Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

cronaca


BOLOGNA: Suv si schianta contro un camion, muore bimbo di 7 anni Cronaca

BOLOGNA: Suv si schianta contro un camion, muore bimbo di 7 anni

Un bambino di 7 anni ha perso la vita in un incidente stradale a Pontecchio di Sasso Marconi, nel Bolognese. Il suv guidato dal padre, un 37enne, si è schiantato contro un camion che stava tagliando l’erba su un lato della carreggiata. Secondo le prime ricostruzioni, sembra che il mezzo fosse segnalato ma l’uomo non sia comunque riuscito a evitarlo, finendo poi contro il guard rail. Il 37enne è stato trasportato all’ospedale Maggiore di Bologna in condizioni di media gravità, mentre per il bimbo non c’è stato nulla da fare. Sul posto anche la polizia municipale che ha temporaneamente chiuso il tratto di strada.


RAVENNA: Deceduta anche la compagna del centauro morto a Savio Cronaca

RAVENNA: Deceduta anche la compagna del centauro morto a Savio

Non ce l'ha fatta e il suo cuore ha cessato di battere a cinque giorni di distanza dall'incidente stradale che era costato la vita al suo compagno. La 50enne Elisa Castellari è deceduta venerdì pomeriggio nel reparto di Rianimazione dell’ospedale Bufalini di Cesena a causa delle ferite riportate nello scontro tra la moto guidata da Tiziano Seganti, morto sul colpo, e una vettura sull'Adriatica a Savio, nel Ravennate. Le condizioni della donna erano apparse subito gravissime e per questo era stata trasportata al nosocomio cesenate dove era stata sottoposta ad un disperato intervento chirurgico. La vittima viveva a Imola insieme al compagno e al figlio.    


RIMINI: Malindi e Nikka, sospensione della licenza per motivi di ordine pubblico Cronaca

RIMINI: Malindi e Nikka, sospensione della licenza per motivi di ordine pubblico

Due locali chiusi dalla Polizia per ordine pubblico nel riminese. La Questura di Rimini ha notificato venerdì sera ai titolari dei due locali notturni, il 'Malindi' di Cattolica e il 'Nikka' di Riccione, un periodo di sospensione della licenza, rispettivamente, di 20 e 15 giorni. Il provvedimento del Questore, deciso in base al Tulps, è stato emesso su richiesta dei Carabinieri che ultimamente sono dovuti intervenire presso i due esercizi pubblici. Al 'Malindi', la notte del 6 giugno - in uno scontro tra un gruppo di giovani italiani e moldavi - un 19enne era finito in ospedale. Solo tre sere dopo, due pattuglie dei carabinieri erano intervenute per una rissa. Per il 'Nikka', quella di venerdì sera è la terza sospensione. L'aggressione, mercoledì scorso, di un ragazzo di 28 anni che ha riportato la rottura della mascella si aggiunge alle diverse risse che hanno riguardato il locale.


CESENA: Truffe e raggiri agli anziani, i Carabinieri: “non fidarsi di nessuno” | VIDEO Cronaca

CESENA: Truffe e raggiri agli anziani, i Carabinieri: “non fidarsi di nessuno” | VIDEO

Un incontro dedicato agli anziani, soprattutto per dare loro gli strumenti per difendersi da raggiri e truffe. A Cesena un incontro alla presensa del Comandante dei Carabinieri, sociologi e rappresenti dell'associazione 50&più che hanno spiegato tutte le modalità usate dai truffatori per entrare e rubare all'interno delle abitazioni. Il monito è sempre lo stesso: non fidarsi e non aprire e prima di consegnare die soldi, chiamare il 112. 


CESENATICO: Omicidio Benini, la nipote condannata a 24 anni di carcere Cronaca

CESENATICO: Omicidio Benini, la nipote condannata a 24 anni di carcere

Il tribunale di Forlì ha riconosciuto colpevole Paola Benini dell'omicidio dello zio Alfredo Benini, 87 anni, ipovedente, aggredito brutalmente il 15 ottobre 2017 nella sua abitazione in centro a Cesenatico e poi morto il 13 maggio 2018 in ospedale non essendosi più ripreso. La donna, che si è sempre professata innocente ed era l'unica imputata, è stata condannata a 24 anni di reclusione, il pm Sara Posa ne aveva chiesti 25. L'uomo fu picchiato con ferocia alla testa, secondo i giudici Paola Benini, 57 anni, prima lo aggredì a mani nude poi con un corpo contundente mentre questi era già riverso a terra gravemente ferito e in una pozza di sangue. Alla base del gesto ci sarebbero stati motivi economici.


Notizie recenti