Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

ROMINA BRAVETTI


RIMINI: Avvelena il proprio cane, denunciato un 66enne a Saludecio Cronaca

RIMINI: Avvelena il proprio cane, denunciato un 66enne a Saludecio

Un 66enne  originario di Morciano di Romagna, residente a Saludecio, nel Riminese, è stato denunciato dai carabinieri per l’uccisione del proprio cane.  L’uomo aveva preannunciato con una telefonata agli uffici del Comune la folle intenzione. Contattato dal canile di Riccione per recuperare un altro cane di sua proprietà ritrovato a vagare per strada, l’uomo si sarebbe dapprima detto intenzionato ad abbandonarlo in canile e successivamente deciso a recuperarlo e ad ucciderlo come fatto con un altro cane di sua proprietà. I militari si sono recati nell’abitazione dell’indagato che alla vista dei carabinieri è andato in escandescenza e ha confermato fiero di aver soppresso e sepolto nella sua proprietà la sua springer spaniel femmina di 7anni lo scorso 31 gennaio dopo averla avvelenata con del topicida e che era pronto a riservare lo stesso trattamento al cane recuperato dal canile. Nel capanno per attrezzi i carabinieri hanno trovato il topicida letale ed hanno poi riscontrato che il 31 gennaio 2020 l’indagato si era recato da un veterinario del luogo per far assistere il suo cane che, a suo dire, aveva un dente rotto. Il veterinario, in quella circostanza, aveva invece scoperto subito, dai sintomi dell’animale, che gli era stato somministrato del veleno risultato poi fatale e determinante per una fine che lo stesso medico ha definito atroce



RAVENNA: Contrabbando di gasolio dall'Albania, sequestri e denunce | FOTO Cronaca

RAVENNA: Contrabbando di gasolio dall'Albania, sequestri e denunce | FOTO

Gli uomini della Guardia di Finanza di Ravenna hanno controllato cinque autocisterne appena giunte dall’Albania con un carico di gasolio per autotrazione destinato al mercato italiano. I funzionari doganali e i finanzieri hanno riscontrato che il gasolio, quantificato in oltre 163 mila litri e destinato a tre società italiane, era stato introdotto sul territorio nazionale in esenzione di IVA attraverso l’utilizzo di documenti fiscali falsi. Per queste ragioni le cinque autocisterne, unitamente all’ingente partita di prodotto petrolifero in esse trasportato, sono state sottoposte a sequestro ed i rappresentanti legali delle tre società importatrici sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Ravenna per i reati di contrabbando aggravato dalla presentazione di documentazione falsa e tentata truffa ai danni dello Stato.  




RAVENNA: Spaccata al negozio di parrucchiere, bottino da 20mila euro | VIDEO Cronaca

RAVENNA: Spaccata al negozio di parrucchiere, bottino da 20mila euro | VIDEO

Si aggira sui 20mila euro il bottino dei malviventi che nella notte tra martedì e mercoledì hanno forzato la porta d’ingresso ed hanno fatto razzia nel salone di parrucchieri “Alessandra e Barbara” di Massa Lombarda, nel Ravennate. I ladri hanno arraffato il fondo cassa di circa 500 euro prima di rubare forbici, piastre, phon e prodotti biologici di qualità, lasciando sugli scaffali e sui banchi di lavoro soltanto gli oggetti di minor valore. Mercoledì mattina le titolari hanno fatto l’amara scoperta ed hanno avvisato i carabinieri che hanno raccolto il materiale delle telecamere di sorveglianza della zona cercando di risalire all’identità degli autori del furto.  


BOLOGNA: Donna incinta arriva grave in ospedale e muore, indagini Cronaca

BOLOGNA: Donna incinta arriva grave in ospedale e muore, indagini

Sono in corso a Bologna le indagini sulla morte di una 24enne, incinta, portata in gravissime condizioni il 6 novembre all'ospedale Maggiore e deceduta poco dopo. La vicenda è ancora da chiarire, soprattutto le cause e il contesto della morte. A quanto si apprende la giovane, residente in città e di origine moldava, è stata trasferita d'urgenza al Maggiore. È stata un'ambulanza del 118 a portarla in ospedale, intorno alle 19.30, già quasi in arresto cardio-circolatorio. Per cause da chiarire, avrebbe subito una interruzione di gravidanza. Sul caso indagano gli agenti del Commissariato Santa Viola e gli investigatori della Squadra Mobile che hanno acquisito gli elementi per ricostruire le ultime ore della giovane.