Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

REDAZIONE RIMINI


RIMINI: Rapina a mano armata in farmacia di San Giuliano Cronaca

RIMINI: Rapina a mano armata in farmacia di San Giuliano

È entrato con il volto coperto e intimato ai dipendenti di vuotare le casse mostrando la propria pistola. È quanto è successo nel pomeriggio di mercoledì in una farmacia di Rimini in via Coletti, zona San Giuliano. Secondo la prima ricostruzione, il rapinatore è entrato in azione da solo e, una volta messo insieme il bottino, è scappato. Dalla farmacia è partito l’allarme e le forze dell’ordine si sono subito messe sulle tracce del malvivente, che però non è ancora stato trovato. Gli investigatori intanto hanno acquisito i filmati di videosorveglianza.


SANTARCANGELO DI R.: Giovane folgorata da una scarica elettrica di un palo della luce Cronaca

SANTARCANGELO DI R.: Giovane folgorata da una scarica elettrica di un palo della luce

Una giovane ragazza è rimasta vittima di una scarica elettrica che l’ha folgorata martedì sera nella frazione Sant’Ermete di Santarcangelo di Romagna, nel riminese. Dalla prima ricostruzione pare che la adolescente si sia appoggiata ad un palo della luce presente su strada per essere poi raggiunta da una violenta scarica che l’ha tramortita. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco oltre all’ambulanza che ha trasportato la vittima al pronto soccorso di Rimini con il codice di massima urgenza. La ragazza è sempre rimasta cosciente.


SANTARCANGELO DI R.: Spesi 180 mila euro per risparmio energetico in alloggi popolari | FOTO Attualità

SANTARCANGELO DI R.: Spesi 180 mila euro per risparmio energetico in alloggi popolari | FOTO

Sono stati completati nelle settimane scorse i lavori di manutenzione straordinaria ed efficientamento energetico su 13 alloggi Erp in via Casalegno, a Santarcangelo di Romagna, nel riminese. L’intervento, dal costo complessivo di 180mila euro, è stato finanziato dalla Regione Emilia-Romagna nell’ambito del programma di recupero e razionalizzazione degli immobili di edilizia residenziale pubblica. Nel dettaglio – fa sapere il Comune -, gli interventi hanno consentito la riqualificazione energetica dell’intero edificio grazie al rifacimento di tutti gli infissi esterni degli alloggi e della relative serrande, nonché attraverso la posa in opera di termo cappotto con relativa nuova tinteggiatura delle facciate. È inoltre stata rifatta la pavimentazione dei balconi con relativa impermeabilizzazione e la messa a norma di tutte le linee di adduzione gas esterne all’edificio. Rinnovata completamente anche la pavimentazione del cortile dove sono stati eliminati gli avvallamenti esistenti, anche al fine di superare le barriere architettoniche, e realizzata una nuova regimentazione della raccolta delle acque piovane per evitare ristagni. Tra i lavori eseguiti anche l’installazione di linee-vita, il rifacimento e messa a norma di tutte le linee di adduzione del gas esterne all’edificio e la sostituzione del parapetto frontale dei balconi realizzato in cemento armato con uno metallico in modo da alleggerire il peso del balcone stesso, migliorare la luminosità degli ambienti interni e abbellire la facciata. L’assessore ai Servizi sociali del Comune, Danilo Rinaldi, ribadisce l’importanza dei lavori eseguiti da Acer grazie al finanziamento della Regione perché “consentiranno alle famiglie assegnatarie degli alloggi di risparmiare sui consumi. Da non sottovalutare poi la riqualificazione generale dell’edificio situato in via Casalegno sia sotto il profilo strutturale che da un punto di vista più prettamente estetico”.


RIMINI: Mense scolastiche, Comune si scaglia contro ricerca Save The Children Attualità

RIMINI: Mense scolastiche, Comune si scaglia contro ricerca Save The Children

Nell’indagine annuale dell’associazione Save The Children sulle mense scolastiche in Italia, emerge come il 48% degli alunni non abbia ancora accesso al servizio mensa. E fra le situazioni più disomogeneo – secondo il rapporto – vi sarebbe la città di Rimini dove “la tariffa minima di 6 euro – si legge - corrisponde quasi al triplo della tariffa massima prevista a Catania, ovvero 2,30 euro”. Ma il Comune non ci sta a questo ritratto e arriva una dura replica dall’ufficio del Diritto allo Studio. “A distanza di un paio d’anni ci troviamo ancora una volta a intervenire per precisare alcuni elementi dell’annuale pubblicazione di Save the Children, sulle mense scolastiche italiane. Questo perché a nulla evidentemente sono servite la precedente rettifica a mezzo stampa, e le successive specifiche scritte inviate, e nemmeno le spiegazioni data direttamente a voce dai funzionari riminesi nelle scorse settimane per spiegare nel dettaglio il sistema di calcolo ed esenzione delle rette scolastiche da parte del Comune di Rimini. Proviamo ancora una volta, sperando di avere più fortuna e più ascolto da parte di un’associazione che pare più interessata al sensazionalismo che a riportare ogni situazione nel più corretto contesto”. E precisa che: “Il Comune di Rimini prevede, e non da oggi, una esenzione totale dal pagamento della mensa per le famiglie dei bimbi in difficoltà e dunque non è vero, come scrive Save the Children, che esiste una tariffa unica e sola di 6 euro. La tariffa 0, ovvero l'esonero totale dal pagamento della mensa, a Rimini non viene decretato asetticamente per calcolo automatico dell'ISEE (un parametro peraltro non assoluto perché non tiene conto dei tassi territoriali di evasione) ma attraverso un colloquio con dei professionisti, gli assistenti sociali, che valutano tutta una serie di parametri, non solo economici ma anche famigliari, relazionali, educativi. Valutato il bisogno sociale si chiede e ottiene l'esonero per quella famiglia. A questo specifico fine sono stati investiti dal servizio sociale di tutela minori, solo nell'ultimo anno, 50 mila euro”. “Questi sono i fatti, scritti, spiegati, ribaditi più volte a un’associazione che preferisce fare e scrivere altro – chiosa il Comune -. E visto che errare è umano, ma perseverare lo è meno, valuteremo di qui in avanti l'opportunità di proseguire la nostra collaborazione, di fatto inutile ai fini dell'esposizione finale del report, con questo tipo di ricerca parziale e incongrua”. 


RIMINI: Imu sulle piattaforme, Comune sfida Eni in giudizio Attualità

RIMINI: Imu sulle piattaforme, Comune sfida Eni in giudizio

Così come Cesenatico e Ravenna, anche il Comune di Rimini si costituirà in giudizio nei confronti di Eni contro i ricorsi presentati per il mancato versamento dei tributi dovuti per le piattaforme di estrazione. L’ufficializzazione è arrivata dalla Giunta comunale, che nell’ultima seduta ha deliberato di resistere ai ricorsi presentati dall’azienda e che riguardano gli avvisi di accertamento notificati per l’omesso versamento di Ici (2011), Iscop (2011) e Imu (2012-2015) per gli impianti di estrazione, trattamento e pompaggio di gas naturale che sono presenti nello specchio di acqua che si affaccia sul territorio del Comune di Rimini, nelle acque territoriali del Mare Adriatico. La Giunta ha inoltre deciso di affidare l’incarico della difesa allo stesso legale che si occupa della difesa dei Comuni di Cesenatico e Ravenna, anche loro in situazione di contezioso con l’azienda per gli accertamenti Imu notificati negli ultimi anni. Per il Comune di Rimini si tratta di vedersi riconoscere una somma complessiva di circa 13,3 milioni, che comprende la quota di imposta dovuta per le sei piattaforme accertate (6.527.125 euro) e le relative sanzioni. Il contenzioso tra azienda e comuni nasce nel dicembre scorso, quando la Corte di Cassazione attraverso due sentenze stabilisce che le piattaforme estrattive vanno considerate come immobili “speciali”, pertanto devono essere accatastate e sono soggette al pagamento dell’Imu. La nuova interpretazione da parte della Cassazione ha quindi permesso ai Comuni di far partire gli avvisi di accertamento per le imposte arretrate, che l’azienda sta impugnando avanti alle varie Commissioni Tributarie.


BELLARIA-IGEA MARINA: Grave frontale tra due auto in strada di campagna | FOTO Cronaca

BELLARIA-IGEA MARINA: Grave frontale tra due auto in strada di campagna | FOTO

Grave incidente nel pomeriggio nell’entroterra di Bellaria-Igea Marina. Due auto si sono scontrate frontalmente in via San Mauro, una arteria che attraversa la campagna bellariese. Sul posto sono dovuti intervenire i vigili del fuoco per estrarre i feriti dai rottami. Uno dei guidatori è stato trasportato d’urgenza in elisoccorso al Bufalini di Cesena. Sul luogo dell’incidente è accorsa anche la polizia municipale. Seguono aggiornamenti.


RIMINI: Debito ridotto di 35 milioni di euro in 5 anni Economia

RIMINI: Debito ridotto di 35 milioni di euro in 5 anni

È stato presentato questa mattina in V Commissione il Documento Unico di Programmazione, l’atto obbligatorio per gli enti locali che nasce con l’obiettivo di raccogliere gli indirizzi e gli obiettivi che devono guidare la predisposizione del bilancio, del Piano economico di gestione e la loro successiva gestione. “Ai Comuni si chiede di definire una programmazione precisa degli obiettivi su base triennale – sottolinea l’assessore al Bilancio Gian Luca Brasini –, richiesta che si scontra con il contesto liquido e di incertezza economica generale, con i Comuni che da un giorno all’altro si trovano a dover fare a meno di entrate su cui pensavano di poter contare. Il caso del mancato rimborso delle spese di giustizia ne è un esempio lampante”. Al primo gennaio 2018 il debito residuo sarà di circa 101 milioni, contro i 136 milioni di inizio esercizio 2012. Nel documento si parla anche di investimenti in sicurezza. “È infatti obiettivo strategico dell’Amministrazione – precisa la stessa - sviluppare un complesso di azioni diversificate per una maggiore percezione di sicurezza, a partire dall'incremento dei servizi cosiddetti di prossimità di polizia municipale, quindi a maggior contatto con i cittadini, e attraverso l'implementazione degli strumenti tecnologici di sorveglianza su tutto il territorio”.