Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

REDAZIONE RIMINI


RICCIONE: Movida, ancora gruppi di giovani indisciplinati | FOTO Cronaca

RICCIONE: Movida, ancora gruppi di giovani indisciplinati | FOTO

Proseguono nel Riminese i controlli delle forze dell’ordine sulla movida. A Riccione i carabinieri continuano a riscontrare la presenza di numerose comitive di giovanissimi che si ritrovano per strada e che non sempre sono disciplinati in termini di misure anti-contagio. Nei controlli di domenica sera tra la Perla Verde e Cattolica, però, nessuna sanzione è stata elevata da parte dei militari dell’Arma nonostante la presenza di tanta gente. Da quel che si evince dal servizio di controllo, i locali delle zone dell’intrattenimento serale di Riccione hanno tutti rispettato la nuova ordinanza anti-assembramento.


RIMINI: Diritti Lgbt, bagnino colora pedana di arcobaleno | FOTO Attualità

RIMINI: Diritti Lgbt, bagnino colora pedana di arcobaleno | FOTO

Sulla spiaggia di Rimini è comparsa ieri una lunga striscia arcobaleno. A postare le immagini sul suo profilo Instagram è stato il titolare del bagno 27 di Rimini, Stefano Mazzotti, che quest’anno ha deciso di colorare la pedana del suo stabilimento in solidarietà alla comunità Lgbt. “Siamo sempre stati un’azienda impegnata nella tutela dei diritti delle minoranze – ha detto Mazzotti -. Il nostro è un luogo libero, ci piace fare in modo che la gente si esprima per quello che è”. Come mai proprio quest’anno un segno così forte? “Perché negli ultimi tempi è venuta fuori la parte più becera delle persone che vedono gli altri come diversi, nemici”. Una condizione, per Mazzotti, enfatizzata dal lockdown, “anche se è un paio d’anni che assistiamo ad una cattiveria continua sui social. Il segnale che vogliamo dare è: state più rilassati”. Quest’anno non potrà svolgersi il tradizionale corteo per i diritti lgbt sul lungomare. “Per noi – prosegue il balneare - è un modo per portare avanti i valori che il Pride ha trasmesso qui a Rimini. Non averlo quest’anno è una perdita”. Arcigay Rimini ha parlato di “gesto molto valoroso” e di “coraggio”. “Proprio quest'anno in cui non sarà possibile fare il Rimini Summer Pride – ha commentato il presidente di Arcigay Rimini, Marco Tonti -, almeno non nelle sue modalità tradizionali, questo gesto ci permetterà di vivere il pride tutti i giorni”.


RIMINI: Rissa in pieno centro, spunta un coltello, tre feriti | VIDEO Cronaca

RIMINI: Rissa in pieno centro, spunta un coltello, tre feriti | VIDEO

Una rissa per futili motivi è scoppiata oggi in pieno centro a Rimini attorno alle ore 13 tra due persone, a cui poi se ne è aggiunta una terza. Tre i feriti. Secondo quanto si apprende, tra due uomini originari del Foggiano è scoppiato un diverbio, forse per una donna, nella zona di fronte all’Arco d’Augusto. Dalle parole si sarebbe poi passati alle mani e uno dei due avrebbe estratto un coltello che ha causato il ferimento di entrambi e anche di un terzo uomo intervenuto per dividerli. Sono state due agenti della polizia municipale, che transitavano di lì, le prime ad intervenire, aiutate poi dai rinforzi. Sul posto sono giunte anche le ambulanze, ma i tre feriti non sarebbero in gravi condizioni. (Video Migliorini)


RIMINI: Scovata centrale di spaccio in pieno centro, 4 arresti | FOTO Cronaca

RIMINI: Scovata centrale di spaccio in pieno centro, 4 arresti | FOTO

Quella che è stata definita una “centrale di spaccio” è stata scovata ieri mattina dai carabinieri in pieno centro storico a Rimini. L’operazione condotta dai militari della Tenenza di Cattolica ha portato all’arresto di tre persone per spaccio e di un’acquirente per evasione dai domiciliari. Quest’ultima persona, una ragazza ucraina di 21 anni, è stata notata dagli investigatori mentre entrava in un’abitazione nei pressi del mercato coperto. Inseguita, i carabinieri hanno trovato all’interno dell’appartamento 130 grammi di cocaina, il materiale per il confezionamento e 2.100 euro in contanti. All’interno, oltre all’acquirente, vi erano anche una 34enne originaria della provincia di Imperia e due tunisini di 39 e 29 anni. Tutti quanti pregiudicati.


RIMINI: Ordinanza spiaggia definitiva, almeno 18 mq per ombrellone Attualità

RIMINI: Ordinanza spiaggia definitiva, almeno 18 mq per ombrellone

È arrivato il tanto atteso testo dell’ordinanza balneare comunale di Rimini, quella che gli operatori degli stabilimenti sulla spiaggia attendevano per poter piantare i paletti degli ombrelloni. Ogni ombra dovrà avere a disposizione almeno 18 mq (rispetto ai 12 mq dell’ordinanza regionale), con una distanza minima tra le file parallele alla linea di costa di 4,5 metri, e tra quelle perpendicolari di 3,5 metri. Sulla distanza tra ombrelloni fanno eccezione la zona al bagno n. 1 al bagno n. 10 di Rimini Sud, in cui la superficie minima per ombra è individuata in 15 mq. Tra le file parallele alla battigia, la distanza non potrà essere inferiore a 4,30 per i numeri da 1 a 10 di Rimini Sud e 5 metri dal bagno 11 al bagno 98 di Rimini Sud. Per tutti, dal centro del sistema di ombreggio alle pedane dello stabilimento balneare dovrà essere mantenuta una distanza minima di almeno 2 metri. Altra novità rispetto agli altri anni, gli stabilimenti dovranno rimanere aperti garantendo tutti i servizi fino alle ore 22. “L’ampliamento serale – spiega l’amministrazione comunale - coniuga l’esigenza di garantire maggiore disponibilità di spazi all’aperto all’opportunità di incrementare l’offerta turistica e i servizi a disposizione dei bagnanti, consentendo ad esempio la possibilità di fermarsi anche per la cena”. E il delivery arriva sotto l’ombrellone. “Questo consentirà di ridurre i possibili assembramenti nei locali e favorire la permanenza all’aria aperta, nel rispetto delle norme igienico-sanitarie e di sicurezza – spiegano sempre dal Comune -. Per svolgere il servizio di delivery dovranno essere utilizzati piatti, bicchieri o altro realizzati con materiale compostabile monouso, di carta, o altro materiale plastico lavabile”. È previsto inoltre per i prossimi giorni – annuncia Palazzo Garampi - un aggiornamento delle linee guida per il servizio di somministrazione dei bar di spiaggia e dei chiringuito, che sarà al centro di uno specifico provvedimento e che servirà per allineare il servizio alle indicazioni igienico sanitarie a prevenzione del contagio da Covid-19. Sul fronte spiaggia ‘plastic free’, sulle spiagge del Comune è confermato il divieto di vendita di bevande in bicchieri di plastica usa e getta così come la distribuzione ai clienti di bicchieri e cannucce in plastica usa e getta. Si potranno utilizzare invece bicchieri di carta e di materiale compostabile monouso o di materiale plastico lavabile in lavastoviglie e riutilizzabile. A seconda della tipologia di bicchieri e cannucce monouso utilizzati, i concessionari dovranno dotare gli spazi comuni di contenitori per la raccolta differenziata e comunicare la clientela sulle modalità per il corretto conferimento dei rifiuti. Confermato il divieto di fumo sulla battigia. E così come lo scorso anno, anche l’ordinanza 2020 prevede l’obbligo di illuminazione notturna delle spiagge. I concessionari che non ne sono già dotati – afferma il Comune -, sono chiamati a installare impianti che garantiscano l’illuminazione e la videosorveglianza degli stabilimenti. Nel periodo compreso tra il 13 giugno ed il 13 settembre gli impianti dovranno restare accesi dal tramonto all’alba, negli stessi orari previsti per la normale illuminazione pubblica. “Con questa ordinanza - chiosa l’assessore al Demanio, Roberta Frisoni - Rimini disegna le nuove coordinate di un futuro che è già ora. Più spazio, più tempo di utilizzo, più servizi; in questo modo l’arenile, in corrispondenza con la fascia del lungomare oggetto della rigenerazione strutturale in corso con il Parco del Mare e con le nuove possibilità offerte ai pubblici esercizi sui viali delle Regione con ‘Rimini Open Space’, diventa finalmente parte integrante della città, un luogo magico dall’alba fino alla sera in cui le attività turistiche e le relazioni tra persone possono avvenire in completa sicurezza. Sappiamo che ciò comporterà un impegno ancora maggiore da parte degli operatori ma proprio perché siamo di fronte a una stagione mai vista prima, tutti siamo chiamati a uno sforzo straordinario al termine del quale c’è il benessere e lo sviluppo di Rimini e della sua comunità. Comprendiamo le ragioni di tutti ma non si può pensare che il tema sia il ‘tornare com’era prima’. Abbiamo di fronte una enorme occasione non solo per ripensare ma davvero concretizzare il sogno e il desiderio di una spiaggia e di un lungomare unico in Europa, rinaturalizzato, ambientalmente eccellente, con un alto tasso di qualità estetica e un altrettanto elevato livello di servizi e di sicurezza sanitaria. Come Comune di Rimini proseguiremo in questa strada intrapresa. Con questa nuova organizzazione della spiaggia affermiamo il diritto di vivere questo luogo, da parte di 150 mila riminesi, e dei milioni di turisti che ogni anno vengono qui, famiglie, bambini, anziani, di vivere la vacanza perfetta: un luogo sicuro e allo stesso tempo accogliente, coinvolgente, ricco di nuovi servizi, dall’alba fino alla sera. Questa la nuova spiaggia a cominciare da oggi”.


SAN MARINO: Parlamentare trovato morto davanti alla sua azienda Cronaca

SAN MARINO: Parlamentare trovato morto davanti alla sua azienda

Gianfranco Terenzi, parlamentare sanmarinese di 79 anni ed esponente del Partito democratico cristiano è stato trovato morto questa mattina nel piazzale davanti alla sua azienda. Non è ancora chiaro cosa sia accaduto. Due le ipotesi su cui sta lavorando la Polizia civile di San Marino: un malore o un incidente stradale con un camion in manovra. A chiamare i soccorsi dopo aver visto Terenzi steso a terra sono stati i dipendenti della sua azienda di carpenteria pesante. Alla notizia del decesso, la seduta del Consiglio Grande e Generale è stata rinviata. Terenzi è stato quattro volte Capo di Stato ed era molto conosciuto per i suoi legami con la Cina, attraverso l'associazione San Marino-Cina che aveva fondato e l'amicizia con il presidente Xi Jinping.


RIMINI: Diminuiscono pazienti, chiude un piano del reparto Covid | FOTO Attualità

RIMINI: Diminuiscono pazienti, chiude un piano del reparto Covid | FOTO

Chiude oggi all’ospedale Infermi di Rimini il sesto piano del Dea dedicato nei mesi dell’emergenza sanitaria alla gestione dei pazienti Covid. A dare l’annuncio sui social è il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, che ha postato le foto inviategli dal personale sanitario del reparto mentre esulta per la diminuzione dei pazienti. “Grazie di cuore, per la vostra dedizione e sensibilità”, ha scritto Bonaccini nel post. Il reparto Covid di Rimini rimane comunque attivo per i pazienti ancora presenti al quinto piano del nosocomio, mentre il sesto piano sarà riattivato qualora i malati dovessero tornare ad aumentare.