installate su tre semafori cittadini, il fenomeno è in crescita. 2.149 sono state le infrazioni rilevate dai vista red nel 2017 contro le 1883 del 2016 e ancor peggio già arrivati a 1199 le violazioni per passaggio col rosso rilevate dai sistemi di viale Principe Amedeo, via Nicolò Tommaseo, Jano Planco nei primi tre mesi del 2018. 1199. Quasi 13 passaggi con il rosso al giorno. L’attraversamento con il rosso, infatti, costituisce una delle più gravi infrazioni previste dal codice della strada che colpisce pesantemente non solo con una sanzione amministrativa di 163 euro ma anche con la decurtazione di 6 punti sulla patente destinati a diventare 12 qualora i conducenti abbiano conseguito la patente di guida da meno di tre anni. “Evidentemente non basta – prosegue il Comune in una nota -. Per questo l’Amministrazione comunale sta valutando coi propri tecnici tutte le iniziative più idonee per inasprire il contrasto verso comportamenti scellerati e invertire i trend di crescita. Cominciando da quelli strutturali, e cioè installando nuovi sistemi di videosorveglianza su altri impianti, a cominciare da alcuni lungo la Superstrada di San Marino (es. incrocio con via della Gazzella). Non solo, verrà valutata seriamente nei casi più gravi, la costituzione di parte civile del Comune di Rimini contro i guidatori al volante che non rispettano il rosso, o guidano in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Le vittime e i feriti da incidenti stradali, provocati da comportamenti fuorilegge, rappresentano un tributo di sangue e di dolore, e anche un costo sociale, che per qualsiasi comunità non può più essere tollerato.”


RIMINI: Lavoro nero nel turismo, Cgil “Sconcertanti i dati dell'ispettorato” Attualità

RIMINI: Lavoro nero nel turismo, Cgil “Sconcertanti i dati dell'ispettorato”

“Sono sconcertanti gli esiti dei controlli effettuati dall'Ispettorato del lavoro di Rimini”. Ad affermarlo è il Segretario Generale della Cgil di Rimini Primo Gatta in merito ai recenti controlli avvenuti a Rimini nel settore turistico. “Da quanto si evince, non una attività è risultata in regola. Lavoro nero, contratti non rispettati, irregolarità contributive che danneggiano in primo luogo i lavoratori ma anche quella parte di imprenditoria che rispetta le regole”. Il sindacato giudica positivamente le dichiarazioni rilasciate dal responsabile del servizio di vigilanza dell'Ispettorato circa le attività di controllo che verranno effettuate nel corso dell'estate. E chiede che il sistema turistico della Riviera, comprensivo del lavoro e a partire dal Piano strategico nazionale sul Turismo, sia più “frequentato” dalla discussione politica locale al di là dei particolari interessi delle varie categorie economiche che si susseguono di volta in volta. “Chiediamo che venga tenuta alta la guardia sui temi della legalità e della salute e sicurezza”, afferma con forza Gatta. “Sono i precari che, a causa della crisi e di minori tutele contrattuali, hanno visto peggiorare le condizioni di lavoro e accrescere le condizioni di disuguaglianza e ricattabilità economica”. Il sindacato ha avviato il progetto #dillo alla Filocams che prevede la sistematica presenza della Filcams Cgil vicino alle lavoratrici e ai lavoratori dove questi prestano la loro attività. “Rivendichiamo, anche nella nostra provincia, un modello economico che rimetta al centro i temi della qualità del lavoro e dei diritti”.


CATTOLICA: Si allarga fronte Comuni contrari a estrazioni in mare, arriva Fano Attualità

CATTOLICA: Si allarga fronte Comuni contrari a estrazioni in mare, arriva Fano

Anche il comuni marchigiano di Fano si aggiunge alla lista delle amministrazioni romagnole contrarie al progetto “Bianca & Luisella”, la nuova piattaforma che l'ENI vorrebbe installare davanti alla costa tra Romagna e Marche. I comuni che fino ad ora hanno preso un impegno pubblico di intervenire a sostegno del ricorso di Cattolica sono dunque Fano, Gabicce, Morciano e Coriano. Il sindaco capofila del ricorso al Tar Mariano Gennari afferma che “l’aggiunta di Fano è una bella notizia e palesa ancor di più la sensibilità di alcune amministrazioni locali rispetto al problema sollevato da questo progetto. Marche e Romagna, costa ed entroterra uniti per il bene comune”.


RIMINI: Riviera del Conca, in arrivo nuova centrale di protezione civile | FOTO Attualità

RIMINI: Riviera del Conca, in arrivo nuova centrale di protezione civile | FOTO

È stato siglato oggi in Prefettura a Rimini il patto con cui si prevede l’insediamento di un Centro Integrato del Soccorso all’interno dell’area dell’invaso del fiume Conca. Il nuovo ufficio comprenderà una sede del distaccamento dei vigili del fuoco di cattolica e la sede del Centro Operativo Intercomunale di Protezione civile dei comuni aderenti all’ambito Riviera del Conca. A siglare il patto alla presenza del Prefetto Gabriella Tramonti e dell’assessore regionale alla Protezione Civile Paola Gazzolo vi erano gli amministratori di Cattolica, Riccione, Misano Adriatico, Coriano, San Giovanni in Marignano e i vertici di Romagna Acque e S.I.S. Per quanto riguarda le coperture finanziarie dell’operazione – come si legge nel patto - il Ministero dell’Interno per il tramite del Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile, si impegna a garantire con propri fondi la copertura economica dei lavori necessari per l’adeguamento impiantistico-strutturale ed il ricondizionamento degli edifici ad esso destinati. L’Agenzia Regionale di Protezione Civile si impegna a partecipare al cofinanziamento degli interventi necessari per l’adeguamento funzionale degli edifici destinati ad ospitare la sede del nuovo Centro Operativo Intercomunale. Il Comune di San Giovanni in Marignano si impegna ad effettuare sulla viabilità esistente gli interventi sia di natura non strutturale che di regolamentazione del traffico necessari a garantire la percorribilità in sicurezza da parte degli automezzi dei Vigili del Fuoco in servizio di soccorso. I Comuni aderenti all’Ambito Riviera del Conca si impegnano a partecipare al cofinanziamento degli interventi necessari all’adeguamento funzionale degli edifici destinati ad ospitare la sede del nuovo Centro Operativo Intercomunale. La società S.I.S. si impegna a fornire il necessario supporto tecnico per l’ottenimento delle varie autorizzazioni legate ai lavori di ristrutturazione degli edifici di propria pertinenza. Romagna Acque si impegna a garantire ai Vigili del Fuoco ed alla Protezione Civile l'utilizzo per attività istituzionale degli spazi immediatamente adiacenti gli edifici a ciascuno destinati.