Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

ROMINA BRAVETTI



MILANO: Lutto nella cultura, morto lo storico dell'arte Philippe Daverio Attualità

MILANO: Lutto nella cultura, morto lo storico dell'arte Philippe Daverio

E' morto nella notte a Milano lo storico dell'arte Philippe Daverio. Docente e saggista, ex assessore alla Cultura del Comune di Milano, aveva 71 anni. "Intellettuale di straordinaria umanità - così il Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini -, un capace divulgatore della cultura, uno storico dell'arte sensibile e raffinato. Con sagacia e passione, ha accompagnato le italiane e gli italiani nell'affascinante scoperta delle architetture, dei paesaggi, dell'espressione creativa, degli artisti, delle fonti del nostro patrimonio culturale. Tutto questo era Philippe Daverio, un uomo di cui ho sempre apprezzato la grande intelligenza e lo spirito critico e che già manca a tutti noi". “Un grande divulgatore che, attraverso una narrazione originale e affascinante, ha saputo portare con intelligenza l’arte nelle case degli italiani. Con Philip Daverio se ne va un pezzo importante della nostra cultura e un lettore eclettico e mai banale del mondo contemporaneo. E davvero tante sono state le occasioni nelle quali Daverio ha collaborato con enti e istituzioni dell’Emilia-Romagna, per raccontare le nostre bellezze e il nostro straordinario patrimonio artistico. A lui va il pensiero commosso di tutti noi”. Così il presidente della Regione, Stefano Bonaccini e l’assessore regionale alla Cultura, Mauro Felicori, sulla scomparsa di Philip Daverio.


FORLI': Lumiwings sceglie lo scalo romagnolo come base operativa Attualità

FORLI': Lumiwings sceglie lo scalo romagnolo come base operativa

L’aeroporto di Forlì ha dato martedì il benvenuto al Boeing 737 della compagnia aerea Lumiwings, atterrato alle 12.30. La compagnia Lumiwings ha specificato di aver scelto lo scalo forlivese come propria base operativa e che dal 1 dicembre 2020 effettuerà voli commerciali di linea verso l’Est Europa (Romania, Polonia, Moldavia, Repubblica Ceca, Ucraina) con frequenze giornaliere, garantendo servizi ad alto valore aggiunto e prezzi particolarmente interessanti e convenienti. Nella stagione estiva saranno operati inoltre collegamenti con le principali destinazioni turistiche della Grecia. Nelle prossime settimane verranno resi noti gli orari dei voli e le tariffe. Lumiwings è una compagnia aerea privata con licenza greca, fondata nel 2015 che ha lavorato con operatori aerei italiani fornendo la propria esperienza operativa e commerciale in collegamenti sia nazionali che internazionali. La flotta sarà composta inizialmente da tre Boeing 737.


EMILIA-ROMAGNA: Coronavirus, 99 nuovi contagi e nessun decesso Attualità

EMILIA-ROMAGNA: Coronavirus, 99 nuovi contagi e nessun decesso

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 32.021 casi di positività, 99 in più rispetto a ieri, di cui 45 asintomatici individuati nell’ambito delle attività di screening regionali. Il numero di tamponi effettuati supera i 10.700. Sono 23 i nuovi contagi collegati a rientri dall’estero e 16 casi di rientro da altre regioni. L’età media dei nuovi positivi di oggi è 34 anni. Nessun decesso per coronavirus è stato registrato nelle ultime 24 ore. Questi i nuovi casi di positività sul territorio: Piacenza (invariato), Parma (+9, di cui 5 sintomatici), Reggio Emilia (+8, di cui 4 sintomatici), Modena (+22, di cui 14 sintomatici), Bologna (+20, di cui 13 sintomatici), Imola (invariato),  Ferrara (+7, di cui 2 sintomatici), Ravenna (+12, di cui 5 sintomatici),  Forlì (+10, di cui 4 sintomatici), Cesena (+7, di cui 5 sintomatici) e  Rimini (+4, di cui 2 sintomatici).  


FORLI': Scontro fra tre auto, un morto e 4 feriti | VIDEO Cronaca

FORLI': Scontro fra tre auto, un morto e 4 feriti | VIDEO

Tragedia della strada poco dopo le 11,30 di lunedì mattina sulla strada statale 67 "Tosco Romagnola", nel territorio forlivese. Nello scontro tra tre auto ha perso la vita un 92enne di Portico di Romagna. L’uomo si trovava a bordo di un Mercedes condotta dal genero 69enne che per causa in corso di accertamento da parte dei carabinieri intervenuti per compiere i rilievi, si è scontrata frontalmente con un Bmw con targa tedesca proveniente dall’opposto senso di marcia. Sembra che l’auto straniera abbia invaso la corsia, sulla Ravegnana all’incrocio con la via Oraziana nel territorio di Bogo Sisa. E’ stato colpito anche un Fiat Doblò che nell’impatto è stato scagliato contro l’argine del fiume che costeggia la carreggiata. Inutili i soccorsi del 118 per l’anziano che è deceduto sul colpo. Gravi traumi invece per il 69enne che è stato portato al Bufalini di Cesena con un codice di massima gravità. Ferite di media gravità per gli stranieri a bordo della Bmw e lievi lesioni invece per il conducente del Doblò. Il traffico è stato deviato sulla via Oraziana. Intervenuti anche i Vigili del Fuoco per liberare i feriti dalle auto e la messa in sicurezza dei mezzi.


RAVENNA: Fibrillazione arteriale, novità d'avanguardia al Maria Cecilia Hospital | FOTO Attualità

RAVENNA: Fibrillazione arteriale, novità d'avanguardia al Maria Cecilia Hospital | FOTO

L’équipe di Aritmologia ed Elettrofisiologia del Maria Cecilia Hospital di Cotignola, nel Ravennate, si è dotata di un ulteriore sistema di crioablazione, denominato POLARx, che permette di intervenire sulle vene polmonari, nelle quali si origina la fibrillazione atriale, mediante una singola erogazione di crioenergia. La crioablazione è la tecnica d’elezione per il trattamento della fibrillazione atriale che, attraverso un catetere a palloncino consente di localizzare e congelare il tessuto cardiaco responsabile del battito irregolare, ripristinando un ritmo cardiaco regolare. Maria Cecilia Hospital è il primo ospedale italiano e tra i primi 5 centri in Europa con il più alto volume di procedure di crioablazione. La fibrillazione atriale è una delle alterazioni più frequenti del ritmo cardiaco e colpisce in particolare gli anziani, con percentuali sul totale della popolazione che vanno dall’1,3% per pazienti sotto i 65 anni al 9-10% per quelli sopra i 76 anni. In Europa 8,8 milioni di persone soffrono di fibrillazione atriale e la patologia, spesso asintomatica, è riconducibile ad un’attività elettrica caotica nelle camere superiori del cuore che porta a una progressiva perdita delle contrazioni cardiache ed è responsabile del 20% degli ictus ischemici a causa della formazione di coaguli.  L’équipe di Aritmologia ed Elettrofisiologia del Maria Cecilia Hospital di Cotignola, nel Ravennate, si è dotata di un ulteriore sistema di crioablazione, denominato POLARx, che permette di intervenire sulle vene polmonari, nelle quali si origina la fibrillazione atriale, mediante una singola erogazione di crioenergia. La crioablazione è la tecnica d’elezione per il trattamento della fibrillazione atriale che, attraverso un catetere a palloncino consente di localizzare e congelare il tessuto cardiaco responsabile del battito irregolare, ripristinando un ritmo cardiaco regolare. Maria Cecilia Hospital è il primo ospedale italiano e tra i primi 5 centri in Europa con il più alto volume di procedure di crioablazione. La fibrillazione atriale è una delle alterazioni più frequenti del ritmo cardiaco e colpisce in particolare gli anziani, con percentuali sul totale della popolazione che vanno dall’1,3% per pazienti sotto i 65 anni al 9-10% per quelli sopra i 76 anni. In Europa 8,8 milioni di persone soffrono di fibrillazione atriale e la patologia, spesso asintomatica, è riconducibile ad un’attività elettrica caotica nelle camere superiori del cuore che porta a una progressiva perdita delle contrazioni cardiache ed è responsabile del 20% degli ictus ischemici a causa della formazione di coaguli.  


FORLì: Formula Servizi,valore produzione 2019 oltre 64 milioni | FOTO Attualità

FORLì: Formula Servizi,valore produzione 2019 oltre 64 milioni | FOTO

L'assemblea dei soci di Formula Servizi, grande cooperativa romagnola, ha approvato il bilancio 2019 che fissa il valore della produzione a oltre 64 milioni di euro, in incremento sul 2018 del 14%. Gli occupati superano le 2.340 unità e crescono del 16%. "Il dato che tra tutti certamente più ci incoraggia - commenta la presidente Antonella Conti - sono i 333 nuovi lavoratori che si sono aggiunti, le 100 stabilizzazioni di lavoratori, le 117 trasformazione di contratti da tempo determinato a indeterminato e le 3 assunzioni tra i tirocini post laurea". "L'anno 2019 si è rivelato essere un buon esercizio e chiude con un bilancio positivo - aggiunge la vice presidente Silvia Godoli -. Tutti i settori sono stati coinvolti dalla crescita, dal core businnes del cleaning, al facility, alla logistica, l'archiviazione fino ai servizi culturali e al restauro. In espansione anche le regioni italiane, attualmente sono 14, in cui sono presenti presidi ed operatori della cooperativa. La nostra situazione patrimoniale e finanziaria ci permette di guardare serenamente ai prossimi investimenti, intesi come avvio di nuovi appalti e di nuove attività".