Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
cronaca

BOLOGNA: Morte Michele Merlo, conclusa indagine interna | VIDEO

  • Di:
  • 280 visualizzazioni

Si è conclusa l’indagine interna dell’Ausl di Bologna sulla vicenda di Michele Merlo, un audit in cui sono stati ricostruiti i momenti che hanno portato alla morte del cantante 28enne. “Sono state riscontrate alcune criticità sotto il profilo organizzativo rispetto all’Ospedale di Vergato, ma non di particolare gravità  - recita la relazione, che conferma invece, “in tutti i momenti, l’adeguatezza dei processi clinici e assistenziali”

 

“Alcune criticità sotto il profilo organizzativo rispetto all’Ospedale di Vergato, ma non di particolare gravità”: è ciò che evidenzia l’audit con cui, come annunciato, l’Ausl di Bologna ha ricostruito i diversi momenti della vicenda definita “dolorosa” che ha portato alla morte di Michele Merlo. Un’indagine svolta sulla base dei documenti disponibili e delle testimonianze dei professionisti coinvolti, che conferma invece, “in tutti i momenti, l’adeguatezza dei processi clinici e assistenziali”. L’Azienda Usl ricostruisce innanzitutto  quel che è successo mercoledì 2 giugno, quando nel primo pomeriggio, il cantante 28enne si è presentato autonomamente al Pronto Soccorso di Vergato: l’infermiera gli ha controllato la temperatura come previsto dalle norme antiCovid, ed è risultata regolare. Merlo ha chiesto quando tempo c’era da attendere e lei ha precisato che non era in grado di stimarlo, essendoci alcuni pazienti in carico, ma lo ha anche informato della presenza, nella stessa sede, del Medico di Continuità Assistenziale, l’ex Guardia Medica, a cui il ragazzo si è quindi rivolto. Alle 15.50 il paziente è stato visitato: è stato riscontrato un quadro patologico dell’apparato faringeo, per cui il medico ha prescritto - spiega l’Ausl - un farmaco antibiotico. Alle 21.52 di giovedì 3 giugno, invece, la Centrale Operativa 118 ha ricevuto la chiamata di soccorso. Automedica e ambulanza sono arrivate alle 22.09 per soccorrere Michele. Le manovre di stabilizzazione delle condizioni vitali sono state immediate e condotte correttamente - prosegue la relazione – nonostante la drammaticità delle sue condizioni. Alle 22.40 l’ambulanza, con il medico a bordo, è ripartita con codice di massima gravità verso il Pronto Soccorso dell’Ospedale Maggiore, dove è arrivata alle 23.22. Merlo è stato ricoverato in rianimazione: i riscontri diagnostici e clinici evidenziavano una grave emorragia cerebrale spontanea e la necessità di un intervento neurochirurgico urgente eseguito alle 2.22 del 4 giugno e concluso alle 4.03. Purtroppo però il decorso post operatorio - conclude la nota - si presentava critico con rapido peggioramento progressivo del quadro clinico sino al decesso, sopravvenuto il 6 giugno alle 21.45. Adesso la parola passa alla Procura di Bologna, che martedì ha aperto un fascicolo contro ignoti per omicidio colposo: “Anche questa documentazione – precisa infatti l’Ausl - è a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, nello spirito consolidato di piena e totale collaborazione”.