Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

REDAZIONE


CESENA: Green economy, Orogel investe 25 milioni di euro su logistica e sedi Economia

CESENA: Green economy, Orogel investe 25 milioni di euro su logistica e sedi

Nella fase 2 Orogel, azienda cesenate leader nel settore dei vegetali surgelati, punta sugli investimenti per la 'green economy' e mette in campo quasi 25 milioni di euro per razionalizzare logistica e produzione degli stabilimenti. Siglato un contratto di sviluppo tra azienda, Regione Emilia-Romagna, Mise e Invitalia per un progetto che a regime prevede 80 nuove assunzioni e altre cento unità di nuova occupazione nelle campagne presso i soci. L'investimento punta a razionalizzazione logistica e produttiva degli stabilimenti che porti, con la realizzazione di un nuovo reparto autonomo di confezionamento, a liberare spazi nei reparti produttivi esistenti da destinare a un potenziamento della capacità produttiva, anche con obiettivi di penetrazione in nuovi mercati, in particolare a livello internazionale. Recentemente è stata costituita ed è operativa la Orogel Usa, una società che gestisce la vendita dei prodotti della cooperativa sul mercato nord americano con risultati incoraggianti.


RAVENNA: Automobilista si ribalta fuori dal centro commerciale | FOTO Cronaca

RAVENNA: Automobilista si ribalta fuori dal centro commerciale | FOTO

Incidente questo pomeriggio nei pressi del centro commerciale esp dove un'automobile si è ribaltata mentre usciva dal parcheggio. Alla guida una donna di circa 35 anni che è stata poi aiutata da 118 e vigili del fuoco ad uscire dall'abitacolo. Per lei solo ferite di lieve entità


IMOLA: Controlli anti Covid-19, eseguiti due arresti e due denunce | VIDEO Cronaca

IMOLA: Controlli anti Covid-19, eseguiti due arresti e due denunce | VIDEO

I Carabinieri di Imola hanno eseguito due arresti e due denunce durante i servizi di gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 che hanno portato all’identificazione di quasi 200 persone. Gli arrestati sono due italiani di 41 e 19 anni. Il primo, gravato da precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, in particolare insolvenze fraudolente e truffe, è stato identificato e arrestato dai Carabinieri di Castel San Pietro Terme durante un controllo. L’uomo, che era ricercato da un mese, è stato tradotto in carcere per espiare una pena residua di 4 anni e 7 mesi. Il giovane, invece, è stato arrestato domenica sera per evasione dagli arresti domiciliari con braccialetto elettronico. I Carabinieri della Stazione di Mordano hanno denunciato una coppia di moldavi sulla quarantina, con precedenti di polizia, per possesso di documenti d’identificazione falsi. Sottoposti a una perquisizione domiciliare, infatti, sono stati trovati in possesso di altri tre documenti falsi riportanti la nazionalità rumena: due carte d’identità intestate alla donna e un passaporto intestato all’uomo.  


CERVIA: Truffa, ubriachezza e droga, raffica di denunce dei carabinieri Cronaca

CERVIA: Truffa, ubriachezza e droga, raffica di denunce dei carabinieri

I Carabinieri di Cervia - Milano Marittima, lo scorso fine settimana, hanno deferito in stato di libertà 4 persone e segnalato un uomo all’autorità amministrativa. Una cittadina straniera e un italiano di 50 anni sono stati denunciati per aver commesso delle truffe on-line in danno di altrettanti cittadini italiani. Un 60enne e un 25enne sono stati sorpresi alla guida di veicoli con un tasso alcolemico superiore a 0,8 g/l. Per tutti e due è scattato il deferimento alla Procura della Repubblica e il ritiro della patente. Infine, un cittadino di nazionalità rumena è stato sorpreso con due grammi di marijuana. Per la detenzione della sostanza stupefacente è stato segnalato alla Prefettura di Ravenna.


CESENA: Cercavano reperti archeologici, due denunciati Cronaca

CESENA: Cercavano reperti archeologici, due denunciati

Una coppia di cinquantenni è stata sorpresa a Gatteo, in provincia di Forlì-Cesena, da una pattuglia della polizia locale dell'Unione Rubicone mentre, con  metal-detector e pala, stava effettuando ricerche nell'area di scavi archeologici governata dalla Soprintendenza di Ravenna ove sono in corso i lavori preparatori per la costruzione di una nuova strada. I due, residenti in zona, sono stati peraltro trovati in possesso di frammenti metallici, prelevati dal sito, che sono stati successivamente analizzati dai carabinieri del nucleo tutela patrimonio culturale di Bologna. Non sono risultati di interesse archeologico. Ai due sono stati sequestrati metal-detector e le attrezzature utilizzate per lo scavo, sono stati poi denunciati per avere effettuato ricerche archeologiche abusive.


EMILIA-ROMAGNA: Food truck scrivono ai sindaci "Vogliamo solo lavorare" | VIDEO Attualità

EMILIA-ROMAGNA: Food truck scrivono ai sindaci "Vogliamo solo lavorare" | VIDEO

Sono oltre 25mila in Italia gli operatori che lavorano nel settore dello street food in Italia come Sonia Zambelli di Bologna, Danilo Giorgio di Rimini, e Antonio Piersante di Ravenna. Con l’arrivo del coronavirus e il conseguente lockdown però sono stati annullati tutti o la maggior parte degli eventi di strada ed ora nonostante la parziale riapertura, oltre a fare i conti con la crisi economica, alleviata per qualcuno dall’arrivo dei bonus, devono anche fare i conti con la burocrazia perchè in ogni regione e in ogni comune vigono regolamenti differenti. Situazione ben differente da quella degli ambulanti dei mercati, i quali hanno piazzole assegnate e giorni specifici di attività. Del loro caso ne ha recenemente parlato il Vicepresidente della Camera dei Deputati on. Rampelli il quale ha sottolineato come il grido di allarme di questo comparto, le cui perdite ammontano a 200 milioni di euro, non possa essere sottaciuto ed anche nell’assemblea regionale è stata presentata un’interrogazione. Nel frattempo però gli operatori dicono di "sentirsi invisibili" e quelli di Ravenna hanno scritto al sindaco della città bizantina e presidente dell'UPI Michele De Pascale.


EMILIA-ROMAGNA: Fase 2, Bonaccini, “non vanifichiamo i sacrifici fatti” Attualità

EMILIA-ROMAGNA: Fase 2, Bonaccini, “non vanifichiamo i sacrifici fatti”

"Se siamo ripartiti è grazie allo straordinario lavoro dei medici e ai sacrifici che sono stati fatti fin qui: non vorrei che per qualche irresponsabile vanificassimo i sacrifici fatti. Il virus non è sconfitto, lo sarà col vaccino. Le cose vanno molto meglio, ma guai a immaginare che tutto sia tornato come prima". E' l'appello del presidente dell'Emilia-Romagna Stefano Bonaccini che ne ha parlato ad 'Agenda' su SkyTg24 "Ieri - ha detto - alcune centinaia di stabilimenti balneari hanno riaperto. Non ci sono stati assembramenti, tutti si sono comportati bene. Ma ho visto assembramenti in certe piazze e qualcuno di troppo con la mascherina abbassata. Dico a tutti di stare attenti".