Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

cesena


In evidenza

VOLLEY: Silvia Leonardi e Giada Benazzi sono pronte all'assalto del tricolore Sport

VOLLEY: Silvia Leonardi e Giada Benazzi sono pronte all'assalto del tricolore

Profumo di scudetto per Silvia Leonardi e Giada Benazzi. Le due beacher cesenati, che hanno come base logistica le strutture della Be Sport, del Sabbione Cesena e della Beach Volley University a Cesenatico, sono partite per Caorle (Venezia), dove, nel weekend alle porte, sono in programma le finali tricolori del Campionato italiano assoluto di beach volley. In palio, appunto, c’è lo scudetto 2019. Il bilancio di Leonardi-Benazzi è positivo, grazie ai piazzamenti nelle precedenti tappe, ovvero il 4° posto a Milano, il 5° posto a Cesenatico e il 3° posto a Cirò Marina (Crotone). La coppia allenata da Alessandro Lucchi ed Elia Baldisserri (con Alberto Perugini preparatore atletico e Marco Negri responsabile organizzativo), partirà come testa di serie n.4, e dunque ha nel mirino il podio. L’impegno successivo, che peraltro chiuderà la stagione, è con la Coppa Italia di Catania (30 agosto-1 settembre).


CALCIO: Cori e fumogeni a sostegno del Cesena a "Bianconeri in festa" | VIDEO Sport

CALCIO: Cori e fumogeni a sostegno del Cesena a "Bianconeri in festa" | VIDEO

Tra cori altisonanti e fumogeni rossi è stata un’accoglienza da Serie A per il Cesena di Francesco Modesto alla serata di apertura di “Bianconeri in festa”, il tradizionale evento dei gruppi organizzati del tifo che inaugura la stagione agonistica ogni anno. Dopo la visita all’ippodromo di martedì, a Case Castagnoli alle 20, dal pullman sono scesi tutti i giocatori con al comando del serpentone il presidente Corrado Augusto Patrignani. Dopo il caloroso benvenuto, la truppa bianconera ha cenato allo stand gastronomico e si è intrattenuta con i tifosi per foto e autografi. Oltre alla tradizionale lotteria e giochi per bambini non è mancata nemmeno la musica dal vivo per una kermesse che terminerà sabato sera, vigilia dell’esordio in Serie C in casa del Carpi. E proprio questo è l’evento di punta con 466 biglietti venduti in due giorni di prevendita, con una campagna abbonamenti salita a quota 6309 che ha come obiettivo quello di superare il dato dello scorso anno.



RIMINI: Crisi, Moavero al Meeting, "ci sono tante possibilità, anche riedizione" | VIDEO Politica

RIMINI: Crisi, Moavero al Meeting, "ci sono tante possibilità, anche riedizione" | VIDEO

"Io credo che adesso si è aperto con le dimissioni un percorso che credo che conosciamo tutti in base alla nostra Costituzione, ci sono le consultazioni da parte del Capo dello Stato e dobbiamo tutti doverosamente aspettare l'evoluzione della situazione reale piuttosto che fare grandi congetture, anche se capisco siano appassionanti. I tempi rapidi ci permetteranno di avere delle risposte". Lo dice Enzo Moavero Milanesi al Meeting di Rimini parlando con i giornalisti. A chi chiedeva se lo scenario del voto fosse il più plausibile in assenza di una riedizione di un esecutivo gialloverde, il ministro ha detto che"indubbiamente questa resta una delle possibilità, c'è la possibilità forse di una riedizione, c'è la possibilità di diverse maggioranze parlamentari, l'ambito della discrezione delle forze politiche in Parlamento è ampio, la direzione del Capo dello stato ci incute soltanto fiducia e quindi dobbiamo spettare di vedere l'evoluzione reale".  "Per quanto riguarda  la scelta del commissario (Ue, ndr) - prosegue il ministro degli Esteri Moavero al Meeting di Rimini- noi sappiano che esiste questa data di riferimento che è stata fissata dalla presidente von der Leyen per il 26 di agosto, non è un termine perentorio, naturalmente è quello che permette alla presidente di completare la compagine nell'interesse di tutti gli stati membri per poi dare inizio alle varie audizioni parlamentari. Sarà necessario anche per l'Italia procedere attorno a quella data". A chiedeva se Giuseppe Conte fosse un buon nome per la Commissione, Moavero risposto "ci sono tanti nomi buoni per questo incarico". "Io credo che nel corso e sopratutto alla fine delle esperienze di governo, come di molte esperienze di vita, le autocritiche sono sempre doverose, io mi attengo in generale a questa prassi". Prosegue così il ministro degli Esteri Moavero Milanesi parlando con la stampa al Meeting di Rimini. "Non si può immaginare o illudersi di indovinarle tutte. Per quanto riguarda le fini di governo come fine di cicli, raramente sono rose e fiori, naturalmente possono essere più o meno ispide. Questa fine di governo si presenta coma una sorta anche di delusione collettiva anche di chi ne ha fatto parte, delle forze politiche che l'hanno sostenuto. Ma nessuno ha rinnegato il lavoro che si è svolto insieme né penso che debba essere rinnegato sopratutto dai protagonisti. E' un lavoro che in ogni modo è stato svolto nell'interesse del Paese, almeno questo è stato l'intento". "Il governo 'Ursula'? Ho visto poi che erano state identificate varie 'ursule' nella cosmologia possibile oltre alla signora von der Leyen", ha aggiunto il ministro Movero Milanesi al Meeting. "E' una eventualità, ovviamente presuppone l'adesione di forze politiche che ieri nel dibattito parlamentare non sembravano dalla stessa parte".



Notizie recenti