Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

REDAZIONE RIMINI


CORIANO: Dipendenti Rovereta col fiato sospeso in attesa sentenza Tar Attualità

CORIANO: Dipendenti Rovereta col fiato sospeso in attesa sentenza Tar

Sono ore con il fiato sospeso per le 300 famiglie del gruppo Petroltecnica, e in particolare per le 36 della sua società di Coriano, Rovereta. Entro domani è attesa la sentenza del Tar sulla sospensione dell’ordinanza comunale che ha imposto il fermo dello stabilimento dedicato allo smaltimento di rifiuti per questioni urbanistiche. L’impianto è fermo dal 5 aprile scorso e da allora vi sono stati diversi tavoli di confronto risultati tutti infruttuosi. I sindacati “valutano con preoccupazione la dinamica di rimpallo di responsabilità tra azienda e amministrazione comunale e il tentativo di strumentalizzare i lavoratori”. Questi ultimi hanno scritto una lettera al presidente della Repubblica chiedendo come è possibile non riuscire a negoziare per trovare una soluzione condivisa quando in ballo ci sono 300 posti di lavoro.


RIMINI: Due incidenti gravi in poche ore, deceduto un motociclista 42enne | VIDEO Cronaca

RIMINI: Due incidenti gravi in poche ore, deceduto un motociclista 42enne | VIDEO

Attorno alle 14 di oggi un centauro ha perso la vita in seguito a un incidente verificatosi a Rimini in via San Salvatore. Ancora non si sanno le esatte dinamiche di quanto accaduto, ma pare che il centauro, un sanmarinese di 42anni, in sella ad una Yamaha Tmax, stesse percorrendo la strada quando ha preso in pieno un'Audi guidata da un anziano che stava uscendo dal giardino di casa. Sul posto è stato richiesto l'intervento dell'elisoccorso da Ravenna, ma nonostante il prodigarsi dei medici che hanno cercato di rianimarlo, l’uomo è deceduto in ambulanza. Poco dopo sulla strada Consolare San Marino, sempre a Rimini, si è verificato un altro grave incidente. Secondo quanto si apprende, una moto con a bordo una coppia di 26enni ha attraversato l'incrocio con il semaforo verde prendendo in pieno un ciclista straniero di 30 anni che, invece, non si sarebbe fermato al rosso. Il ferito più grave, il ciclista, è stato trasportato in elicottero al Bufalini di Cesena. Feriti, seppure in maniera meno grave, anche i due centauri.


RICCIONE: Minacce, aggressione e simulazione di reato, due calabresi ai domiciliari | VIDEO Cronaca

RICCIONE: Minacce, aggressione e simulazione di reato, due calabresi ai domiciliari | VIDEO

Hanno aggredito il figlio di un’ex dipendente, un giovane riccionese di 26 anni, che in ospedale ha ricevuto una prognosi di 5 giorni. Il motivo: essersi presentato nel loro negozio di ortofrutta a Riccione per filmare il camion che l’ufficio giudiziario avrebbe dovuto pignorare assieme ad altri cespiti patrimoniali, a seguito di una querelle giudiziaria partita qualche mese prima, anche per colpa di stipendi mai pagati. Il gesto non è piaciuto ai due titolari dell’esercizio, M.F. classe 1991 e M.D. classe 1989, entrambi di Cosenza, che per questo, in base alla ricostruzione degli inquirenti, lo hanno minacciato anche con un coltello, poi aggredito e rincorso per strada, fino ad accusarlo di aver sottratto prima un piccolo incasso dal negozio, poi un po’ di frutta e verdura. Ma il nucleo operativo dei carabinieri del comando di Riccione ha subito capito che la storia non filava: dopo le prime risposte contradditorie e una volta raccolta la versione del giovane malcapitato, non è stato facile incastrare i due imprenditori, ora agli arresti domiciliari disposti dal Gip Vinicio Cantarini.


RIMINI: 235 carabinieri in più fino alla fine di agosto, scatta l'operazione "Estate sicura" | VIDEO Cronaca

RIMINI: 235 carabinieri in più fino alla fine di agosto, scatta l'operazione "Estate sicura" | VIDEO

Dal primo luglio è partita l'operazione "Estate sicura” con cui il comando provinciale dei carabinieri Rimini, dotato di circa 400 persone, sarà rinforzato con l’arrivo graduale di altri 235 militari, di cui 160 già sul posto e gli altri 75 attesi nei prossimi tre giorni al fine di garantire in maniera adeguata presenza, sicurezza e attenzione al territorio, in particolare nel periodo estivo quando aumenta sensibilmente l’affluenza di vacanzieri e i residenti si spostano dall’entroterra al mare, lasciando chiusi e pertanto non sorvegliati case e appartamenti. I carabinieri saranno dotati dei più disparati mezzi di trasporto, dalle biciclette ai quad alle jeep per potersi muovere con agilità sugli arenili e intervenire prontamente anche lungo le spiagge riminesi, scenario di spiacevoli furti, rapine e aggressioni negli ultimi anni. Ma alcuni dati confortanti sono emersi rispetto all’attività condotta dalle forze dell’ordine nell’ultimo semestre: a presentarli il comandante del comando provinciale colonnello Giuseppe Sportelli, che ha sottolineato come ci sia stato un calo sensibile di denunce (7840 di cui 6912 all’Arma, -20% nello stesso periodo del 2018), di furti (4284, -25%), e di rapine (91, -13%), segno che a una maggiore presenza corrisponde anche una flessione dell’incidenza dei reati nel riminese.



CATTOLICA: Avaria al bus, turisti cechi soccorsi dagli abitanti Cronaca

CATTOLICA: Avaria al bus, turisti cechi soccorsi dagli abitanti

Un bus di turisti stranieri, in viaggio dal centro Italia verso il loro paese di origine, la Repubblica Ceca, è rimasto bloccato sabato pomeriggio in autostrada sulla A14, nel tratto di Cattolica, a causa di un’avaria. Sul mezzo vi erano 56 persone tra cui una ventina di bambini. Il guasto al motore, come riporta la stampa online, è risultato essere piuttosto serio e i turisti, stremati dalla fatica e dal caldo, sono stati supportati dei carabinieri che hanno attivato la macchina dei soccorsi, coinvolgendo Caritas e Protezione Civile. I turisti cechi hanno passato la notte nella palestra di una parrocchia della Regina dormendo su delle brandine, in attesa che il bus venisse riparato. Alcuni residenti e commercianti hanno offerto loro del cibo.


RIMINI: Molo Street Parade, grande festa nonostante biglietto e controlli | FOTO Attualità

RIMINI: Molo Street Parade, grande festa nonostante biglietto e controlli | FOTO

La nuova era della Molo Street Parade, la grande discoteca a cielo aperto di Rimini, è cominciata senza intoppi. Con il passaggio alla organizzazione completamente privata, l’introduzione del biglietto a pagamento e di imponenti misure di sicurezza, l’ottava edizione ha chiuso sabato notte con un altro successo di pubblico. Quest’anno l’area dei pescherecci allestiti da dj set poteva ospitare al massimo 30mila persone. Il controllo ai varchi e all’interno del sito era garantito da 200 addetti alla sicurezza oltre alle forze dell’ordine. Sulla stampa locale sono apparse le lamentele di molti residenti e operatori balneari che si sono visti limitare l’accesso in spiaggia sin dalla mattinata. Aggiornamento ore 13:48 In base ai dati della prefettura appena arrivati, nel corso della manifestazione che ha richiamato molte migliaia di persone sono stati 29 i denunciati a piede libero per danneggiamenti o lesioni aggravati, spaccio di stupefacenti, porto d'armi ingiustificato, guida in stato di ebbrezza, rissa. 58 gli interventi dei sanitari dei 38 con trasporto al posto medico. In soli due casi si è reso necessario il trasporto in ospedale. In totale sono stati impiegati 250 membri delle forze dell'ordine oltre a cento volontari della Croce Rossa. (Foto di Enea Conti)