Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
cronaca

BUDRIO: Il barista Davide Fabbri freddato da pochi centimetri | VIDEO

  • Di:
  • 2078 visualizzazioni

Norbert Feher, il presunto killer serbo ancora latitante, da tutti conosciuto come Igor, era vicinissimo alla sua vittima, Davide Fabbri, freddato nella serata del 1° aprile con un colpo di pistola nel suo bar di Budrio di Bologna. Il colpo è partito a bruciapelo o da una distanza massima di 25 centimetri. Il proiettile è entrato nella parte sinistra del torace di Fabbri con una inclinazione molto marcata, dall'alto verso il basso, da sinistra a destra, per uscire dalla schiena dopo aver dilaniato alcune arterie vitali. Lo scrive Paolo Fais, il medico legale che ha firmato la consulemnza medico legale di 52 pagine disposta nell'ambito dell'inchiesta del pubblico ministero Marco Forte. Verri riuscì a disarmare l'assalitore, entrato nel bar imbracciando un fucile, ma una volta trascinato in uno stanzino del locale, non ha potuto far nulla dopo il colpo di pistola che lo ha trapassato.

Probabilmente l'assassino si trovava di fronte a Fabbri, forse uno di loro era in piedi, mentre l'altro era più in basso, forse in ginocchio, ma le dinamiche sono tutte da accertare. La consulenza medico legale è un altro tassello che va ad arricchire il fascicolo a carico di Feher, accusato anche dell'omicidio della guardia ecologica volontaria Valerio Verri, sempre in aprile, a pochi giorni dopo al primo fatto di sangue. A Feher viene attribuito anche l'omicidio del metronotte Salvatore Chianese, ucciso a sangue freddo il 30 dicembre 2015 tra Savio e Fosso Ghiaia, nel ravennate.